Sistemi Mac Pro, il pubblico chiede chiarezza sul loro destino

Sistemi Mac Pro, il pubblico chiede chiarezza sul loro destino

Una petizione su Facebook chiede ad Apple che venga presa posizione ufficiale sul destino della linea Mac Pro: gli aggiornamenti sono fermi da due anni, il pubblico vuole sapere se si tratta di un abbandono

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:37 nel canale Apple
 

La linea di workstation Mac Pro non viene aggiornata da Apple da circa due anni: un ritardo decisamente troppo lungo e sospetto, che ha portato alla nascita di una petizione su Facebook che ha lo scopo di chiedere ad Apple che venga fatta chiarezza una volta per tutte sul destino delle soluzioni desktop destinate al mondo dei professionisti.

La pagina "We Want a New Macpro" nata sul social network all'inizio del mese di maggio ha ottenuto oltre 5000 "Like". La petizione è stata avviata da Lou Borella, un individuo che si definisce "professional editor and graphic animator" e svolge la sua attività nell'area di New York City.

Il 9 maggio Borella ha pubblicato una lettera aperta chiedendo ad Apple "un po' di chiarezza" in merito alla linea MacPro: "E' stato trascurato per troppo tempo. Ci rendiamo conto di tutto il successo di iPad e iPhone e siamo molto contenti dei nostri nuovi giocattoli. Ma sfortunatamente molti di noi devono prendere decisioni sull'hardware per gli impieghi professionali che ci danno da vivere".

La lettera prosegue affermando che le applicaizoni professionali, come Adobe Creative Suite 6, AVID, Protools e Smoke richiedono "l'hardware più potente in circolazione" e che professionisti della creatività necssitano di sistemi configurabili per il loro business. "iMac non è la risposta per queste esigenze" ha dichiarato Borella.

Borella chiede che Apple indichi una finestra temporale per un eventuale aggiornamento dei Mac Pro, o almeno una conferma ufficiale se il prodotto sia da considrare definitivamente al capolinea. "Non chiediamo molto. Non possiamo aspettare ancora e non è corretto portarci a spasso in questo modo" ha concluso Borella.

Secondo i risultati un sondaggio informale pubblicato sulla pagina la scorsa settimana, 267 persone sono disposte ad attendere fino a dopo la WorldWide Developer Conference del mese di giugno, mentre 47 persone hanno affermato di essere disposte ad attendere fino alla fine dell'anno. 143 individui hanno invece affermato di poter positicipare i piani di aggiornamento o sostituzione fino a quando la linea Mac Pro non verrà ufficialmente abbandonata. Un altro sondaggio mette invece in evidenza che 131 individui costruirebbero un "Hackintosh", un sistema assemblato in grado di operare una copia non autorizzata di OS X, mentre invece altre 47 persone tornerebbero all'ambiente Windows.

Attualmente Apple non ha ancora preso alcuna posizione ufficiale, ne' nei confronti della petizione, ne' per quanto riguarda il futuro dei Mac Pro. E' comunque opportuno ricordare come già qualche mese fa circolarono alcune indiscrezioni secondo le quali Apple valuta da tempo la possibilità di abbandonare lo sviluppo di questi sistemi, ormai considerati non più profittevoli per la compagnia, e che potrebbero pertanto fare la fine dei sistemi Xserve. Ne abbiamo parlato in questa notizia.

205 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor25 Maggio 2012, 10:48 #1
E' il rischio che si corre ad affidarsi a un sistema HW+SW relativamente chiuso: sei in "balia" del produttore.

Al di là delle solite polemiche PC vs. Mac, c'è da dire che sul fronte "pro" con i pc c'è la possibilità di assemblare un po' quello che si vuole sul lato hardware. Ribadisco, poi il software è un altro discorso, ma qui mi pare di capire che si tratti principalmente di un aggiornamento di questo tipo...
Mith8925 Maggio 2012, 10:51 #2
domanda da ignorante: ma oltre al prezzo esorbitante i sistemi macpro cosa offrono in più ad un professionista rispetto ad un ambiente windows?
manowar8425 Maggio 2012, 10:52 #3
Originariamente inviato da: Paganetor
E' il rischio che si corre ad affidarsi a un sistema HW+SW relativamente chiuso: sei in "balia" del produttore.

