Boeing CST-100 Starliner: un successo solo a metà!

Boeing CST-100 Starliner: un successo solo a metà!

Boeing CST-100 Starliner è la nuova capsula per il trasporto di equipaggi (astronauti) verso la ISS! Un problema nella prima parte della missione ha portato al mancato aggancio alla ISS, ma l'atterraggio invece è stato un successo.

di pubblicata il , alle 11:21 nel canale Scienza e tecnologia
NASABoeing
 

Nonostante i successi di SpaceX (con qualche inghippo) e di altre missioni spaziali, bisogna ricordare che tutto ciò che ha a che fare con lo Spazio è estremamente complesso e delicato. A questo servono i test. Il test Boeing CST-100 Starliner non è andato come previsto, ma è stato un insuccesso?

Boeing CST 100

Boeing CST-100 Starliner: cosa è andato storto?

Sicuramente non tutto è andato come sarebbe dovuto andare. Infatti la capsula (che dovrebbe trasportare gli astronauti) Boeing CST-100 Starliner non ha raggiunto la ISS. Il problema è legato all'orologio di bordo che consente ai computer di sapere il "tempo della missione". Le informazioni ricevute dal razzo alla capsula non erano corrette non facendo accendere i propulsori quando sarebbe stato necessario.

Ma non solo! La sfortuna ha voluto che nonostante la NASA abbia provato a correggere il problema, Boeing CST-100 Starliner si trovava in una zona dove non c'era segnale. Quest'ultimo è arrivato solamente dopo circa 7 minuti facendo poi bruciare troppo carburante per poter raggiungere la ISS.

Questo ha portato un cambiamento nella strategia operativa. Niente più ISS ma quantomeno mantenimento di un'orbita stabile e successivo atterraggio. Quest'ultimo è avvenuto correttamente nel deserto di White Sands in New Mexico, con i paracadute che si sono dispiegati correttamente così come il sistema di assorbimento dell'urto finale.

nasa boeing

La NASA ha comunque tenuto a precisare che non tutto è andato male! Infatti sono stati raggiunti diversi obiettivi della missione:

  • Primo razzo Atlas V della United Launch Alliance (ULA) con possibilità di trasporto astronauti
  • Verificati i propulsori della capsula Boeing
  • Comunicazioni corrette Spazio-Spazio
  • Corretto allineamento della capsula tramite sistema di navigazione
  • Testato il sistema di docking
  • Convalidati i sistemi di controllo ambientale e di supporto vitale
  • Completato uplink tra ISS e Starliner

Certo, un completo successo avrebbe permesso alla NASA di essere più sicura sul suo futuro per l'invio di esseri umani sulla ISS. Infatti ora e ancora per un po' di tempo sarà necessario pagare molti milioni di dollari ai russi per questa possibilità. Si tratta di qualcosa che l'agenzia e il governo statunitense però vorrebbero evitare.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Marko_00123 Dicembre 2019, 12:14 #1
si, i russi hanno dato, generosamente e a tariffe di mercato statunitense,
2 posti per la MKS (ISS), 1 su Soyuz MS-17 e 1 su Soyuz MS-18
i compagni americani li avrebbero forse voluti gratis?
intanto continuano ad acquistare gli RD-180 (ad ora ne hanno già acquistati 119)
magari aspettando gli RD-171MV (che consentirà il lancio in orbita
di 20-30 tonnellate di carico utile - previsto per la fine 2021).
le serie tv (tipo all usa mankind) fanno male
marcram23 Dicembre 2019, 12:17 #2
Il problema non è cosa è andato bene, ma cosa è andato storto. E come la Nasa gestisce il rapporto con Boeing.
Oltre a tutto il discorso sul regime di favoreggiamento concesso anticoncorrenzialmente alla Boeing (che finirà poi in un costo-per-sedile maggiore di quello per la Soyuz, altro che risparmio...), abbiamo la fase dei test, con concessioni e "chiusure di occhi" che ai concorrenti non verrebbero minimamente permessi.
Per arrivare quindi al momento del lancio, con un problema di sincronizzazione, un problema software che avrebbero potuto e dovuto testare tramite simulatore, e non si sarebbe proprio dovuto presentare durante questo test "reale".
La fanno passare per un'inezia, e invece è una mancanza grave. E il tutto si concluderà, probabilmente, con un "il test è stato un successo, l'attracco alla ISS non era vincolante..."

Considerando questo, e le recenti disavventure di Boeing, io avrei sinceramente paura se fossi uno dei suoi astronauti-collaudatori...
RaZoR9323 Dicembre 2019, 12:34 #3
Originariamente inviato da: Marko_001
si, i russi hanno dato, generosamente e a tariffe di mercato statunitense,
2 posti per la MKS (ISS), 1 su Soyuz MS-17 e 1 su Soyuz MS-18
i compagni americani li avrebbero forse voluti gratis?
intanto continuano ad acquistare gli RD-180 (ad ora ne hanno già acquistati 119)
magari aspettando gli RD-171MV (che consentirà il lancio in orbita
di 20-30 tonnellate di carico utile - previsto per la fine 2021).
le serie tv (tipo all usa mankind) fanno male
L'unico vettore ad usare RD180 e motori russi in generale è Atlas V, il cui sostituto (Vulcan) sarà pronto entro 2 anni.
Vulcan userà i BE-4 di Blue Origins.
L'uso di hardware russo è ormai un capitolo chiuso.

Tutti i vettori di nuova generazione in sviluppo negli USA superano abbondantemente le 20 tonnellate di payload per l'orbita bassa.
LMCH23 Dicembre 2019, 13:45 #4
Come fanno ad affermare di aver "testato il sistema di docking" se non si sono agganciati e manco avvicinati alla ISS?!?
Al massimo un "test a vuoto" in orbita, se proprio si vuol essere di manica larga.

Senza contare che il problema che hanno avuto riguarda uno dei componenti hardware/software più critici
Cfranco23 Dicembre 2019, 16:38 #5
Tra 30 anni a portare avanti un progetto fallimentare come lo shuttle e tagli sempre più onerosi la NASA ormai è in braghe di tela
Sandro kensan23 Dicembre 2019, 18:58 #6
In effetti in giro ci sono troppi film americani e troppi giornalisti che parlano della NASA. La realtà è invece sotto al tappeto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^