Italiansubs, anche scaricare i sottotitoli è illegale secondo FAPAV [AGGIORNAMENTO]

Italiansubs, anche scaricare i sottotitoli è illegale secondo FAPAV [AGGIORNAMENTO]

L'avviso proviene dalla Federazione per la tutela dei contenuti audiovisivi e multimediali, che sostiene che il sito Italiansubs operi in maniera illecita violando le leggi sul diritot d'autore

di pubblicata il , alle 12:41 nel canale Web
 

Nel corso del fine settimana FAPAV (Federazione per la tutela dei contenuti audiovisivi e multimediali) ha condiviso una nota in cui denuncia l'operato di Italiansubs e in cui si legge che la community alla base della piattaforma di scambio di sottotitoli "è illegale". Nella nota non ci sono mezzi termini, ma una forte critica riguardo l'operato del sito.

La Community Italiansubs "non valorizza le opere audiovisive" e "non aiuta a diffondere la cultura della legalità e lo sviluppo sano del mercato dell'audiovisivo", secondo la Federazione. Il portale traduce e rende disponibili i sottotitoli di opere audiovisive, in molti casi film o serie TV non ancora presenti sul nostro mercato e lo fa - stando alla nota divulgata dalla Federazione - senza disporre del consenso da parte dei titolari dei diritti. Si tratta, quindi, di un illecito.

"Quanto realizzato da questa community viola la legge in quanto non in possesso del consenso per realizzare la traduzione in lingua italiana dei relativi dialoghi dei contenuti audiovisivi, generando un danno alle imprese che hanno investito in quel determinato prodotto e alterando il mercato stesso", dichiara Federico Bagnoli Rossi, Segretario Generale della FAPAV. Il punto di vista della Federazione risulta più condivisibile se si considera il quadro generale della situazione.

I sottotitoli offerti gratuitamente incentivano lo sfruttamento dell'opera sulla rete senza le necessarie licenze, anche in anticipo rispetto al rilascio ufficiale nel nostro paese. Questo crea un ulteriore danno ai licenziatari italiani dei diritti sulle specifiche opere, che ovviamente investono sul doppiaggio e sulla traduzione in lingua italiana. Italiansubs costringe queste società a ridurre i propri budget destinati al doppiaggio, con conseguenze dirette nell'intero settore.

"Il mercato dell’audiovisivo oggi ha bisogno di essere sostenuto", conclude Bagnoli Rossi. "La tutela e il contrasto ai comportamenti illeciti risultano fondamentali tanto quanto investimenti e idee creative. Tutti devono fare la propria parte, nel rispetto delle regole e con una visione culturale competitiva e globale. Non ci sono 'supereroi' o nobili fini dietro la pirateria, ma solo grandi danni per il settore audiovisivo e tutti i suoi lavoratori".

Aggiornamento - Siamo stati contattati da uno degli admin della community di Italiansubs, che intende far sentire la sua voce in risposta alla denuncia da parte della FAPAV. Di seguito riportiamo la posizione per intero del team che si è occupato fino ad oggi del servizio italiano di condivisione sottotitoli:

"In merito alla posizione di FAPAV sul servizio reso dalla nostra community, diffusa in seguito alla recente uscita nei cinema del documentario su Italiansubs "Subs Heroes" vogliamo ribadire che Italiansubs non ha fini di lucro e non percepisce alcun guadagno, diretto o indiretto, per i servigi che rende all'utenza. Da più di dieci anni la nostra piattaforma on line non ospita alcun banner pubblicitario e si sostiene esclusivamente con donazioni dei propri affezionati utenti e col volontariato dei propri traduttori.

Teniamo inoltre a precisare che questa community è ed è sempre stata a favore alla diffusione legale dei contenuti audiovisivi. Italiansubs è nata in un momento in cui il pubblico italiano sentiva l'esigenza di una più ampia varietà dei contenuti, sia doppiati che in lingua originale, e si è sempre posta come obiettivo quello di dare una spinta, per quanto modesta, all'aumento dell'offerta televisiva in lingua originale attraverso i canali ufficiali.

Offerta che, negli ultimi anni, abbiamo finalmente visto crescere e diventare sempre più competitiva. Ci piace pensare che questo sia avvenuto anche grazie al nostro aiuto."