Al di là delle solite polemiche PC vs. Mac, c'è da dire che sul fronte "pro" con i pc c'è la possibilità di assemblare un po' quello che si vuole sul lato hardware. Ribadisco, poi il software è un altro discorso, ma qui mi pare di capire che si tratti principalmente di un aggiornamento di questo tipo...


chi usa un mac pro non è l'utente medio, sono generalmente aziende e professionisti... e in questo caso nessuno si assembla pc da solo ma si affida sempre a workstation certificate come fa hp, dell ecc. quindi il tuo ragionamento secondo me non è corretto

domanda da ignorante: ma oltre al prezzo esorbitante i sistemi macpro cosa offrono in più ad un professionista rispetto ad un ambiente windows?


i mac pro come detto sono workstation, sono costosi ma altre workstation non sono molto più economiche... prendere un 12 core non è roba da pc assemblato In ogni caso dipende dalle esigenze... penso al settore audio dove si preferiscono soluzioni mac in quanto l'hardware è maggiormente testato dai produttori (chi ha mai avuto a che fare con schede audio / dsp firewire su mac e windows sa di cosa parlo), alcuni produttori rilasciano periferiche compatibili solo con mac (penso ad apogee per esempio oppure uad che ha recentemente rilasciato la apollo con interfaccia thunderbolt), software solo per mac (penso a logic o digital performer), una maggiore ottimizzazione e minore latenza grazie a coreaudio e altro. Poi per altre soluzioni magari è meglio windows... insomma dipende dalle esigenze
iorfader25 Maggio 2012, 10:52 #4
ma scusa, perchè dovrei aggiornare qualcosa che tanta gente ancora compra? quello che mi fa imbufalire dei macpro, sono le schede video, ti sparano cifre assurde per il computer davvero potente, e poi ti mettono schede video che non servono nemmeno per giocarci a freesby
iorfader25 Maggio 2012, 10:53 #5
Originariamente inviato da: manowar84
chi usa un mac pro non è l'utente medio, sono generalmente aziende e professionisti... e in questo caso nessuno si assembla pc da solo ma si affida sempre a workstation certificate come fa hp, dell ecc. quindi il tuo ragionamento secondo me non è corretto


i mac pro a parità di macchina visto che sono ottimizzati interamente su quell'hw , sono molto + veloci di quelli windows
jägerfan25 Maggio 2012, 10:55 #6
Il fatto e' che a quel livello (super pro) non e' poi cosi' conveniente lavorare su un assemblato, c'e' la necessita' di una piattaforma stabile a tutto tondo. Per cui di solito ci si affida comunque a workstation preassemblate che sono anch'esse aggiornate a 'discrezione' del produttore.

E' vero pero' che in tutto questo Apple fa storia a parte.
TheDarkAngel25 Maggio 2012, 10:55 #7
Originariamente inviato da: iorfader
i mac pro a parità di macchina visto che sono ottimizzati interamente su quell'hw , sono molto + veloci di quelli windows


E gli asini volano
Raghnar-The coWolf-25 Maggio 2012, 10:55 #8
Originariamente inviato da: manowar84
chi usa un mac pro non è l'utente medio, sono generalmente aziende e professionisti... e in questo caso nessuno si assembla pc da solo ma si affida sempre a workstation certificate come fa hp, dell ecc. quindi il tuo ragionamento secondo me non è corretto


Non sempre, ma spesso...

Comunque con le aziende che serviamo abbiamo già abbandonato la linea Apple da circa un anno abbondante. Il sistema è buono ma non si trattano i professionisti così. Quando l'aggiornamento è così saltuario uno ha NECESSITA' di sapere quando e se il sistema sarà aggiornato e come.
Prima le uscite erano abbastanza regolari ogni anno, e quindi non c'era problema, poi ha iniziato ad attendere un anno e mezzo e l'ultimo aggiornamento ci ha fatto attendere quasi 2 anni, da lì abbiam capito che non era più il caso di fare buisness così e abbiamo già utilizzato questa generazione come cuscinetto...
Va bene le uscite al buio con iPhone per stupire la gente, va bene guadagnare un fracco di soldi con iPad e concentrarvisi, ma uno non può lavorare stando ai capricci di una ditta, per quanto di qualità (che poi non è così esagerata rispetto al costo, considerando i tempi di aggiornamento e il servizio assistenza offerto)...
Paganetor25 Maggio 2012, 10:56 #9
@manowar84: sì... e no! si tratta di workstation che, come dici tu, vengono assemblate da N produttori diversi, e questo garantisce che perlomeno qualcuno si porti avanti con la tecnologia

DominionM1425 Maggio 2012, 10:56 #10
Originariamente inviato da: Mith89
domanda da ignorante: ma oltre al prezzo esorbitante i sistemi macpro cosa offrono in più ad un professionista rispetto ad un ambiente windows?


Parlo per esperienza in campo di audio professionale, e chi usa pro tools (AVID) su mac non ha niente di più di lo usa su pc, ma il mac fa figo, oltretutto con i soldi che spendi per farti un mac pro ti compri un pc assemblato il doppio più potente.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
Trova il regalo giusto