Il primo chip ARM ha 35 anni: da quel giorno prodotti 160 miliardi di chip su questa architettura

Il primo chip ARM ha 35 anni: da quel giorno prodotti 160 miliardi di chip su questa architettura

Nel corso del fine settimana l'azienda inglese ha festeggiato i 35 anni dal primo funzionamento di ARM1, il proprio primo chip: una storia lunga che ha portato alla diffusione di chip ARM in tutto il mondo

di pubblicata il , alle 12:21 nel canale Processori
ARM
 

Nel corso del fine settimana da poco trascorso è stato festeggiato il 35-esimo anniversario dall'accensione del primo processore sviluppato da ARM, azienda inglese che a quel tempo stava per Acorn RISC Machine e che in seguito ha cambiato il significato del suo acronimo in Advanced RISC Machine.

"Hello World, I am ARM" è stata la prima frase mostrata a schermo dal primo microprocessore ARM, una volta portato in sede dalla fabbrica produttiva. Si trattava del chip ARM1, composto da poco meno di 25.000 transistor contro i miliardi integrati nei più moderni chip presenti sul mercato.

arm_chip.jpg

Nel frattempo ARM è cresciuta considerevolmente, fornendo le proprie architetture a vari partner che le hanno permesso di poter fornire sul mercato circa 160 miliardi di differenti chip. Il traguardo dei 100 miliardi di chip era stato raggiunto solo 3 anni fa, chiaro segnale di come le architetture ARM specializzate negli ambiti di utilizzo a più ridotto consumo si siano diffuse nei più svariati scenari.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ashitaka36028 Aprile 2020, 12:46 #1
E pensare che la acorn computers ha fatto una fine miserabile.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^