Apple brevetta il P2P con licenza

Apple brevetta il P2P con licenza

La Mela si vede riconoscere un brevetto che descrive un sistema di condivisione file che separa il contenuto dalla licenza. Un'idea nata nel 2011 che potrebbe trovare una difficile concretizzazione nello scenario attuale

di Andrea Bai pubblicata il , alle 16:44 nel canale Apple
Apple
 

Nei giorni scorsi Apple si è vista riconoscere un brevetto che descrive una modalità per la condivisione in modalità peer-to-peer di contenuti digitali protetti senza sollevare problemi di pirateria. Il brevetto, titolato "Decoupling rights in a digital content unit from download", ipotizza un sistema dove gli utenti possano scambiare e condividere liberamente tra di loro file audio o video i quali diventerebbero però fruibili dopo aver acquistato una apposita licenza.

Il sistema opererebbe di fatto in maniera simile ad AirDrop, che già permette ai dispositivi Apple di condividere documenti e contenuti in maniera immediata. Se il contenuto è protetto da sistemi DRM, però, AirDrop non lo può condividere. Nel brevetto depositato da Apple questa eventualità viene superata: qualora infatti un utente ricevesse un contenuto protetto, non dovrà fare altro che collegarsi allo store di riferimento e ottenere la licenza d'uso del contenuto.

I benefici di questo sistema sono senza dubbio per i proprietari degli store digitali, quindi per la stessa Apple in ottica iTunes: lo scambio di contenuti tra utenti permetterebbe infatti di ridurre i costi di gestione e mantenimento del servizio, dal momento che il trasferimento di licenze è compito indubbiamente meno oneroso rispetto al trasferimento di contenuti interi.

Qualche beneficio anche per l'utente, laddove un sistema di questo tipo potrebbe gettare le basi per un modello di business a prezzi differenziati: prezzo pieno per chi scarica il contenuto dallo store e un prezzo scontato per chi invece scarica solamente la licenza.

Certo si tratta di un brevetto che desta qualche perplessità, dal momento che va in controtendenza rispetto alla filosofia "DRM-free" che ora sembra andare per la maggiore. Il sistema per poter funzionare dovrebbe inoltre prevedere un qualche genere di incentivo perché l'utente sia effettivamente interessato a scaricare il contenuto a prezzo pieno e non preferisca, invece, aspettare che qualcun altro lo condivida e possa quindi entrarne in possesso ad un prezzo ridotto acquistando semplicemente la licenza.

E' comunque opportuno tenere presente che sebbene il brevetto sia stato approvato solamente nelle scorse settimane, la documentazione è stata depositata nel corso del 2011 (si potrebbe trattare quindi di un'idea ormai vecchia e superata dalle nuove logiche del mercato) e che comunque moltissimi dei brevetti registrati da Apple nel corso della sua storia non hanno mai trovato concretizzazione nei vari prodotti/servizi commercializzati.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

26 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Bivvoz26 Gennaio 2015, 16:59 #1
Io ho brevettato il preservativo con il buco
Ansem_9326 Gennaio 2015, 17:04 #2
caspita, non vedo l'ora di comprare a prezzo pieno qualcosa che potrò utilizzare solo sul player proprietario Apple!
Già il fatto che ci siano i drm mi tiene ben lontano dall'essere interessato!
Mith8926 Gennaio 2015, 17:04 #3
forse non ho capito bene io, ma non capisco come questa cosa possa partire. In pratica gli utenti che hanno già regolarmente acquistato i loro brani dallo Store dovrebbero condividerli con gli altri utenti che a loro volta faranno lo stesso. Io mi chiedo, ma chi glielo fa fare?? perchè dovrei comprare qualcosa e poi essere così generoso da condividerlo anche con altri? mi pare un grosso svantaggio per chi compra direttamente dallo Store.
MadMax of Nine26 Gennaio 2015, 17:10 #4
Se io ho un brano regolarmente acquistato da iTunes e lo passo a te con Air Drop tu puoi usarlo a patto che acquisti la licenza, ora non posso passare contenuti protetti da DRM tramite Air Drop.

Mi sembra logico e comodo, a chi non piace probabilmente non piace nemmeno acquistare i brani ma a scaricarli illegalmente, e sinceramente non vi va molto onore sbandierarlo ai quettro venti, voi lavorate gratis vero ?
^Alex^26 Gennaio 2015, 17:13 #5
Originariamente inviato da: Mith89
forse non ho capito bene io, ma non capisco come questa cosa possa partire. In pratica gli utenti che hanno già regolarmente acquistato i loro brani dallo Store dovrebbero condividerli con gli altri utenti che a loro volta faranno lo stesso. Io mi chiedo, ma chi glielo fa fare?? perchè dovrei comprare qualcosa e poi essere così generoso da condividerlo anche con altri? mi pare un grosso svantaggio per chi compra direttamente dallo Store.


