I big della tecnologia sotto la lente della FTC: al vaglio tutte le acquisizioni degli ultimi 10 anni

I big della tecnologia sotto la lente della FTC: al vaglio tutte le acquisizioni degli ultimi 10 anni

La Federal Trade Commission andrà a riesumare tutte le operazioni di fusione e acquisizione condotte negli ultimi 10 anni da Alphabet, Amazon, Apple, Facebook e Microsoft per verificare possibili violazioni delle norme antitrust

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Mercato
AlphabetAmazonAppleMicrosoftFacebook
 

La lente d'ingrandimento delle indagini antitrust nei confronti dei big statunitensi della tecnologia si allarga sempre di più: ad aggiungersi alle indagini già portate avanti dal Dipartimento di Giustizia nei confronti di Alphabet, Amazon, Apple, Facebook e Microsoft arriva ora quella della Federal Trade Commission che ha annunciato l'emissione di un ordine speciale per raccogliere informazioni sulle operazioni di fusione e acquisizione che queste compagnie hanno condotto nel corso degli ultimi 10 anni.

La FTC ha chiarito che l'obiettivo di questa indagine è quello di meglio comprendere come queste società gestiscano le acquisizioni senza l'obiettivo di compere alcuna azione specifica. Nonostante ciò il presidente della FTC, Joe Simon, ha comunque precisato che la Commissione si muoverà di conseguenza nel caso in cui dovessero emergere elementi che richiedano un intervento diretto da parte delle autorità, comprese eventuali operazioni di "spezzatino" nei confronti di quelle realtà che dovessero essere ritenute occupare una posizione di "eccessivo vantaggio".

Lo scopo della FTC è in particolare quello di verificare se le operazioni di fusione e acquisizione condotte da Alphabet, Amazon, Apple, Facebook e Microsoft nella finestra temporale compresa tra l'1 gennaio 2010 e il 31 dicembre 2019 ricadano sotto la legge Hart-Scott-Rodino Antitrust Improvements Act del 1976, che richiede che la FTC e il Dipartimento di Giustizia sospendano ed esaminino quelle operazioni di ampia portata che potrebbero essere in violazione delle norme antitrust.

La soglia di innesco della HSR - che è basata su parametri come le vendite, gli asset, il valore azionario delle parti interessate - è cambiata dal 2009. Ma a prescindere da quale statuto fosse in vigore allora, sottolinea la FTC, alcuni di questi trade sono stati soggetti a varie esenzioni. La Federal Trade Commission vuole verificare che le operazioni di fusione ed acquisizione avvenute in questi ultimi 10 anni siano state correttamente comunicate alle agenzie federali antitrust quando stabilito dalla legge HSR. Un secondo obiettivo della FTC sarà quello di capire come queste piccole compagnie si siano comportate sul mercato una volta acquisite dai colossi della tecnologia.

Dal moemento che società del calibro di Alphabet, Amazon, Apple, Facebook e Microsoft inseguono un'ampia varietà di interessi, è in qualche modo difficile poter definire con esattezza chi possa essere un concorrente, e l'intenzione della FTC è iniziare a stabilire proprio questi elementi.

La FTC non ha rilasciato alcuna tabella di marcia per lo svolgimento e conclusione dell'indagine, ma secondo le dichiarazioni di Simon rilasciate nella conferenza stampa a margine dell'annuncio pare che le intenzioni siano di procedere a passo spedito.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
calabar15 Febbraio 2020, 11:45 #1
Beh la cosa ha senso.
Dopo svariati anni è più facile capire se si è trattato di acquisizioni atte ad eliminare un potenziale pericolo dovuto ad una concorrenza emergente o semplicemente all'acquisizione di know how per l'ingresso in altri mercati o il miglioramento della propria offerta per rimanere competitivi: le scelte fatte successivamente all'acquisizione possono dire molto.

Le politiche di acquisizione degli ultimi dieci anni paiono molto aggressive, quindi il sospetto è lecito. Se c'è un trend negativo per la concorrenza bisogno spezzarlo.
cdimauro15 Febbraio 2020, 12:11 #2
La cosa, invece, non ha assolutamente alcun senso dopo tutto questo tempo.

Le acquisizioni sono al vaglio delle autorità antitrust dei vari paesi del mondo, e soltanto dopo il loro OK vengono consolidate e diventano definitive.

Arrivare adesso, nuovamente, e dopo 10 anni è pura follia.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^