Cina: scatta il ban contro i dispositivi elettronici esteri

Cina: scatta il ban contro i dispositivi elettronici esteri

La contromossa in risposta alle azioni di blocco portate avanti dagli USA in questi mesi: entro il 2022 tutte le agenzie governative e gli enti pubblici dovranno sostituire i dispositivi esteri con tecnologia locale

di pubblicata il , alle 12:01 nel canale Mercato
 

Che il governo Cinese avrebbe attuato una contromossa verso i divieti del governo USA non è mai parsa una questione di "se" ma di "quando": Ecco che Pechino ha dato disposizione alle istituzioni governative e agli enti pubblici di liberarsi di dispositivi elettronici esteri a favore di tecnologia cinese.

Un piano, chiamato 3-5-2 tra gli addetti ai lavori, che prenderà tempo fino al 2022. Il nome, che ricorda più un modulo calcistico, descrive in realtà il passo con cui la sosituzione delle apparecchiature dovrebbe avvenire: 30%, 50% e 20% rispettivamente nel 2020, 2021 e 2022.

Non è la prima volta che la Cina fa pubblicamente capire che la tecnologia estera (in particolare quella Americana) non è gradita. Se fino ad ora si è trattato solamente di proclami, ora il governo di Pechino ha deciso di passare all'azione, anche per assumere una posizione più attiva nel più ampio scacchiere geopolitico. Nel caso specifico la Cina non è pioniera: nelle scorse settimane la Russia ha infatti emesso una legge secondo la quale sui dispositivi venduti nel Paese debbano essere installate applicazioni sviluppate localmente. Pechino però è impegnata anche a trovare strade per poter ottemperare alla China Internet Security Law del 2017, la cui norma portante è assicurarsi che tutte le tecnologie siano sicure e controllabili, con lo scopo di mantenere il più possibile i dati entro i confini locali.

Le realtà che verosimilmente saranno loro malgrado toccate da questa nuova disposizione sono Microsoft, Dell, HP e Apple. Resta tuttavia un po' ambiguo il concetto di "tecnologia cinese", in quanto la maggior parte dei dispositivi elettronici sono realizzati con componenti che provengono da varie parti del mondo. Un esempio calzante è quello di Lenovo: colosso cinese che però acquista processori dalla statunitense Intel e unità di storage dalla sudcoreana Samsung.

Secondo gli analisti vi sono dai 20 ai 30 milioni di dispositivi che dovranno essere sostituiti nel corso dei prossimi tre anni.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

29 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
aqua8410 Dicembre 2019, 12:16 #1
Ma si... cambiamo tutti i dispositivi... deve girare un po l economia
kamon10 Dicembre 2019, 12:19 #2
Speriamo la tecnologia sostituta si riversi in massa sul mercato dell'usato abbassando i prezzi :P.
Sputafuoco Bill10 Dicembre 2019, 12:21 #3
-riguarda solo la pubblica amministrazione, non il privato
-se usano già computer Lenovo, le aziende USA non avranno danni
-sostituire Intel, AMD e Nvidia non è credibile
-questa decisione non ha motivazioni tecniche ma politiche, al contrario di quella USA legata a motivi di sicurezza
Clase810 Dicembre 2019, 12:34 #4
Per le Cpu capisco che è complicato ma non credo impossibile.
Amd ha dato in licenza ad aziende cinesi i suoi brevetti per le cpu immagino che quelle potrebbero andare bene.
Per il discorso polito lo è anche il ban di huawei non ci sono prove che la loro tecnologia sia compromessa.
Mparlav10 Dicembre 2019, 12:36 #5
Dopo aver fatto fuori gli iPhone dalle forniture governative, mi sembra scontato un'intervento anche per le altre apparecchiature.

D'altro canto hanno già la loro cpu x86:
https://www.tomshardware.com/news/c...7400,39694.html

ed ovviamente s'interviene per motivi di sicurezza.
Mparlav10 Dicembre 2019, 12:40 #6
Originariamente inviato da: Clase8
Per le Cpu capisco che è complicato ma non credo impossibile.
Amd ha dato in licenza ad aziende cinesi i suoi brevetti per le cpu immagino che quelle potrebbero andare bene.
Per il discorso polito lo è anche il ban di huawei non ci sono prove che la loro tecnologia sia compromessa.


Infatti per Huawei non ci sono prove, mentre per una delle alternative sul mercato, Ericsson...
https://www.bloomberg.com/news/arti...s-bribery-probe
[?]10 Dicembre 2019, 12:42 #7
Da quello che so in Cina già gran parte della roba attualmente nelle aziende è loro, magari ci saranno le aziende "Fashion" con Apple, ma non credo vada a intaccare su larga scala.
pabloski10 Dicembre 2019, 12:43 #8
Originariamente inviato da: Sputafuoco Bill
-riguarda solo la pubblica amministrazione, non il privato


Per ora. I cinesi sono patriottici. Molto patriottici.

Originariamente inviato da: Sputafuoco Bill
-se usano già computer Lenovo, le aziende USA non avranno danni


Ti è sfuggita la parola software nel titolo. Il ban riguarderà hardware e software. Le aziende USA generano 150 miliardi l'anno di fatturato dalla Cina. Anche perderne un terzo, sarebbe un disastro.

Fermo restando che i cinesi sono come i bulldozer. Inizieranno dal software, poi i pc non Lenovo, poi le schede madri non cinesi, poi le memorie, gli ssd...infine i processori.

Per ora le uniche che possono dormire sonni relativamente tranquilli sono Intel e AMD.

Originariamente inviato da: Sputafuoco Bill
-sostituire Intel, AMD e Nvidia non è credibile


OpenPower, RISC-V, MIPS, ARM made in China

Sicuro che non sia credibile? I cinesi hanno già importato 3000 ingegneri hardware da Taiwan. Non credo per mandarli in vacanza gratis.

Originariamente inviato da: Sputafuoco Bill
-questa decisione non ha motivazioni tecniche ma politiche, al contrario di quella USA legata a motivi di sicurezza


Sei serio? Guarda che pure la Cina viene spiata dagli americani, per cui può addurre facilmente motivazioni di sicurezza.
nickname8810 Dicembre 2019, 13:04 #9
Originariamente inviato da: pabloski
Per ora. I cinesi sono patriottici. Molto patriottici.
Sono anche schiavi e succubi del proprio governo.

OpenPower, RISC-V, MIPS, ARM made in China

Sicuro che non sia credibile? I cinesi hanno già importato 3000 ingegneri hardware da Taiwan. Non credo per mandarli in vacanza gratis.
Se quelle architetture fossero competitive con gli x86 nel fornire potenza di calcolo in determinati scenari avrebbero già preso il sopravvento.
Lato privato invece non c'è paragone.
Alfhw10 Dicembre 2019, 13:52 #10
Se gli altri paesi smettono di comprare dispositivi cinesi e altri prodotti cinesi allora potrebbe essere la Cina a perderci di più considerando l'enorme export che hanno. Vedremo a chi converrà.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^