Processori server a 8 core nel 2009 di AMD

Processori server a 8 core nel 2009 di AMD

Montreal è il nome in codice con il quale vengono indicate le cpu AMD per sistemi server attese dal 2009: memoria DDR3, HT 3.0 e versioni con 8 core

di pubblicata il , alle 09:14 nel canale Processori
AMD
 

In occasione del proprio Analyst Day 2007, tenutosi nella città di New York la scorsa settimana, AMD ha fornito varie informazioni su quelle che saranno le proprie future tecnologie che verranno presentate sul mercato, delineando anche sia le roadmap dei processori che la serie di piattaforme che saranno rese disponibili ai clienti.

Per la famiglia di processori Opteron, destinati all'utilizzo in sistemi server e workstation, AMD prevede due evoluzioni che verranno presentate nel corso dei prossimi due anni. Per il 2008 avremo le cpu note con il nome in codice di Shanghai, architetture quad core basate sul progetto Barcelona con varie evoluzioni architetturali, cache L3 incrementata a 6 Mbytes e tecnologia produttiva a 45 nanometri.

roadmap_server_amd_2009.gif (58834 bytes)

In seguito, presumibilmente attorno alla metà del 2009, AMD passerà alle soluzioni note con il nome in codice di Montreal; si tratta di un progetto sempre basato su tecnologia produttiva a 45 nanometri ma caratterizzato da cache L2 incrementate a 1 Mbyte per ciascun core contro i 512 Kbytes adottati per le cpu Barcelona e Shanghai. A seguire troveremo cache L3 incrementata da 6 a 12 Mbytes, a seconda delle versioni, con memory controller DDR3 sempre integrato nel processore e nuovi link Hypertransport 3.0.

Per questo tipo di processori AMD introdurrà un nuovo Socket, indicato con il nome di G3 e specificamente realizzato per l'abbinamento con memorie DDR3 e con i link Hypertransport 3.0. Per queste piattaforme la roadmap prevede l'utilizzo solo di chipset Intel, con nuovi modelli della famiglia AMD 800, soluzioni indicate con i nomi in codice di RD890S e RD870S abbinate al south bridge SB700S, che verranno presentati dal produttore: in questo modo AMD potrà vantare una proposta completa in termini di piattaforma anche nei segmenti server e workstation.

Per i processori Montreal di tipo octa core non è chiaro che tipo di architettura AMD utilizzerà; si presuppone che la strada più logica sia quella di un design MultiChip Package, quindi con due Die quad core montati sullo stesso package e collegati tra di loro utilizzando uno o più link Hypertransport. Del resto il fatto che il quantitativo di cache L3 possa psssare da 6 a 12 Mbytes a seconda delle versioni lascia intendere che AMD voglia proprio ricavare questi processori affiancando due die quad core, ciascuno con 6 Mbytes di cache L3.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nicola198517 Dicembre 2007, 09:26 #1
per la redazione:

Per questo tipo di processori AMD introdurrà un nuovo Socket, indicato con il nome di G3 e specificamente realizzato per l'abbinamento con memorie DDR3 e con i link Hypertransport 3.0. Per queste piattaforme la roadmap prevede l'utilizzo solo di chipset INTEL

forse AMD
ulk17 Dicembre 2007, 09:31 #2
Originariamente inviato da: nicola1985
per la redazione:

Per questo tipo di processori AMD introdurrà un nuovo Socket, indicato con il nome di G3 e specificamente realizzato per l'abbinamento con memorie DDR3 e con i link Hypertransport 3.0. Per queste piattaforme la roadmap prevede l'utilizzo solo di chipset INTEL

forse AMD


Beh forse nel 2009 pensano che Intel abbia già acquisito AMD.....
ThePunisher17 Dicembre 2007, 09:42 #3
LOOOOOOOOOOOL!
bionoir17 Dicembre 2007, 10:13 #4
Originariamente inviato da: ulk
Beh forse nel 2009 pensano che Intel abbia già acquisito AMD.....


vedrei piuttosto IBM
BrightSoul17 Dicembre 2007, 10:15 #5
mi sto chiedendo: sono davvero utili CPU ad 8 core in ambito server?
Poniamo un caso-tipo: uno potrebbe pensare che con un processore di quello hai sistemato definitivamente il server web, di posta e Active Directory del tuo ufficio su una sola macchina, ma una tale potenza elaborativa è necessaria? Forse conviene ancora buttarsi sul cluster classico, cioè 2 o più macchine con processori dual-core più economici con funzionalità di failover.

A meno che uno non lavori in una webfarm non vedo l'utilità di processori a 8 core. Dalla mia (piccola) esperienza, i colli di bottiglia sono sempre stati i dischi, non il processore.
shadowlord8817 Dicembre 2007, 10:16 #6
8 core sono abbastanza utili se lavori con macchine virtuali
Malon17 Dicembre 2007, 10:22 #7
"Per queste piattaforme la roadmap prevede l'utilizzo solo di chipset Intel, con nuovi modelli della famiglia AMD 800, soluzioni indicate con i nomi in codice di RD890S e RD870S abbinate al south bridge SB700S"

Mi sbaglio o al posto di "chipset intel" doveva esserci AMD?

Il quad core nativo permette di passare più facilmente al octa core.
Speriamo che abbassano il consumo del quad core prima di passare all'octa core. 90W+90W=180W, il che è davvero esagerato per un processore anche se da 8 core.
Io un quad core sopra i 65W non lo comprerei mai . Per un octa core mi sembrano ragionevoli i 120-130W.
Ratatosk17 Dicembre 2007, 10:33 #8
Originariamente inviato da: BrightSoul
mi sto chiedendo: sono davvero utili CPU ad 8 core in ambito server?
Poniamo un caso-tipo: uno potrebbe pensare che con un processore di quello hai sistemato definitivamente il server web, di posta e Active Directory del tuo ufficio su una sola macchina, ma una tale potenza elaborativa è necessaria? Forse conviene ancora buttarsi sul cluster classico, cioè 2 o più macchine con processori dual-core più economici con funzionalità di failover.

A meno che uno non lavori in una webfarm non vedo l'utilità di processori a 8 core. Dalla mia (piccola) esperienza, i colli di bottiglia sono sempre stati i dischi, non il processore.


Gli UltraSPARC T2 sono già octa-core.

Quando progetti un'infrastuttura virtuale, per esempio, il quad ti da maggiori possibilità del dual, anche se spesso il dual ti da più forza bruta a parità di costo. Con i MHz gestisci i picchi, con i core gestisci un'installato più ampio in termini di macchine virtuali.

In ambito database la struttura intrinsecamente multithreaded beneficia in modo consistente di processori multi-core.

Riguardo la ridondanza puoi clusterizzare ESX Server su due macchine + monitor e ottenere la stessa cosa che otterresti con uno spreco del 50% dell'hardware utilizzando macchine virtuali con uno spreco molto inferiore.

Quindi sì, in ambito server il multi-core è utilissimo, questi erano solo esempi, il problema del collo dei dischi lo si risolve con una bella SAN a 4 Gbit con dischi FC da 15krpm :>
BrightSoul17 Dicembre 2007, 11:15 #9
Originariamente inviato da: Ratatosk
Quindi sì, in ambito server il multi-core è utilissimo


ottimo, ti ringrazio per il chiarimento
dantes7617 Dicembre 2007, 13:05 #10
Originariamente inviato da: bionoir
vedrei piuttosto IBM


o samsung

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^