NASA InSight ha un nuovo problema che blocca la missione

NASA InSight ha un nuovo problema che blocca la missione

NASA InSight ha un nuovo problema alla sonda "The Mole". Lo strumento che dovrebbe scavare nel suolo marziano per trovare il calore residuo del Pianeta Rosso è fuoriuscita improvvisamente dal terreno e non si sa perché.

di pubblicata il , alle 16:41 nel canale Scienza e tecnologia
NASA
 

Non è la prima volta che NASA InSight ha problemi sul suolo di Marte. L'ultima volta successe a Marzo di quest'anno quando un sasso bloccò la sonda e ci volle diverso tempo prima di tornare all'operatività. Anche questa volta ci si trova di fronte a un nuovo enigma che riguarda il suolo marziano.

The Mole NASA InSight

Secondo quanto rilevato dalle immagini, lo strumento (chiamato "The Mole", la talpa) di NASA InSight che dovrebbe arrivare fino a diversi centimetri nel sottosuolo di Marte è fuoriuscito per buona parte della sua lunghezza per un motivo ancora ignoto.

Il problema è sorto nonostante il braccio robotico di NASA InSight fosse stato posizionato proprio sopra la sonda per cercare di aumentare l'attrito e quindi scavare in profondità nel suolo di Marte. Le cause sono ancora al vaglio degli esperti del team internazionale. Per il momento solo lo strumento (SEIS o Seismic Experiment for Interior Structure) per misurare l'attività sismica del Pianeta Rosso sta attivamente raccogliendo informazioni.

Troy Hudson (ingegnere del JPL a capo del team di recupero della sonda) ha dichiarato "la talpa ha ancora molta strada da fare, ma siamo tutti entusiasti di vederla scavare di nuovo. Quando abbiamo riscontrato questo problema per la prima volta, è stato un duro colpo. Ma ho pensato - forse c'è una possibilità; continuiamo a insistere -. E adesso mi sento in preda alle vertigini".

NASA InSight

Il team di NASA InSight sta valutando i dati e cercherà una soluzione e questo nuovo problema. Si dovrebbe valutare una nuova posizione dove scavare (sarebbe la terza prova) e capire cosa possa celarsi nel sottosuolo che rende così complicato l'utilizzo di "The Mole".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
xxxyyy31 Ottobre 2019, 18:05 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: https://www.hwupgrade.it/news/scien...ione_85252.html

NASA InSight ha un nuovo problema alla sonda "The Mole". Lo strumento che dovrebbe scavare nel suolo marziano per trovare il calore residuo del Pianeta Rosso è fuoriuscita improvvisamente dal terreno e non si sa perché.

Click sul link per visualizzare la notizia.


È una banalissima procedura semiautomatica elaborata dalla AI, detta JoQ, "jump of the quail".
ethan8601 Novembre 2019, 18:59 #2
La risposta al quesito è facile: sono stati i marziani a togliere lo strumento dal terreno.
Eress01 Novembre 2019, 21:26 #3
Originariamente inviato da: ethan86
La risposta al quesito è facile: sono stati i marziani a togliere lo strumento dal terreno.

Più probabile siano stati dei talponi marziani, bestie piuttosto irascibili
gorge02 Novembre 2019, 08:11 #4
Non capisco una cosa di queste missioni interplanetarie, che si tratti di una scoperta sensazionale o meno. Cioè, queste missioni portano un arricchimento a noi che siamo sulla Terra, portano qualche miglioria alla nostra vita tale da richiedere spese di miliardi di dollari/milioni di euro?
Opteranium02 Novembre 2019, 08:18 #5
Originariamente inviato da: gorge
queste missioni portano un arricchimento a noi che siamo sulla Terra, portano qualche miglioria alla nostra vita tale da richiedere spese di miliardi di dollari/milioni di euro?

Una a caso
https://www.focus.it/tecnologia/inn...=42371#img42371
gorge02 Novembre 2019, 08:33 #6
Non metto in dubbio la terapia, ma la necessità di andare a far "scoperte" su altri pianeti.
biometallo02 Novembre 2019, 10:44 #7
Originariamente inviato da: gorge
Non capisco una cosa di queste missioni interplanetarie, che si tratti di una scoperta sensazionale o meno. Cioè, queste missioni portano un arricchimento a noi che siamo sulla Terra, portano qualche miglioria alla nostra vita tale da richiedere spese di miliardi di dollari/milioni di euro?


