L'account Twitter di Trump è stato disattivato da un dipendente: indagini in corso

L'account Twitter di Trump è stato disattivato da un dipendente: indagini in corso

Twitter sta effettuando delle indagini approfondite su un caso decisamente insoluto avvenuto sul sistema di microblogging più celebre al mondo

di pubblicata il , alle 17:51 nel canale Web
Twitter
 

Twitter ha dichiarato che un impiegato dell'azienda ha disattivato l'account del Presidente Donald Trump, noto per i suoi controversi post che hanno fatto tanto discutere. Pare che l'operazione sia stata una bravata dell'ultimo giorno d'attività nella compagnia, con l'account Twitter di Trump che è sparito dalla piattaforma per circa 11 minuti prima del suo ritorno. La notizia è stata rilasciata dalla stessa azienda per mezzo di una serie di tweet, con la promessa di "un'indagine interna completa" e più approfondita.

"Attraverso la nostra indagine abbiamo appreso che la disattivazione dell'account è stata fatta da un impiegato del servizio d'assistenza, nel suo ultimo giorno di attività", possiamo tradurre così il post principale pubblicato dalla compagnia. In un altro tweet precedente si leggeva invece: "Oggi l'account @realdonaldtrump è stato inavvertitamente disattivato per via di un errore provocato da un impiegato. L'account è stato disattivato per circa 11 minuti e da allora è stato ripristinato. Stiamo continuando ad indagare e fare in modo che questo non accada nuovamente".

Trump ha risposto con particolare solerzia riguardo a quanto successo nelle scorse ore, sottolineando come l'operazione sia stata effettuata perché il suo è un account importante: "Il mio account Twitter è stato sospeso per 11 minuti da un impiegato. Credo che la mia parola stia alla fine raggiungendo gli interlocutori ed avendo effetti". Nel frattempo i sostenitori di Trump hanno scritto sulla piattaforma che l'azione è da intendersi come un bavaglio contro la democrazia, nel tentativo di impedire la libera espressione al Presidente dal tweet facile.

Altri hanno invece pensato che l'eliminazione dell'account fosse dovuta al superamento del limite da parte di Trump, tuttavia la compagnia ha già detto a più riprese che non eliminerà permanentemente l'account del Presidente anche se infrangerà le regole del servizio.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

43 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
turcone03 Novembre 2017, 18:09 #1
nuova frontiera della censura : adesso le aziende private possono censurare un presidente eletto ...
mi sembra impossibile che un impiegato possa disabilitare un account utente cosi facilmente
doctor who ?03 Novembre 2017, 18:30 #2
Originariamente inviato da: turcone
nuova frontiera della censura : adesso le aziende private possono censurare un presidente eletto ...
mi sembra impossibile che un impiegato possa disabilitare un account utente cosi facilmente


Sta postando sul sito dell'azienda privata eh, non è che se tu ricopri una carica pubblica puoi venire su questo forum e spammare siti che vendono preservativi cinesi.

Era inevitabile che il suo shitposting avrebbe causato qualcosa del genere.
turcone03 Novembre 2017, 18:40 #3
Originariamente inviato da: doctor who ?
Sta postando sul sito dell'azienda privata eh, non è che se tu ricopri una carica pubblica puoi venire su questo forum e spammare siti che vendono preservativi cinesi.

Era inevitabile che il suo shitposting avrebbe causato qualcosa del genere.


mi sa che ti sfugge il concetto di libertà di espressione e democrazia
anche se non mi piace quello che scrive lui deve essere libero di scriverlo
Doraneko03 Novembre 2017, 19:03 #4
Sarà opera di un qualche elettore della Clinton deluso dal risultato delle elezioni.
Ormai è passato un anno ma sono sicuro che ci sono ancora molti che hanno il che brucia
fatantony03 Novembre 2017, 19:52 #5
Disattivare quello dell'isis no eh?!?!
Yakkuz03 Novembre 2017, 19:55 #6
Più che altro mi infastidisce che se io violo la policy del servizio, mi sospendono e bannano (qualche volta anche se non la violo apertamente), mentre se lo fa il Presidente degli Stati Uniti, no.

Non mi pare bella democrazia nemmeno questa, non sta sulle pagine del sito della Casa Bianca, scrive su un servizio privato, da un account personale, tra le altre cose.
Doraneko03 Novembre 2017, 20:23 #7
Originariamente inviato da: Yakkuz
Più che altro mi infastidisce che se io violo la policy del servizio, mi sospendono e bannano (qualche volta anche se non la violo apertamente), mentre se lo fa il Presidente degli Stati Uniti, no.

Non mi pare bella democrazia nemmeno questa, non sta sulle pagine del sito della Casa Bianca, scrive su un servizio privato, da un account personale, tra le altre cose.


Se è un servizio privato cosa centra la democrazia?
zappy03 Novembre 2017, 20:35 #8
Originariamente inviato da: Yakkuz
Più che altro mi infastidisce che se io violo la policy del servizio, mi sospendono e bannano (qualche volta anche se non la violo apertamente), mentre se lo fa il Presidente degli Stati Uniti, no.

Non mi pare bella democrazia nemmeno questa, non sta sulle pagine del sito della Casa Bianca, scrive su un servizio privato, da un account personale, tra le altre cose.

appunto.
per la serie io sono io e voi non siete un c@zzo.
r134803 Novembre 2017, 23:32 #9
covfefe
Nurgiachi04 Novembre 2017, 00:44 #10
Originariamente inviato da: Yakkuz
Più che altro mi infastidisce che se io violo la policy del servizio, mi sospendono e bannano (qualche volta anche se non la violo apertamente), mentre se lo fa il Presidente degli Stati Uniti, no.
Non mi pare bella democrazia nemmeno questa, non sta sulle pagine del sito della Casa Bianca, scrive su un servizio privato, da un account personale, tra le altre cose.

Originariamente inviato da: zappy
appunto.
per la serie io sono io e voi non siete un c@zzo.

mamma mamma, perché Gianni può andare a letto più tardi ed io no? sei ingiusta!
- da un bambino di 3 anni

Ma quanti anni avete! Suvvia non rendetevi ridicoli! Lui è il Presidente degli Stati Uniti d'America è ovvio che abbia un trattamento diverso da voi (noi) che, effettivamente, non siete nulla. Se ogni utente di Twitter corrispondesse ad 1 secondo voi sareste 1 secondo in 3 mesi di tempo. L'arroganza del niente oserei dire.
E basta sproloquiare sulla parola "democrazia", non centra assolutamente nel discorso, non funziona così e men che meno si può applicare alle regole che adotta una azienda privata su di un servizio che mette a disposizione.
[SIZE="1"]si son bevuti la storia che uno vale uno, roba da matti[/SIZE]

Piuttosto la situazione ha svelato interessantissime prospettive che i più fino ad oggi ignoravano.
Una azienda sovranazionale come Twitter ricopre un ruolo cruciale nella comunicazione e mi domando fino a quanto possano ricoprire un ruolo super partes. Un servizio come Twitter in futuro lascerà blastarsi liberamente due capi di nazioni sull'orlo di una guerra? Se l'Europa, gli USA, la Russia e la Cina fossero a ridosso d'una guerra simili aziende continuerebbero senza intromissioni a fornire il servizio a rappresentanti di queste nazioni che liberamente si minacciano?

Probabilmente in questo caso è stata la sciocca reazione di un singolo indignato da Trump ma, in futuro, quando ci saranno delle vite in gioco nessuno farà un passo indietro?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^