SoftBank considera la vendita di ARM Holdings: interesse da parte di Apple?

SoftBank considera la vendita di ARM Holdings: interesse da parte di Apple?

Il colosso d'investimenti giapponese sta valutando la possibilità di vendere o di riportare sul mercato azionario le quote di ARM Holdings. E se Apple fosse interessata?

di pubblicata il , alle 12:01 nel canale Apple
ARMApple
 

L'annuncio di Apple e delle nuove CPU Apple Silicon basate su architettura ARM rappresenterà un elemento di svolta per il mercato? Se già un ex-executive della Mela ha ventilato l'ipotesi che la scelta di Apple potrebbe portare altre realtà a riconsiderare l'adozione di chip Intel nonché la stessa Intel a cercare di ottenere nuovamente una licenza ARM, sul Wall Street Journal appare un'indiscrezione secondo la quale SoftBank, il colosso giapponese proprietario di ARM Holdings, potrebbe decidere di cedere le quote in suo possesso in toto o in parte.

SoftBank avrebbe già avviato un'analisi dell'opportunità con la banca d'investimenti Goldman Sachs in qualità di consulente. Attualmente non è chiaro quale possa essere la strada preferita, ma ovviamente bisogna mettere in conto che la società potrebbe anche scegliere di non fare nulla. Le opzioni sul tavolo sono comunque un'offerta parziale, un'offerta totale o anche un'offerta pubblica, con quest'ultima che riporterebbe le quote di ARM sul mercato azionario. Sembrerebbe, tra l'altro, che SoftBank abbia già ricevuto una manifestazione di interesse da un'altra società per l'acquisizione di ARM Holdings, ma non vi sono ulteriori dettagli su questo aspetto.

ARM Holdings fu acquisita dalla giapponese SoftBank nel corso del 2016, con un'operazione del valore di 32 miliardi di dollari. Attualmente non è nota quale possa essere la valutazione di ARM Holdings ai nostri giorni, ma nel caso in cui SoftBank dovesse decidere di vendere le quote è verosimile immaginare che cercherà di intascare un plusvalore dall'operazione.

L'eventuale cessione delle quote non dovrebbe avere alcun impatto significativo su Apple. E' altresì possibile che la Mela stessa possa manifestare interesse nel portarsi in casa ARM Holdings e la sua proprietà intellettuale, trovandosi così non solo nella situazione di non dover più pagare le licenze, ma addirittura nel generare un nuovo flusso di cassa con la vendita delle licenze a tutte le altre realtà del mercato che fanno oggi uso di tecnologie ARM. Apple attualmente può contare su una liquidità di poco inferiore ai 200 miliardi di dollari, quindi un'eventuale acquisizione sarebbe tranquillamente affrontabile dal colosso di Cupertino.

Del resto le indiscrezioni su una possibile acquisizione di ARM Holdings da parte di Apple sono in circolazione da almeno un decennio, che sia la volta buona? Tutto comunque dipende dalle intenzioni, per ora non molto chiare, di SoftBank: dal momento che l'eventuale strada dell'offerta pubblica è lastricata di numerosi e lunghi passaggi di verifica e raggiungimento di obiettivi specifici ancor prima di giungere alla già complessa collocazione vera e propria, è possibile che vengano scelte altre opzioni specie se nelle intenzioni del colosso d'investimenti giapponese vi dovesse essere quella di fare cassa rapidamente.

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
elessar14 Luglio 2020, 12:39 #1
Mi sembra veramente improbabile che Apple vada ad acquistare una quota di maggioranza in ARM.

La mossa sarebbe scriteriata. Da un lato potrebbe devastare la concorrenza, impedendo l'accesso ai chip migliori agli altri produttori; qualsiasi antitrust che valga 2c impedirà un'operazione simile.

Dall'altro rischierebbe di mettere in ginocchio l'intero ecosistema ARM; oggi ARM funziona perché un'azienda crea dei design e vende le licenze, e poi c'è tutta una miriade di produttori che creano chip e soc più o meno custom basati su tali licenze e design. Il fatto che questo ecosistema sia piuttosto aperto (ARM non ha interesse a creare design esclusivi; semmai il produttore specifico, come Apple, si compra una licenza opportuna e si fa i suoi chip) è uno dei suoi punti a favore, con molteplici parti che supportano ARM (compilatori, SDK, sistemi operativi... ) - ma dubito che tale politica continuerebbe se ARM diventasse parte integrante di Apple. I produttori cercherebbero un'altra architettura (es. RISC-V) su cui investire.

E' verosimile, invece, che possa acquisire una quota di minoranza, in maniera da poter seguire (ed influenzare) le evoluzioni dell'architettura senza per questo incappare negli altri problemi.
Riky197914 Luglio 2020, 13:01 #2
Concordo, un acquisto da parte di Apple se non bloccato da qualche autorità sarebbe deleterio per il mercato dei chip ARM ed alla fine potrebbe anche essere controproducente per Apple stessa ovvero strapagare ARM per poi ridurre i margini di vendita dei progetti di cpu perchè tutti con il timore che vi siano delle limitazioni prestazionali imposte.
Piuttosto un ingresso come soci di minoranza, ma non piccoli da contare poco, potrebbe essere fatto da Apple per pilotare a suo piacere alcune scelte ma lo vedrei bene anche per altri produttori di chip come Samsung AMD ma anche Intel per avere un piede nel mondo ARM in caso di necessità di licenze e come puro investimento finanziario.
Gringo [ITF]14 Luglio 2020, 13:53 #3
Sarebbe Perfetto, tutti i concorrenti spiazzati, e avranno accesso solo alle briciole, e finirà la diatriba Exynos Vs SnapDragon.
A parte gli scherzi, tale mossa sarebbe inacettabile e si rischia che tutto l'ecosistema Android Muoia.
pabloski14 Luglio 2020, 14:05 #4
Ahah proprio ieri stavo incrociando i ferri con un tizio che parlava di ARM e non sapeva che è di proprietà sino-giapponese ( o meglio è Softbank ad essere in parte di proprietà cinese ).

