Recensione live del nuovo Apple iPad

Recensione live del nuovo Apple iPad

Nella giornata di debutto ufficiale sul mercato internazionale abbiamo a disposizione un sample di iPad di nuova generazione: analizzata costruzione, display Retina e prestazioni velocistiche a confronto con le soluzioni iPad di precedente generazione

di Redazione pubblicato il 16 Marzo 2012 nel canale Apple
 

Apple iPad al debutto

Giornata di debutto per la nuova generazione di iPad Apple, presentati alla metà della corsa settimana in un evento a San Francisco e da oggi disponibili per i consumatori di alcune nazioni. In Italia i nuovi iPad saranno acquistabili a partire da venerdì 23 Marzo: siamo tuttavia riusciti ad avere a disposizione un sample da 32 Gbytes che è oggetto di vari test in parallelo in redazione. Con questo articolo, che verrà costantemente aggiornato nel corso della giornata con nuove informazioni emerse dalla nostra analisi, vogliamo fornire una prima impressione d'uso della nuova generazione di iPad, soffermandoci in particolare sulle novità hardware che sono state introdotte rispetto alle soluzioni di seconda generazione.

Quali le novità implementate nella nuova generazione di iPad? Dal punto di vista hardware, a dispetto di uno chassis che è rimasto virtualmente identico, sono differenti:

  • Retina display: è l'elemento più appariscente e più atteso. Non cambia la diagonale, sempre da 9,7 pollici, ma raddoppiano risoluzione verticale e orizzontale passando dai 1024x768 pixel delle prime due generazioni di tablet Apple sino a 2048x1536 pixel;
  • nuovo chip A5X: rimane l'architettura dual core come anche la frequenza di clock di 1 GHz, con prestazioni velocistiche di fatto invariate. Dove Apple ha scelto di innovare è nella parte GPU, scelta necessaria a motivo proprio dell'aumento nella risoluzione dello schermo:
  • memoria di sistema: raddoppia quella dedicata al SoC A5X, passando dai precedenti 512 Mbytes sino a 1 Gbyte;
  • nuova GPU integrata: non cambia l'architettura alla base ma raddoppia il numero di core, che passa a 4. La GPU adottata è quella PowerVR SGX 543MP4, al posto del modello PowerVR SGX 543MP2 integrato in iPad 2;
  • fotocamera: migliorata rispetto a quanto integrato in iPad 2 con un sensore da 5 Mpixel,

La confezione

La prima cosa da fare una volta acquistato un nuovo prodotto è l'apertura della confezione. Apple ci ha abituato ad una cura quasi ossessiva non solo per il design dei propri prodotti ma anche per la confezione nella quale sono venduti. La nuova generazione di iPad non sfugge a questa regola, riproponendo di fatto quanto già visto con iPad 2: troviamo oltre al tablet l'alimentatore, il cavo di collegamento compatibile sia con l'alimentatore sia con PC e Mac via porta USB e della documentazione cartacea che illustra gli elementi base per collegare il tablet e completarne l'attivazione.

Le versioni

Sono due le versioni di iPad che debuttano quest'oggi in vendita, ciascuna poi differenziata con 3 tipologie di dotazione di memoria. Nella tabella riportiamo i prezzi ufficiali in dollari USA, tasse escluse, in attesa di ricevere i listini che verranno praticati in Italia a partire da venerdì 23 Marzo:

Modello Wi-Fi Wi-Fi + 4G
16GB 499$ 629$
32GB 599$ 729$
64GB 699$ 829$

I prezzi sono rimasti invariati, a parità di quantitativo di memoria di sistema, rispetto a quanto praticato con le soluzioni iPad 2. Ricordiamo come il modello iPad 2 Wi-Fi da 16 Gbytes, quello d'ingresso nella famiglia, sia rimasto a catalogo con prezzo abbassato a 399 dollari, cifra che sale a 529 dollari per la versione con modulo 3G integrato.

Al momento attuale è possibile acquistare il modello iPad 2 da 16 Gbytes sul mercato italiano, al listino di 399,00€ tasse incluse per la versione Wi-Fi e di 519,00€ per quella 3G. Questi prezzi lasciano facilmente intendere quelli che saranno i listini delle nuove proposte iPad non appena Apple ne comunicherà i prezzi in Italia.

Gallery fotografica

Le dimensioni esterne di iPad sono di fatto identiche a quelle di iPad 2, aumenta leggermente lo spessore complessivo come anche il peso, ma di fatto gli incrementi sono così contenuti da poter essere considerati trascurabili. Nella gallery abbiamo posto a confronto il nuovo modello con le due generazioni precedenti: spicca in questo caso lo spessore della prima generazione di iPad, ben più elevato dei due modelli seguenti.