"fatti non foste a viver come bruti,
ma per seguir virtute e canoscenza"


La ricerca scientifica ci aiuta a comprende la realtà in cui viviamo, in particolare studiare altri pianeti del sistema solare ci permette non solo di comprenderne meglio la struttura ma anche la loro formazione oltre che di tutto il sistema solare e quindi di comprendere meglio anche tutti gli altri sistemi solari sparsi nel nostro universo, ma tralasciando la ricerca scientifica pura si sa da tempo che queste missioni servono letteralmente a sondare il terreno in vista della futura colonizzazione del pianeta rosso.

Mi pare di capire che consideri la ricerca scientifica uno spreco di risorse, punti di vista, io credo invece che se un decimo di quello che abbiamo speso in armamenti fosse stato dirottato nella ricerca scientifica avremmo molti meno problemi sulla terra e chissà, forse avremmo già altre case nel sistema solare...
gorge02 Novembre 2019, 16:20 #8
Hai inteso male, ciò che sostengo è che sarebbe meglio investire tutti quei soldi sulla ricerca scientifica medica e in altri settori, ma [U]rimanendo sulla Terra[/U].

La realtà che viviamo rappresenta il bello e il brutto di tutto quello che vediamo, quello che coinvolge le nostre vite, giorno per giorno. La comprensione del sistema solare o dei vari sistemi solari, è un argomento molto interessante, può esaltarci sotto certi aspetti dato che ci sono tante di quelle variabili che sono tutt'ora ignote e o di cui gli scienziati ne sono a conoscenza ma stanno ancora cercando di comprenderle.

Va bene studiare il nostro sistema solare o oltre, ma prima di questo si deve pensare, anzi, dobbiamo pensare a come risolvere determinate questioni terrestri, rimanendo qui, sulla terra perchè sono queste determinate questioni ad aver la precedenza.

Dalla ricerca importante per le malattie, al reinboschimento di aree in cui il verde è quasi del tutto scomparso, al combattere la fame e tutte quelle situazioni che impediscono ad un individuo di condurre una vita serena.

Quando leggo queste notizie, lo faccio con interesse, ma alla fine cosa porta di buono a chi è sulla terra in termini di tempi non brevi, ma neanche di secoli?

No, non sono contro la ricerca, ma vorrei tanto che le stesse somme venissero investite in qualcosa che è qui, su questo pianeta e non per un pianeta/i distante migliaia o milioni di anni luce.
marcram02 Novembre 2019, 17:19 #9
Originariamente inviato da: gorge
Dalla ricerca importante per le malattie, al reinboschimento di aree in cui il verde è quasi del tutto scomparso, al combattere la fame e tutte quelle situazioni che impediscono ad un individuo di condurre una vita serena.


Quando si studia come andare su Marte, si fanno ricerche su come prevenire o combattere malattie in ambienti ostili, a come piantare vegetazione in un posto completamente sterile, a come nutrire i viaggiatori durante il viaggio e nella permanenza sul pianeta inospitale.
In pratica, si fa ricerca su come risolvere gli stessi problemi da te elencati, che abbiamo sulla Terra, ma in situazioni peggiori. Ogni soluzione che possa portare un minimo beneficio su Marte, porterà un enorme beneficio sulla Terra.
Quindi, dov'è che questi sarebbero soldi sprecati?

Allora non sono forse più sprecati i soldi che vengono spesi in guerre, in videogiochi, divertimenti, al bar, alle lotterie, in viaggi e vacanze di qua e di là? E sono molti, molti, molti di più...
gorge02 Novembre 2019, 18:55 #10
Certo che sono degli sprechi quelli che hai elencato e tanti altri ce ne sono, su questo non c'è dubbio. Il prevenire e combattere malattie in ambienti ostili è utile anzi vitale, però ci sono differenze tra probabili malattie che potrebbero svilupparsi fuori dalla nostra atmosfera e quelle che già ci sono in essa. Non ci sono cure per diverse malattie "[U]terrestri[/U]" e qui ci si preoccupa di quelle possibili su altri pianeti.

Fin che si vive su questo pianeta ci si deve concentrare sul trovare una cura alle persone e agli animali [U]che ci sono ora sulla Terra[/U] e non su quello che ci sarà, forse fra qualche secolo su marte o altrove.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^