Qualcomm Snapdragon 820 da 3GHz: primi benchmark appaiono online

Qualcomm Snapdragon 820 da 3GHz: primi benchmark appaiono online

Snapdragon 820 potrebbe farci dimenticare il brutto esordio del fratello minore 810, con performance superiori e un calore prodotto sensibilmente inferiore grazie all'uso dei 14-nm

di pubblicata il , alle 16:59 nel canale Processori
QualcommSnapdragon
 

Con Snapdragon 810, Qualcomm ha temporaneamente abbandonato la sua architettura Krait per i dispositivi top di gamma. Gli americani si sono affidati alle configurazioni tipiche di ARM, con un processore octa-core a 64-bit che si è rivelato un mezzo flop. Incapace di fronteggiare in quanto a prestazioni l'Exynos 7420 di Samsung (anch'esso basato su CPU Cortex, ma a 14nm), Snapdragon 810 ha avuto anche seri problemi di surriscaldamento.

Qualcomm Snapdragon 820, primi benchmark

Ed è proprio per questo che ci si aspetta una nuova risposta da parte di Qualcomm nel settore. Snapdragon 820 dovrebbe essere realizzato sfruttando il processo produttivo di Samsung a 14nm, lo stesso di Exynos 7420, ma dovrebbe al tempo integrare un'architettura personalizzata per i singoli core. Qualcomm aveva preannunciato la novità durante il MWC a marzo, con il nuovo SoC che si baserà su core Kyro da 3,0GHz ciascuno.

Nuove informazioni sul processore sono trapelate durante il week-end. Snapdragon 820 (MSM8996) è infatti apparso all'interno di una finestra di Geekbench, che ne evidenzia il risultato del test prestazionale. Il SoC fa registrare 1732 punti in single-core e 4970 in multi-core, entrambi sensibilmente superiori rispetto a quanto possibile con Snapdragon 810. Il processore continua però a perdere nel confronto con Exynos 7420.

Come abbiamo visto nella nostra recensione di Galaxy S6 Edge, il SoC di Samsung riesce a superare agevolmente i 5000 punti nel test specifico, anche se in single-core il risultato è più basso rispetto ai 1732 punti del prossimo SoC Qualcomm. Il punteggio potrebbe comunque essere viziato dal fatto che Snapdragon 820 è ancora un lavoro in corso d'opera, con Qualcomm che si trova nelle le ultime fasi di ottimizzazione prima delle consegne dei primi batch ai produttori

Sony, HTC e Xiaomi hanno già pianificato il rilascio di dispositivi che adotteranno il nuovo SoC, come ad esempio il Mi5 previsto al debutto per il prossimo autunno. Le premesse per un ottimo SoC alla stregua di quanto offre la concorrenza ci sono tutte, con la speranza che Snapdragon 820 sia capace di farci dimenticare le cattive performance dell'810.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Marok29 Giugno 2015, 17:02 #1
OT E' il quarto giorno con l'articolo di iwatch in primo piano, non c'è veramente nulla di cui scrivere per un articolo in questa giornata?
Charliecance29 Giugno 2015, 18:40 #2

QualcoMM qualcosa...

... e fu così che la Samsung prese consapevolezza di poter fare tutto in casa e disse addio a Qualcomm e ai suoi fornelletti portatili.
Masami29 Giugno 2015, 19:30 #3
certo che Samsung con il 7420 ha fatto un capolavoro...
Marko#8829 Giugno 2015, 20:27 #4
Mi raccomando eh, sempre più potenti, è indispensabile.
s-y29 Giugno 2015, 21:00 #5
gia', la cosa ricorda altri hipe del passato; alcuni in ordine sparso: la corsa al megapixel delle fotocamere, al gigaherz delle cpu, ai like nei sn, e all'oro nel klondike

<evil grin>
Sflao29 Giugno 2015, 21:28 #6
più di 1700 in single core è davvero ottimo
Apocalysse29 Giugno 2015, 22:50 #7
Originariamente inviato da: Sflao
più di 1700 in single core è davvero ottimo


Fatti al banco di prova, sul campo sono inferiori questi dati ^^
Lithios30 Giugno 2015, 12:36 #8
Originariamente inviato da: Marko#88
Mi raccomando eh, sempre più potenti, è indispensabile.


La tecnologia è buono che vada avanti sempre e comunque, questo è ovvio....

Tuttavia concordo con te che effettivamente potrebbero concentrarsi più sulla riduzione di consumi a parità di potenza che sull'incremento di potenza a parità di consumi come stanno facendo.

Almeno fino a quando non immettono in commercio una nuova tecnologia per le batterie sensibilmente più efficiente dell'attuale.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^