Comunque sia, viste pure le sanzioni ( che non miglioreranno in futuro ), la Cina è l'acquirente più interessato.

Immaginate acquistare l'IP ARM e negarla agli occidentali? Sarebbe un'arma di ricatto formidabile.

Considerando che già hanno una partecipazione in Softbank.
pabloski14 Luglio 2020, 14:07 #5
Originariamente inviato da: Gringo [ITF]
Sarebbe Perfetto, tutti i concorrenti spiazzati, e avranno accesso solo alle briciole, e finirà la diatriba Exynos Vs SnapDragon.
A parte gli scherzi, tale mossa sarebbe inacettabile e si rischia che tutto l'ecosistema Android Muoia.


Francamente non vedo che ci guadagnerebbe Apple. Loro usano l'ISA e poco più. Una banale licenza gli basta e avanza. Tanto i SoC Apple non sono basati su design ARM, come non lo sono i Qualcomm Snapdragon.

Apple comprerebbe un'azienda, spendendo uno sproposito, per comprare i nomi delle istruzioni assembly?
Cappej14 Luglio 2020, 14:30 #6
Speculazionciona!

Metto notizia sul mercato per muovere gli investimenti...

Imho Apple col fischio che si vuol comprare ARM... Al tempo stesso avere una partecipazione magari si... È se alzo il valore delle quote.. PAGARE!
Sandro kensan14 Luglio 2020, 14:54 #7
Mah, a parte questa notizia che può essere vera o falsa, sono solo rumors e poi ci sono tante aziende che possono comprare ARM, la cosa che noto è che è una news incentrata su Apple ed è nella home di questo momento. Poi c'è la notizia Sulla Tesla, poi c'è quella su Intel e Apple, poi c'è quella sul truck Tesla, poi c'è quella sul macbook apple, poi c'è quella sugli apple glass, poi c'è quella ...

In poche parole una grossa percentuale di news riguarda Apple e Tesla e mi pare che nessuno dica nulla, nessuna sequela di critiche. Invece ieri l'altro c'era un solo articolo (uno solo) sull'ecosistema Huawei e il 90% e più di commenti riguardava una feroce critica a HWup di essersi venduto. Secondo me i lettori non hanno grano salis. Probabilmente la propaganda ha fatto il suo effetto e questo è il risultato: un articolo su Huawei e si scatena l'inferno di critiche, decine di articoli ogni due giorni e la cosa non fa né caldo e né freddo e diventa "normale" per la gran parte dei lettori. Appunto è la definizione di propaganda e il suo obiettivo.
turcone14 Luglio 2020, 14:54 #8
solite speculazioni : la apple non ha mai fatto acquisizioni miliardarie tranne che per la ciofecca di beats
poi dubito che i concorrenti continueranno a usare arm se la proprietà è di apple che potrebbe ritardare le nuove architetture per la concorrenza
cronos199014 Luglio 2020, 15:04 #9
Anche a me sembra una boutade. Però se fosse vera e Apple ritardasse le nuove architetture per la concorrenza, non sarebbe così semplice cambiarla per tale concorrenza.
pabloski14 Luglio 2020, 15:14 #10
Originariamente inviato da: Sandro kensan
In poche parole una grossa percentuale di news riguarda Apple e Tesla e mi pare che nessuno dica nulla, nessuna sequela di critiche. Invece ieri l'altro c'era un solo articolo (uno solo) sull'ecosistema Huawei e il 90% e più di commenti riguardava una feroce critica a HWup di essersi venduto. Secondo me i lettori non hanno grano salis. Probabilmente la propaganda ha fatto il suo effetto e questo è il risultato: un articolo su Huawei e si scatena l'inferno di critiche, decine di articoli ogni due giorni e la cosa non fa né caldo e né freddo e diventa "normale" per la gran parte dei lettori. Appunto è la definizione di propaganda e il suo obiettivo.


Siamo in guerra. Lo dissi già nel 2014, dopo il casino in Ucraina, notando che pure le testate informatiche riportavano notizie antirusse. Che ovviamente non c'entravano una mazza con le testate informatiche. Ma il padrone ordina e pretende obbedienza.

Adesso è il momento della Cina. S'iniziò col "tutti contro Trump", poi man mano si stanno tutti spostando su posizioni anticinesi e quindi seguono la politica di Trump, che poi è la politica del deep State americano. Cambia il macchinista, ma è davvero difficile far cambiare direzione al treno.

Inutile dire che è un andazzo molto pericoloso. Per ora la guerra è mediatica, la quarta fase. La stessa è la guerra vera e propria, coi carri armati.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^