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

78 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Marok05 Febbraio 2018, 12:41 #1
Tra un pò anche raccontare una puntata sarà illegale.
leddlazarus05 Febbraio 2018, 12:54 #2
e poi quanti in proporzione usano i sottotitoli piuttosto che aspettare il doppiaggio?

ma dai su questa sembra proprio raschiare il fondo del barile...
Alessio.1639005 Febbraio 2018, 12:55 #3
I sottotitoli offerti gratuitamente incentivano lo sfruttamento dell'opera sulla rete senza le necessarie licenze, anche in anticipo rispetto al rilascio ufficiale nel nostro paese. Questo crea un ulteriore danno ai licenziatari italiani dei diritti sulle specifiche opere, che ovviamente investono sul doppiaggio e sulla traduzione in lingua italiana. Italiansubs costringe queste società a ridurre i propri budget destinati al doppiaggio, con conseguenze dirette nell'intero settore.

Boh, mi fa troppo ridere.
nickname8805 Febbraio 2018, 12:57 #4
la Federazione per la tutela dei contenuti audiovisivi e multimediali dovrebbe dare un occhiata a popcorntime allora.
s-y05 Febbraio 2018, 13:06 #5
avvertono (finalmente) l'asteroide che sta arrivando...
AceGranger05 Febbraio 2018, 13:07 #6
"che ovviamente investono sul doppiaggio e sulla traduzione in lingua italiana."

contando anche la discutibile qualita dei doppiaggi delle serie TV, nel nostro paese farebbero bene a trasmettere le opere in lingua originale sottotitolate; e le traduzioni ,come dimostrano quelli di fansub, possono essere fatte in modo veloce ed economico.


se poi andra a finire che chiuderanno anche quello, pazienza ci abitueremo a scaricare i sub in inglese, e poi voglio vedere quelli come li fermano
Spawn758605 Febbraio 2018, 13:07 #7
Fintanto che i film stranieri vengono ritardati in italia per non danneggiare quelle porcherie dei film italiani me ne frego. Continuerò a guardarmi i programmi sottotitolati che se escono su un qualsiasi sito ufficiale (come Netflix per intenderci) pagherò per vedere, se invece sono mantenuti in un limbo perpetuo guarderò sottotitolati in INGLESE scaricati in INGLESE.

Diciamoci la verità poi, la community di italiansubs è una delle più tossiche in assoluto, di arroganti che si permettono di esprimere una opinione personale come se fosse la verità assoluta, che puniscono chiunque ha una opinione diversa e non hanno neanche un grande standard di controllo (ho trovato un sacco di errori nelle loro traduzioni e spesso proprio di comprensione dell'inglese). Ma sto divagando...
kamon05 Febbraio 2018, 13:07 #8
Originariamente inviato da: Alessio.16390
I sottotitoli offerti gratuitamente incentivano lo sfruttamento dell'opera sulla rete senza le necessarie licenze, anche in anticipo rispetto al rilascio ufficiale nel nostro paese. Questo crea un ulteriore danno ai licenziatari italiani dei diritti sulle specifiche opere, che ovviamente investono sul doppiaggio e sulla traduzione in lingua italiana. Italiansubs costringe queste società a ridurre i propri budget destinati al doppiaggio, con conseguenze dirette nell'intero settore.
Boh, mi fa troppo ridere.


A me invece fa solo incazzare a morte... A parte che quando ho letto FAPav, pensavo fosse uno scherzo .
Zererico05 Febbraio 2018, 13:16 #9
Originariamente inviato da: AceGranger
"che ovviamente investono sul doppiaggio e sulla traduzione in lingua italiana."

contando anche la discutibile qualita dei doppiaggi delle serie TV, nel nostro paese farebbero bene a trasmettere le opere in lingua originale sottotitolate; e le traduzioni ,come dimostrano quelli di fansub, possono essere fatte in modo veloce ed economico.


se poi andra a finire che chiuderanno anche quello, pazienza ci abitueremo a scaricare i sub in inglese, e poi voglio vedere quelli come li fermano


Credo che sottovaluti la quantità di lavoro necessaria per rendere un'opera in un'altra lingua decentemente e senza usare lo scarso Italiano televisivo.
s-y05 Febbraio 2018, 13:22 #10
considerando che l'italia è forse l'unico (o uno dei pochi) paesi dove fino a pochissimo tempo fa manco c'era l'opzione di usufruire in lingua originale, è anche consequenziale che ci sia un potente esercito di gente che sulla cosa ci ha campato e ci campa, e che si sente sempre più danneggiato dall'evoluzione ormai irreversibile, e quindi rognano...

quanto alla resa di un prodotto doppiato, rispetto ad uno in lingua originale, questione di gusti, e di possibilità anche forse (fatto salvo che imho sentire sempre le stesse voci stanca...)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^