Intel, nuovo stabilimento in Vietnam

Intel, nuovo stabilimento in Vietnam

Il colosso di Santa Clara ha ottenuto la licenza per la realizzazione di uno stabilimento produttivo nella citta di Ho Chi Mhin

di pubblicata il , alle 15:39 nel canale Processori
Intel
 

Dopo le anticipazioni degli scorsi mesi, il governo vietnamita ha approvato l'emissione della licenza ad Intel Corporation per la costruzione di un nuovo stabilimento per la produzione di processori e parti per computer con un investimento di circa 600 milioni di dollari USA.

La licenza sarà consegnata in modo formale in occasione di una cerimonia che si terrà il prossimo 28 Febbraio presso la città di Ho Chi Minh. Sarà il presidente di Intel, Craig Barret, a presenziare all'evento introducendo il nuovo progetto e ricevendo la licenza.

Il nuovo stabilimento sarà realizzato presso il Saigon Hi-Tech Park e la produzione sarà destinata all'esportazione. Il governo vietnamita prevede per il 2006 esportazioni di prodotti elettronici per un valore complessivo di 2 miliardi di dollari, ovvero un incremento del 40% circa rispetto ai risultati ottenuti nel 2005.

Il progetto rappresenterà un aiuto per il mercato vietnamita poiché, oltre alla creazione di nuovi posti di lavoro, permetterà di attirare diversi investitori esteri interessati ai settori della tecnologia. Diverse realtà giapponesi, infatti, hanno già dichiarato di aver seguito Intel nel nuovo progetto al fine di poter assicurare una efficiente rete di servizi correlati.

Fonte: News.com

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

35 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Murdorr24 Febbraio 2006, 15:50 #1
Bene + disponibilità di processori e + posti di lavoro per la popolazione Vietnamita .
Kuarl24 Febbraio 2006, 16:03 #2
chissà come mai nessuno di questi colossi investe in italia.... ci sarebbe proprio bisogno di un impianto ad alta tecnologia tipo questo
I love OC!!24 Febbraio 2006, 16:04 #3
In italia con la mentalità che c'è, non dovremmo avere manco i campi per coltivare i pomodori....
ErminioF24 Febbraio 2006, 16:06 #4
Più che mancante la mentalità, sono i costi ad allontanare tutti.
damxxx24 Febbraio 2006, 16:06 #5
Vuoi mettere il costo del lavoro in Italia con quello in Vietnam?
manu@298624 Febbraio 2006, 16:09 #6
beh ma AMD non ha diverse fabbriche in Europa????
jp7724 Febbraio 2006, 16:15 #7
Originariamente inviato da: manu@2986
beh ma AMD non ha diverse fabbriche in Europa????

si in Germania... ma li il mercato del lavoro è molto più flessibile e soprattutto non ci sono i sindacati rompi co***oni che ci sono in Italia...
FAM24 Febbraio 2006, 16:20 #8
Originariamente inviato da: jp77
si in Germania... ma li il mercato del lavoro è molto più flessibile e soprattutto non ci sono i sindacati rompi co***oni che ci sono in Italia...


Inoltre il lander della Sassonia gli ha offerto forti agevolazioni economiche.
vale5624 Febbraio 2006, 16:25 #9
Originariamente inviato da: damxxx
Vuoi mettere il costo del lavoro in Italia con quello in Vietnam?


In stabilimenti di tecnologia così avanzata non è il costo del lavoro la parte predominante.
Hai presente quanto costi anche solo la camera bianca?
Se su un processoer il costo del lavoro incide per l'1% è già tanto.

Quello che importa alla aziende di questo tipo sono
Possibilità din non pagare tasse
Capacità tecnologiche della forza lavoro
Infrastrutture
Certezza dei bilanci (cosa che in Italia è. a dir poco, una barzellatta, anche grazie a leggi che depenalizzano un reato che negli States ti porta in galera per 30 anni)
manu@298624 Febbraio 2006, 16:31 #10
sotto questo profilo(nuove tecnologie) il nostro Paese è troppo indietro...non so che dire...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^