Presentata la nuova licenza GPL

Presentata la nuova licenza GPL

La Free Software Foundation ha recentemente divulgato la nuova licenza GPL giunta ormai alla terza release

di pubblicata il , alle 13:47 nel canale Programmi
 

Dopo ben sedici anni la licenza GPL è stata rivista e, attraverso un iter dorato diciotto mesi, è stata recentemente presentata una terza release. Lo scorso 29 giugno in occasione di un apposito evento organizzato a Boston Richard Stallman ha fatto l'importante annuncio.

La Free Software Foundation nel redarre e discutere la terza versione della ben nota licenza GPL ha dovuto gestire non poche tensioni interne e contradditori di varia natura ma, pare evidente, i principi di base sono ancor ben radicati e continua ad essere difesi. In estrema sintesi ricordiamo che uno dei concetti fondamentali della GPL prevede la possibilità, rispettando specifiche modalità, di utilizzare, modificare e ridistribuire software creato da terze parti e protetto con questo particolare tipo di licenza

Quello delle licenze software opensource è un ambito decisamente problematico: il rischio di incorrere in situazioni difficilmente gestibili e potenzialmente pericolose è molto alto. Alcune voci autorevoli da tempo chiedevano nuovi strumenti, più adatti a fronteggiare le recenti esigenze e, ancor più, più semplici e lineari.

La nuova versione della GPL intende offrire nuovi e validi strumenti agli sviluppatori che cercheranno di proteggere i propri lavori con tale tipo di licenza. La FSF dovrà ora lavorare per divulgare il proprio lavoro, facendone emergere le novità, le nuove opportunità e le differenze rispetto alla GPL v.2.

Come riporta Arstechnica.com, nei mesi scorsi le prime bozze della nuova GPL avevano sollevato alcune autorevoli critiche: lo stesso Linus Torvalds in una prima fase aveva espresso il proprio disappunto anche se in epoca più recente ha rivisto la propria posizione. Anche Novell non può dirsi contenta della nuova GPL: la FSF, non avendo gradito gli accordi siglati da Novell con Microsoft, ha praticamente dichiarato la volontà di mettere in difficoltà la società stessa.

Il gruppo di sviluppo del progetto Samba ha invece manifestato il proprio ottimismo mentre Jonathan Schwartz, CEO Sun, al momento non ha voluto rilasciare dichiarazioni in merito conservando la sua neutralità ai fatti.

Tralasciando i dettagli specifici o le differenti correnti di pensiero - a volte legate anche a interessi economici - è importante sottolineare gli scopi che si prefigge la FSF con il nuovo documento: continuare a perseguire i ben noti ideali di libertà propri della storia e della community opensource.

Per chi volesse approfondire l'argomento il sito della FSF offre una ricca documentazione e, ovviamente, mette a disposizione anche il testo della nuova GPL.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

25 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ukronia02 Luglio 2007, 13:56 #1
Scusate...... ma com'è l'iter "dorato" ?

W la GPL del Capitan Findus
PLASMA02 Luglio 2007, 13:59 #2
"Dopo ben sedici anni la licenza GPL è stata rivista e, attraverso un iter dorato diciotto mesi,"

Hanno fritto l'iter per 18 mesi? e non si è bruciato?
nuclearstrenght02 Luglio 2007, 14:24 #3
sono proprio curioso di vedere cosa farà la SUN con il suo Solaris kernel e come risponderanno IBM & co.

mo' mi leggo il mammozzo e spero di capirci qualcosa
Barra02 Luglio 2007, 14:25 #4
18 è il tempo che passa tra 1 cambio e l'altro d'olio da mcdonald! Quindi non preoccupatevi tutto nella norma!

Scherzi a parte adesso come si evolverà il mondo del nostro carissimo linux? Possibile che in una comunita x quanto vasta ed eterogenea non si riesca mai ad arrivare a 1 punto d'incontro?

