Google Foto, successo enorme dopo soli cinque mesi

Google Foto, successo enorme dopo soli cinque mesi

Il servizio di cloud storage di Big G viene utilizzato da oltre 100 milioni di persone in tutto il mondo, probabilmente per i suoi piani estremamente convenienti sul lato economico

di pubblicata il , alle 13:01 nel canale Web
Google
 

Google Foto è stato lanciato come prodotto nuovo alla fine dello scorso mese di maggio, tuttavia nasce da una base già esistente e consolidata da parecchi anni all'interno del social network Google+. Fra le funzionalità ereditate troviamo le animazioni Auto Awesome, la possibilità di editare le foto, l'upload automatico delle stesse e le feature di ricerca. Si tratta di un rebrand, insomma, che comunque è servito a canalizzare il successo del prodotto raggiungendo il traguardo di 100 milioni di utenti.

Il successo è arrivato proprio grazie al rebrand e ai nuovi piani economici, e al semplice accesso alla funzionalità per gli utenti di Google+ (non molti), e per quelli che usano Android (più di un miliardo). Con il rebrand Big G ha introdotto un succulento piano di storage illimitato totalmente gratuito per tutte le foto che non superano i 16 megapixel di risoluzione e non occupano più di una soglia predefinita di spazio su disco. E questo ha probabilmente contribuito parecchio alla diffusione del servizio.

Ad annunciare il raggiungimento dei 100 milioni di utenti è stata la stessa Google che ha elencato alcune delle modalità d'uso degli utenti del servizio. La gente usa Google Foto per salvare le foto personali e quelle dei cibi, con matrimoni e concerti fra gli eventi più immortalati e cercati sul servizio. Le località preferite sono l'immortale Parigi che supera New York, mentre i cani superano gli intramontabili gatti e conquistano la corona di una delle classifiche più ambite del web.

Passiamo ai numeri: Google scrive che l'introduzione dell'auto-upload ha aiutato a liberare circa 3.720 terabytes di spazio di storage sui dispositivi degli utenti. Non è chiaro tuttavia se quella cifra rappresenti la mole di dati caricata con la feature, o se si tratti effettivamente del quantitativo di foto cancellato dai dispositivi utilizzando la funzione Google Photos Assistant. Si tratta comunque di un numero impressionante, a prescindere da tutte le considerazioni che possono essere mosse.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
frankie21 Ottobre 2015, 13:18 #1
Devo dire che adesso è molto meglio di quando era su Google+.
Solo capire che è un servizio a se stante e non condivide nulla se non lo fai tu, è una buona cosa.

Anche se devo capire da dove arrivano un paio di foto sotto la cartella "Auto Backup" già presenti in altre cartelle oops album e inoltre quando hai materiale condiviso e quando no.

Oltre all'integrazione con Drive che è unilaterale (se le metti in drive non te le ritrovi in photo).

Finally, la dicitura su cosa scegliere tra i due formati di caricamento non è chiarissima
garion8721 Ottobre 2015, 14:05 #2
C'è voluto un po', ma finalmente hanno sfornato un'app dedicata alle foto davvero funzionale e completa. Inutile sottolineare come la sua "divisione" da google plus è stata una manna dal cielo per gli utenti e ha fatto da trampolino di lancio per il successo dell'app.

Continua così google
cerbert21 Ottobre 2015, 14:17 #3
Normalmente è raro che io mi impegoli in polemiche di tecnologia... però qua mi scappa proprio.

E GRAZIE AL CAVOLO!

Successo? Io avevo caricato le mie foto su Picasa, comodo, funzionale, ordinato ed essenziale, con una applicazione per desktop ("Applicazione desktop", non "app" adeguatamente accessoriata.

Poi mi ritrovo utente "Google Photo", con i suoi album organizzati "alla moda del professor Kadtzo", complicati da linkare, disordinati e con feature automatiche (la creazione delle "Storie"... ma saprò crearmele da solo!!) che si traducono in continue notifiche.

Fortuna che Picasaweb e Picasa esistono ancora, ma mi chiedo quanti di quei 100 milioni di utenti siano "utenti involontari" come me.

Che rottura i servizi non richiesti.
Marko#8821 Ottobre 2015, 15:51 #4
Originariamente inviato da: cerbert
Normalmente è raro che io mi impegoli in polemiche di tecnologia... però qua mi scappa proprio.

E GRAZIE AL CAVOLO!

Successo? Io avevo caricato le mie foto su Picasa, comodo, funzionale, ordinato ed essenziale, con una applicazione per desktop ("Applicazione desktop", non "app" adeguatamente accessoriata.

Poi mi ritrovo utente "Google Photo", con i suoi album organizzati "alla moda del professor Kadtzo", complicati da linkare, disordinati e con feature automatiche (la creazione delle "Storie"... ma saprò crearmele da solo!!) che si traducono in continue notifiche.

Fortuna che Picasaweb e Picasa esistono ancora, ma mi chiedo quanti di quei 100 milioni di utenti siano "utenti involontari" come me.

Che rottura i servizi non richiesti.


Servizi non richiesti? Google Foto è un'applicazione da scaricare dallo store e il backup NON è automatico, è da attivare. In che senso sarebbe un servizio non richiesto?
AleLinuxBSD21 Ottobre 2015, 17:12 #5
succulento piano di storage illimitato totalmente gratuito per tutte le foto che non superano i 16 megapixel di risoluzione e non occupano più di una soglia predefinita di spazio su disco.

Quale sarebbe la dimensione massima in Mb per immagine?
Sono supportati i formati raw?
Dando un'occhiata veloce mi pare che sia possibile mantenere le immagini private. Confermate?
zoomx21 Ottobre 2015, 17:54 #6
Purtoppo picasa è ancora necessario per scegliere la copertina defli album o per decidere l'ordinamento. Meno male che funziona ancora. Alcune cose tipo le animazioni sono possibili solo da Amdroid.

Le due opzioni di salvataggio. Se scegliete di conservare le foto come sono allora lo spazio non è illimitato. Se invece permettete a Google di ricomprimere le immagini lo spazio è illimitato.
Io lo trovo comodo per archiviare foto dello smartphone e compagnia e per condividere alcune foto della reflex con chi dico io, se non faccio nulla la condivisione è con nessuno.
Google approfitta dell'enorme archivio per sperimentare riconoscimenti automatici e altre diavolerie.
Ma il sito fotografico per eccellenza credo sia ancora Flikr che mette a disposizione 1 tera.
gianluca.f22 Ottobre 2015, 08:33 #7
Originariamente inviato da: zoomx
Purtoppo picasa è ancora necessario per scegliere la copertina defli album o per decidere l'ordinamento. Meno male che funziona ancora. Alcune cose tipo le animazioni sono possibili solo da Amdroid.


Puoi farlo, vai su una delle foto la apri clicchi su opzioni (i 3 puntini verticali).
Anche l'ordinamento puoi effettuarlo nell'album scegli modifica (la matita).
Anche la condivisione è semplificata secondo me.

Foto è graficamente molto più avanti di picasaweb, l'integrazione su smartphone è ottima.
L'unica cosa è la non separazione dei backup dalle foto caricate e che le foto non hanno veri album ma raccolte quindi tag, il che rende tutto molto visibile e caotico.
morbidflame22 Ottobre 2015, 10:34 #8
già lo usavo dai tempi di picasa.

una bomba

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^