Google: stop alla pubblicità mirata basata sulla cronologia di navigazione

Google: stop alla pubblicità mirata basata sulla cronologia di navigazione

Google intende interrompere la vendita di annunci che si basano sulla cronologia di navigazione dei singoli. Il gigante della ricerca punta a usare API che preservino la privacy senza danneggiare gli inserzionisti.

di pubblicata il , alle 08:01 nel canale Web
Google
 

"Don't be Evil" era il motto di Google in un tempo in cui, da startup, si ergeva con sfrontatezza per sfidare i colossi consolidati. Ora che quel colosso è lei, e che sui nostri dati usati a fini pubblicitari ha costruito il suo impero, appare quasi strana la decisione di rendere la privacy "una priorità per il futuro del web". Se un tempo gli utenti erano più disposti a cedere delle informazioni in cambio della gratuità dei servizi, nell'ultimo periodo il vento è cambiato e, anche Google, ha deciso di tenere conto.

In un lungo post, David Temkin - Director of Product Management, Ads Privacy and Trust della casa di Mountain View - spiega che secondo uno studio condotto dal Pew Research Center, l'81% delle persone intervistate ritiene che i potenziali rischi causati dalla raccolta dei dati superino i possibili benefici.

"Se la pubblicità digitale non si evolve per rispondere alle crescenti preoccupazioni delle persone sulla loro privacy e su come viene utilizzata la loro identità personale, il futuro di un web libero e aperto è a rischio", afferma Temkin.

Lo scorso anno Google ha annunciato che Chrome non supporterà più i cookie di terze parti, pur continuando a fornire risultati per inserzionisti e publisher. "Spesso ci viene chiesto se Google si unirà ad altri attori che intendono sostituire i cookie di terze parti con identificatori alternativi a livello di utente nel settore della tecnologia pubblicitaria. Oggi vogliamo chiarire che una volta eliminati gradualmente i cookie di terze parti, non creeremo identificatori alternativi per monitorare le persone mentre navigano su Internet, né li useremo nei nostri prodotti".

"I nostri prodotti web, invece, funzioneranno grazie ad API che preservano la privacy e che impediscono il monitoraggio individuale, pur continuando a fornire risultati efficaci per inserzionisti e publisher".

Google sta lavorando su una tecnologia chiamata FLoC (Federated Learning of Cohorts), e gli ultimi test "mostrano un modo per eliminare efficacemente i cookie di terze parti dalle tecniche pubblicitarie, rendendo anonimi i singoli individui all'interno di grandi raggruppamenti di persone con interessi simili (coorti). Chrome intende rendere disponibili le coorti basate su FLoC per test pubblici nella prossima release di questo mese, mentre prevediamo di iniziare a testare le coorti basate su FLoC con gli inserzionisti di Google Ads nel prossimo trimestre".

Secondo Temkin, "la direzione è quindi quella di un futuro in cui non sarà necessario rinunciare a pubblicità pertinenti e monetizzazione per offrire un'esperienza privata e sicura".

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Pino77705 Marzo 2021, 08:04 #1
rotfl
Gundam.7505 Marzo 2021, 08:22 #2
Ormai sanno già tutto. E' inutile
dontbeevil05 Marzo 2021, 08:50 #3
belta05 Marzo 2021, 09:03 #4
Originariamente inviato da: Pino777
rotfl


quoto
deggial05 Marzo 2021, 09:27 #5
umh... non so se ho capito bene il senso della notizia, ma quello che preoccupa me come utente non è tanto il fatto che Google o altre società conoscano i miei gusti, quanto il fatto che poi queste informazioni vengano usate in modi che possono risultare per me imbarazzanti o nocivi di fronte ad altri.

Se ad esempio io di notte guardo le cose zozze su internet, non voglio che poi in ufficio, quando magari collaboro con i colleghi usando il mio pc, Google mi faccia vedere le pubblicità di vagine in gomma luccicanti!
Adesso Google lo fa sapendo che io, deggial, di notte guardo le cose zozze.

Se in futuro questo FLoC permettesse a Google di farlo comunque, senza sapere che io sono deggial ma che faccio parte di una grande community di zozzony, a me all'atto pratico cambia poco.

PS: sì, è solo un esempio, non guardo le cose zozze e se le guardassi, lo farei da firefox in modalità anonima non collegato all'account di chrome
perchè oltre a tutelarmi da google e colleghi dovrei tutelarmi anche dalla moglie
ethan8605 Marzo 2021, 09:38 #6
il diritto della privacy è diventato carta straccia
supertigrotto05 Marzo 2021, 11:19 #7
Secondo me ci vorrebbe un controllo più accurato,a volte le pubblicità Google mi ha fatto scoprire diverse categorie di prodotto,tipo controller per CNC di varie aziende e prezzi o Flight controller board per droni (dove ad esempio conobbi Holybro che ne fa di ottimi) o inverter con un giusto rapporto qualità prezzo,altri prodotti elettronici interessanti e utensili per lavorazioni meccaniche molto validi.
Poi magari mi dà fastidio che se cerco qualcosa per un amico,poi mi venga proposta pubblicità che assolutamente non mi interessa,in questo caso però dovrei attivare la navigazione in incognito e eliminare i cookie.
La pubblicità non mi dispiace, può essere molto utile ma solo se ben mirata,in questo senso, facebook è avvantaggiato, Google per estrarre i dati fa una fatica mostruosa, facebook e i social network,sono gli utenti che inseriscono i dati,quindi possono fare un advertising più mirato.
nameman05 Marzo 2021, 12:08 #8
Originariamente inviato da: deggial
umh... non so se ho capito bene il senso della notizia, ma quello che preoccupa me come utente non è tanto il fatto che Google o altre società conoscano i miei gusti, quanto il fatto che poi queste informazioni vengano usate in modi che possono risultare per me imbarazzanti o nocivi di fronte ad altri.

Se ad esempio io di notte guardo le cose zozze su internet, non voglio che poi in ufficio, quando magari collaboro con i colleghi usando il mio pc, Google mi faccia vedere le pubblicità di vagine in gomma luccicanti!
Adesso Google lo fa sapendo che io, deggial, di notte guardo le cose zozze.

Se in futuro questo FLoC permettesse a Google di farlo comunque, senza sapere che io sono deggial ma che faccio parte di una grande community di zozzony, a me all'atto pratico cambia poco.

PS: sì, è solo un esempio, non guardo le cose zozze e se le guardassi, lo farei da firefox in modalità anonima non collegato all'account di chrome
perchè oltre a tutelarmi da google e colleghi dovrei tutelarmi anche dalla moglie


ma credi veramente che ti basti usare firefox in modalità anonima per sentirti tranquillo quando guardi le cose zozze ?

prova a dere un'occhiata qui: https://www.makeuseof.com/tag/check...dium=newsletter

e se la cosa ti può solo incuriosire testa il tuo browser ad esempio qui: https://coveryourtracks.eff.org/
Gundam.7505 Marzo 2021, 12:31 #9
Non conoscevo il sito ed ho fatto il test:

Our tests indicate that you have strong protection against Web tracking.

Blocking tracking ads? Yes
Blocking invisible trackers? Yes
Protecting you from fingerprinting? Your browser has a unique fingerprint
OUTATIME05 Marzo 2021, 12:40 #10
Quindi praticamente a me ptrebbe arrivare una pubblicità di assorbenti e a mia moglie quella di un router per la fibra?

Idea sensata, indubbiamente.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^