Non so che dire..... dovrebbero pensare alla qualità e ad arrivare ad eguagliare le banalità fatte da windows. Vi scrivo dalla mia bellissima Ubuntu 7.04. Possibile che con Compyz-fusion e tutti i suoi meravigliosi plugin ho un desktop 1000 volte + bello di quello di vista e poi se voglio vedermi TUTTI i filmati che prima vedevo con 1 unico programma (windows media player classic o bsplayer a seconda dei momenti) qui devo tenermi installato TOTEM, VLC, SONGBIRD e MPLAYER? Possibile che ancora non si riesca ad avere uno standard x le installazioni delle app? Io ADORO apt ma se devo installare un software non disponibile nei repository è un bagno di sangue tutte le volte.

Il bello di linux è l'assoluta liberta nel fare tutto e il contrario di tutto. Però è anche il suo + grande limite..... Badassero un po + a lavorare sugli standard e - a litigare. Stallman è un genio, uno dei pochi "VIP" che vorrei conoscere (a parte Jessica Alba) ma è un estremista e come tutti gli estremisti non riescono ad esseere obiettivi spesso. IMHO mettersi contro linus torvard x questioni banali sull licenza è stato un errore. Con il tempo vedremo chi dei 2 la spunta!
Motosauro02 Luglio 2007, 14:32 #5
Originariamente inviato da: Barra
18 è il tempo che passa tra 1 cambio e l'altro d'olio da mcdonald! Quindi non preoccupatevi tutto nella norma!

Scherzi a parte adesso come si evolverà il mondo del nostro carissimo linux? Possibile che in una comunita x quanto vasta ed eterogenea non si riesca mai ad arrivare a 1 punto d'incontro?

Non so che dire..... dovrebbero pensare alla qualità e ad arrivare ad eguagliare le banalità fatte da windows. Vi scrivo dalla mia bellissima Ubuntu 7.04. Possibile che con Compyz-fusion e tutti i suoi meravigliosi plugin ho un desktop 1000 volte + bello di quello di vista e poi se voglio vedermi TUTTI i filmati che prima vedevo con 1 unico programma (windows media player classic o bsplayer a seconda dei momenti) qui devo tenermi installato TOTEM, VLC, SONGBIRD e MPLAYER? Possibile che ancora non si riesca ad avere uno standard x le installazioni delle app? Io ADORO apt ma se devo installare un software non disponibile nei repository è un bagno di sangue tutte le volte.

Il bello di linux è l'assoluta liberta nel fare tutto e il contrario di tutto. Però è anche il suo + grande limite..... Badassero un po + a lavorare sugli standard e - a litigare. Stallman è un genio, uno dei pochi "VIP" che vorrei conoscere (a parte Jessica Alba) ma è un estremista e come tutti gli estremisti non riescono ad esseere obiettivi spesso. IMHO mettersi contro linus torvard x questioni banali sull licenza è stato un errore. Con il tempo vedremo chi dei 2 la spunta!


Io faccio tutto con Mplayer
Nockmaar02 Luglio 2007, 14:33 #6
E chi vuoi che la spunta... Se non si danno una mossa a fare una qualcheccosa Foundation seria e con un minimo di lungimiranza, l' unica differenza da cui a 5 anni sarà il numero dei tree del kernel ( e di distro ).
moe011235802 Luglio 2007, 14:43 #7
+ software libero ora, - bubbole e cianfrusaglie copyright protected.

lista di cose da avere:

telefonino open: http://wiki.openmoko.org/wiki/Neo1973
automobile open: http://www.theoscarproject.org/

ometto un pc open source.. mi sembra di una tale ovvietà..
Pr|ckly02 Luglio 2007, 14:48 #8
Originariamente inviato da: moe0112358
+ software libero ora, - bubbole e cianfrusaglie copyright protected.

lista di cose da avere:

telefonino open: http://wiki.openmoko.org/wiki/Neo1973
automobile open: http://www.theoscarproject.org/

ometto un pc open source.. mi sembra di una tale ovvietà..



Le fighe open ci sono?
licarus02 Luglio 2007, 14:59 #9
su wikipedia è già disponibile un riassunto delle differenze tra la versione 2 e la 3, per chi fosse interessato
http://en.wikipedia.org/wiki/GNU_Ge...cense#Version_3
Motosauro02 Luglio 2007, 15:06 #10
Originariamente inviato da: Pr|ckly
Le fighe open ci sono?


Basta che guardi dove sono passato io

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^