Non ho capito molto bene neanche io.
Però rispondo al tuo post....Perché dovresti condividere con altri qualcosa che hai acquistato?
Per il semplice fatto che anche tu potrai trarne beneficio quando e se ti servirà!
acerbo26 Gennaio 2015, 17:14 #6
Originariamente inviato da: MadMax of Nine
Se io ho un brano regolarmente acquistato da iTunes e lo passo a te con Air Drop tu puoi usarlo a patto che acquisti la licenza, ora non posso passare contenuti protetti da DRM tramite Air Drop.

Mi sembra logico e comodo, a chi non piace probabilmente non piace nemmeno acquistare i brani ma a scaricarli illegalmente, e sinceramente non vi va molto onore sbandierarlo ai quettro venti, voi lavorate gratis vero ?


Per come la interpreto io la questione é molto semplice, se io mi compro un dvd e te lo presto tu te lo guardi gratis, con questo sistema invece é come se per guardare il dvd che ti ho prestato dovresti pagare una licenza d'uso, probabilmente pari al prezzo di acquisto
Bivvoz26 Gennaio 2015, 17:16 #7
Originariamente inviato da: MadMax of Nine
Se io ho un brano regolarmente acquistato da iTunes e lo passo a te con Air Drop tu puoi usarlo a patto che acquisti la licenza, ora non posso passare contenuti protetti da DRM tramite Air Drop.

Mi sembra logico e comodo, a chi non piace probabilmente non piace nemmeno acquistare i brani ma a scaricarli illegalmente, e sinceramente non vi va molto onore sbandierarlo ai quettro venti, voi lavorate gratis vero ?


Ma fammi capire una cosa, gli utenti pagano il contenuto ad Apple e Apple non ci mette manco i server da cui scaricare i contenuti?
O almeno ci mette dei server molto contenuti perchè poi la banda viene ampliata dagli utenti.
Quindi io pago in moneta e poi devo anche rendere disponibile la mia linea per fare l'upload?

Eh no caro mio, questo sarebbe accettabile solo a determinate condizioni e la prima che mi viene in mente è che i prezzi dei contenuti siano veramente bassi ma... Apple! Ci crediamo tutti che i prezzi saranno bassi vero?

Questo non è un brevetto per offrire un servizio ai clienti, perchè su itunes film e musica già ci sono e non cambierebbe niente.
Questo brevetto permette solo a loro di risparmiare banda.

Comunque qui nessuno ha detto di scaricarle nulla illegalmente, quindi leggi bene prima di fare queste accuse.
Ansem_9326 Gennaio 2015, 17:17 #8
Originariamente inviato da: MadMax of Nine
Se io ho un brano regolarmente acquistato da iTunes e lo passo a te con Air Drop tu puoi usarlo a patto che acquisti la licenza, ora non posso passare contenuti protetti da DRM tramite Air Drop.

Mi sembra logico e comodo, a chi non piace probabilmente non piace nemmeno acquistare i brani ma a scaricarli illegalmente, e sinceramente non vi va molto onore sbandierarlo ai quettro venti, voi lavorate gratis vero ?


basta comprare cose senza drm, o in formato fisico trovo senza senso comprare un file mp3, o un film che posso guardare solo io senza poterlo prestare/condividere.
^Alex^26 Gennaio 2015, 17:19 #9
Originariamente inviato da: acerbo]Per come la interpreto io la questione é

Non proprio...

[QUOTE] i quali diventerebbero però fruibili dopo aver acquistato una apposita licenza.


Per come la interpreto io, una apposita licenza non è uguale a una licenza.
Poi stiamo comuque parlando di un brevetto del 2011 probabilmente morto e sepolto dalle logiche di mercato.
MadMax of Nine26 Gennaio 2015, 17:20 #10
Originariamente inviato da: Bivvoz
Ma fammi capire una cosa, gli utenti pagano il contenuto ad Apple e Apple non ci mette manco i server da cui scaricare i contenuti?
O almeno ci mette dei server molto contenuti perchè poi la banda viene ampliata dagli utenti.
Quindi io pago in moneta e poi devo anche rendere disponibile la mia linea per fare l'upload?

Eh no caro mio, questo sarebbe accettabile solo a determinate condizioni e la prima che mi viene in mente è che i prezzi dei contenuti siano veramente bassi ma... Apple! Ci crediamo tutti che i prezzi saranno bassi vero?

Questo non è un brevetto per offrire un servizio ai clienti, perchè su itunes film e musica già ci sono e non cambierebbe niente.
Questo brevetto permette solo a loro di risparmiare banda.

Comunque qui nessuno ha detto di scaricarle nulla illegalmente, quindi leggi bene prima di fare queste accuse.


Permette anche a te di risparmiare banda, visto che ci sono dei limiti abbastanza stretti ultimamente, se un amico mi passa un album intero via airdrop ci mette poco ed è gratis (in termini di banda), per come la vedo io risparmiamo entrambi.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^