DimasTech Mini V1.0, banchetto test made in Italy

DimasTech Mini V1.0, banchetto test made in Italy

Osserviamo da vicino una proposta tutta italiana per il mondo degli utenti enthusiast: un banchetto di test di DimasTech, azienda del bresciano specializzata in soluzioni di raffreddamento

di Andrea Bai pubblicato il nel canale Sistemi
 

Introduzione

Il mercato PC ha subito nel corso degli anni notevoli trasformazioni. Se qualche anno fa la maggior parte dell'utenza PC era rappresentata da utenti appassionati ed esperti che molto spesso si costruivano da soli il proprio PC, oggi accade l'esatto opposto: la maggior fetta del mercato è costituita da utenti che vogliono disporre di uno strumento da utilizzare per la vita di tutti i giorni, che crei meno grattacapi possibili e che sia di facile gestione, senza curarsi di ciò che c'è sotto la scocca.

Sul mercato continua comunque ad esistere quella nicchia di pubblico composta da appassionati ed esigenti che, per varie motivazioni hobbistiche o financo professionali, hanno la necessità di dover sostituire componenti hardware con una certa frequenza e pertanto hanno bisogno di soluzioni apposite che consentano loro un agevole accesso ai componenti del sistema, qualcosa che vada addirittura oltre la moltitudine di chassis e case "tool-free" oggi esistenti sul mercato.

E' pensando a questa tipologia di utenza che si è sviluppato il concetto del banchetto di test, o testbench: una struttura pensata per accogliere i tradizionali componenti hardware di un sistema PC lasciandoli esposti a vista e con un'organizzazione più razionale rispetto a quella di un tradizionale case. Si tratta di soluzioni che difficilmente vengono proposte dai produttori di rilievo (fanno eccezione, Antec e Cooler Master giusto per citarne alcuni) ma che più facilmente vengono realizzate da piccoli produttori specializzati che potendo lavorare a stretto contatto con il pubblico degli appassionati (o essendo essi ad aver trasformato una passione in una professione) riescono a progettare soluzioni mirate e attente alle esigenze di questa particolare utenza.

E' questo il caso del prodotto che ci troviamo a recensire oggi, Dimastech Mini V1.0 di Dimastech, realtà italiana ben conosciuta nell'ambiente degli overclocker con una attenta proposta di soluzioni per raffreddamento estremo.

Considerando il tipo di impiego di un banchetto, è opportuno che esso rispetti una serie di caratteristiche affinché possa essere veramente funzionale e rispondere alle esigenze dell'utente appassionato. In particolare dovrà essere possibile accedere con estrema facilità ai componenti di più frequente sostituzione, come processore, dissipatore, memorie, scheda video, i quali dovrebbero poter essere assicurati alla struttura con viti, lacci, staffe il più possibile tool-free. E' inoltre opportuno che vi siano adeguate soluzioni per la posa dei cavi di collegamento, in maniera tale da poter mantenere ordinata la postazione di test. Data la presumibile elevata frequenza di manutenzione, è auspicabile che questo tipo di strutture siano prive di bordi taglienti ed affilati, e che tutti i profili siano accuratamente smussati e ribattuti.

Prima di proseguire nell'analisi del prodotto riportiamo in tabella le sue caratteristiche salienti:

  DimasTech Mini V1.0
Colori Nero, grigio, bianco, rosso, blu, giallo
Materiale Lamiera d'acciaio 1,5mm
Unità da 5 pollici e 1/4 2 in gabbia interna
Unità da 3 pollici e 1/2 3 in gabbia interna
Unità da 2 pollici e 1/2 1 su supporto esterno
Slot di espansione 7
Tipologia di scheda madre ATX, Full ATX, MicroATX, XL-ATX, Mini ATX
Predisposizione per ventole 1, su supporto flessibile
Porte di I/O USB frontale opzionale

 
^