Intel, addio a Hyper Threading?

Intel, addio a Hyper Threading?

Si fanno sempre più insistenti le voci circa l'abbandono da parte di Intel della tecnologia Hyper Threading; qual è la verità?

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 08:39 nel canale Processori
Intel
 

Da qualche ora circolano in rete alcune voci riguardanti l'annuncio di Intel di abbandonare la tecnologia Hyper Threading. Tutto nasce dalla conferenza introduttiva tenuta da Mr. Justin R. Rattner, Chief Technology Officer di Intel, nella quale sono state mostrate alcune slide riguardanti una roadmap molto generica dei processori Intel per il futuro. Hardware Upgrade è presente all'evento ed è in grado di fornire notizie di prima mano sulla questione.

IDF

IDF

Il progetto non ancora esposto nei particolari definito "Tera-Scale" prevede uno sviluppo delle cpu sfruttando via via sempre più core nello stesso package, senza che venga più indicata l'Hyper Threading technology. Dall'immagine infatti sembra si faccia riferimento a tale tecnologia come a qualcosa di ormai superato. Le voci dell'abbandono di Hyper Threading da parte di Intel nascono molto probabilmente da qui, senza che però ne sia stata fatta specifica menzione.

Fanno decisamente pensare invece il numero di core per package previsti per il futuro, a medio e lungo termine. Stando a quanto riportato nella slide infatti saranno realizzati processori in grado di incorporare fino a 100 core, un numero che appare decisamente esagerato ma, si sa, quello che oggi appare impossibile domani sarà con buona probabilità una realtà scontata.

Che Intel stia progressivamente abbandonando la tecnologia Hyper Threading, tuttavia, pare prevedibile Al debutto delle proprie architetture Dual Core per sistemi desktop, modelli Pentium D, Intel ha infatti scelto di non integrare questa tecnologia in tali cpu, delegandola solo alle versioni Pentium Extreme Edition top di gamma. Hyper Threading è nata originariamente proprio per poter fornire superiore potenza elaborativa in multitasking con processori Pentium 4; la disponibilità di un secondo core all'interno del package della cpu supera questo approccio, fornendo più potenza di calcolo rispetto a quanto ottenibile con i due core logici delle architetture Hyper Threading.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

105 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
avvelenato07 Marzo 2006, 09:01 #1
ma l'hyper-threading non permetteva in sostanza di sfruttare al massimo il processore facendo lavorare contemporaneamente sezioni distinte di esso? Anche con un dual core, l'ht, se il SO fosse ottimizzato per gestire 2 core fisici e 4 logici, ci potrebbero essere degli aumenti prestazionali, forse anche maggiori: ad esempio, se la prima cpu è occupata da un thread, e un altro thread che non è gestibile dall'ht richiede l'elaborazione, viene passata alla seconda cpu, insomma, la schedulazione dei thread potrebbe tenere conto di quali thread inviare alla cpu 1 o 2 e quali invece alle cpu virtuali 3 e 4...

Forse gli ingegneri intel trovano che l'eliminazione delle complicazioni circuitali dell'ht possano aiutare a raggiungere clock maggiori... oppure semplicemente trovano più economico semplificare il design e raddoppiare i core... boh..
cionci07 Marzo 2006, 09:05 #2
D'altronde era una cosa ampliamente prevedibile. Utilizzare Hyper-Threading su una CPU derivata dal Pentium-M avrebbe significato dover aumentare le unità di esecuzione...e di fatto la complessità del progetto (oltre alle unità di esecuzione stesse, basti pensare alle dispatch-unit), con probabile allungamento anche delle pipeline.

Riguardo al multi-core imho la strada per il futuro sarà una fusione dei vari core mettendo in evidenza unità in comune (come la fetch & decode unit, il register file e tutto quanto riguarda l'accesso alla memoria, sia cache che RAM)...per poi arrivare ad una semplificazione dei vari core di esecuzione (core semplici con poche unità di esecuzione), in questo modo il parallelismo si sposterebbe dalle unità di esecuzione ai core... Magari anche con più core che lavorano su istruzioni indipendenti dello stesso thread... Sicuramente una soluzione innovativa, ma con tremendi problemi di sincronizzazione...vediamo
Senza contare che i core di esecuzione potrebbero funzionare anche a frequenza più elevata delle altre unità, visto l'accorciamento del data path...
BrainScratch07 Marzo 2006, 09:37 #3
Ma con 100 core la scheda grafica a cosa servira?Capisco che quando si arriverà ad avere 100 core nel pc di casa probabilmente ci saranno giochi con una grafica praticamente uguale alla realtà,meglio di un film,però sarebbe bello poter dedicare,per esempio 30 core al calcolo della grafica,10 all'intelligenza artificiale,10 alla fisica del gioco ecc...Fantascienza?spero di no....
UIQ07 Marzo 2006, 09:51 #4

RIP

Si celebra il funerale di questa simil tecnologia, che nessuno certo rimpiangerà
neonato07 Marzo 2006, 10:07 #5
Da quello che ricordo HT con il multi core nn crea vantaggi ma solo svantaggi.

I dual core al momento sono riconosciuti dall os come core 0 e core 1...

dual core con HT
si avra core 0 (fisico) core 1 (HT) core 2 (fisico) core 3 (HT).
L' OS nn e in grado di distinguere fisico e virtuale... quindi quando eseguira un'operazione usera i primi due core logici, quindi un solo core fisico.... conseguenza decadimento di prestazione xke il secondo core fisico si gira i pollici...

Spero di nn sbagliarmi...
jpjcssource07 Marzo 2006, 10:14 #6
Ma quanti nanometri deve essere piccolo ogni core per poterne mettere 100 in un unico package? Mi sa che come miniaturizzazzione siamo oltre i limiti della tecnologia del silicio......
goldorak07 Marzo 2006, 10:24 #7
Originariamente inviato da: UIQ
Si celebra il funerale di questa simil tecnologia, che nessuno certo rimpiangerà



Prova ad usare windows xp con 9 applicazioni aperte su un processore p4 con HT ed un processore amd senza HT.
Ti accorgi subito benche' gli AMD 64 siano piu; veloci che il sistema risponde lentamente al contrario della piattaforma p4 HT.
L'HT ha un suo senso in ambienti multistasking pesanti.

Io invece vorrei vedere l'effettivo aumento di prestazioni tra un p4 northwood 3Ghz HT con un ipotectico dual core (senza HT) a 3 GHZ.
Credo che la differenza non sara' cosi' marcata, forse anche inferiore al 10%.
stefano2507 Marzo 2006, 10:25 #8
100 core in un die= FantaTecnologia.
gropiuz7307 Marzo 2006, 10:26 #9
poco danno...

lo ricorderemo come una curiosità archeologica, fra qualche anno...
gropiuz7307 Marzo 2006, 10:28 #10
però carino il grafico in stile fantascienza anni '60!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^