Amazon contro PayPal con un nuovo servizio di pagamenti online

Amazon contro PayPal con un nuovo servizio di pagamenti online

Amazon ha annunciato l'introduzione di un nuovo servizio di pagamenti online con cui entrare in competizione con PayPal in maniera ancora più profonda. Il sistema è disponibile al momento solo negli Stati Uniti, e con abbonamenti ricorrenti

di pubblicata il , alle 17:01 nel canale Web
Amazon
 

Amazon ha lanciato lunedì un nuovo servizio di pagamenti con il quale gestire abbonamenti per conto di società terze. Quella annunciata ieri è l'ultima delle mosse di un piano generale più ampio, in cui il colosso dell'e-commerce potrebbe entrare in maniera diretta negli affari di concorrenti come PayPal.

Il nuovo servizio permette ai 240 milioni di utenti attivi della compagnia di Seattle di utilizzare le carte di credito memorizzate su Amazon.com per pagare abbonamenti telefonici o di servizi musicali. Ad Amazon spetta una piccola percentuale su ogni transazione, così come avviene sulla piattaforma concorrente.

L'annuncio arriva a pochi giorni dal lancio di un nuovo presunto smartphone con interfaccia tridimensionale e gesture touchless, previsto per il prossimo 18 giugno. I due prodotti potrebbero essere complementari, elemento che potrebbe permettere ad Amazon una rapida espansione nel mercato dei pagamenti su mobile.

"Dovreste vedere la novità come una delle tante cose che faremo per espandere il concetto che hanno le persone su Amazon, e il modo in cui li aiutiamo", ha dichiarato Tom Taylor di Amazon commentando la novità, lo stesso dirigente che già aveva in qualche modo preannunciato i cambiamenti lo scorso aprile.

Amazon è al lavoro sul nuovo servizio da parecchi mesi, in cui ha collaborato con startup come Ting. Il colosso dell'e-commerce ha già tentato di dissipare i dubbi riguardo alla privacy degli utenti che faranno parte del servizio: nessun dato degli oggetti trattati dalle acquisizioni sarà memorizzato, a differenza del quantitativo di denaro mosso dalla nuova piattaforma che verrà costantemente monitorato.

Il servizio è stato lanciato al momento esclusivamente negli Stati Uniti, e solo per abbonamenti ricorrenti, ma potrebbe espandersi presto in altri paesi e con nuove modalità d'uso.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7711 Giugno 2014, 17:45 #1
Furbetti quelli di Amazon.
In effetti Amazon è l'unico sito che ha accesso diretto alla mia carta di credito.. per tutto il resto uso solo Paypal, è comodo e più sicuro.
DKDIB11 Giugno 2014, 18:44 #2
La gestione che ha Amazon delle carte di credito dei clienti, ora come ora ricorda molto da vicino quella di PayPal della prima ora, quando ancora era usabile solo per gli acquisti su eBay.

Se vorranno realmente far concorrenza a PayPal, dovranno andare oltre la semplice memorizzazione delle carte di credito/debito e creare dei veri e propri conti, che fungano da cache fra le carte dell'utente ed il conto del venditore.
A questo punto, però, serviranno anche gli IBAN e quindi dovranno fondare una vera e propria banca. Esattamente come lo è PayPal.
mauriziogl11 Giugno 2014, 21:24 #3
Come esercente sarei felicissimo di abbandonare paypal per un altro sbattendocelo il faccia. Purtroppo paypal con gli esercenti è una sorta di mafiosa, non si attiene nemmeno alle leggi europee, l'importante e dar sempre ragione al cliente per aumentare sempre più utenti. Speriamo!
k2-karakorum12 Giugno 2014, 01:26 #4
Grande Amazon, sempre più numero 1 indiscusso dell'e-commerce. Per quanto mi riguarda, non posso che essere felice che un colosso (serio) come Amazon entri in concorrenza con Paypal, io non auguro del male a nessuno, ma Paypal con me ha chiuso ormai da tempo, e non intendo più avere a che fare chi tutela i "furbetti" e i disonesti. Da quando ho scoperto Amazon, ho detto addio (con sommo piacere mio e del mio portafogli..) a Ebay e a Paypal, visto che quest'ultima è una loro proprietà. Io di Amazon mi fido al 100%, hanno una politica di tutela del cliente che nessuno della concorrenza può lontanamente competere, io non sono a libro paga di nessun venditore, sia ben chiaro, ma i miei soldi (faticosamente guadagnati) li dò volentieri a chi si dimostra serio e affidabile, non a ciarlatani che sbandierano ai 4 venti una presunta tutela del cliente, salvo poi lasciarlo nella "m" quando realmente accade un imprevisto. By by Paypal....
piererentolo12 Giugno 2014, 08:48 #5
Io di amazon non ho mai capito perchè registrando una carta non chiedano il CVV2

Comunque si... paypal per i venditori è una tragedia, ma per gli acquirenti è una manna dal cielo! E' così una manna dal cielo che è fin troppo semplice approfittarsene! Se non fossi un persona onesta probabilmente avrei la casa piena di oggettistica cinese ricevuta a costo 0!!!!!!
maxmax8012 Giugno 2014, 08:51 #6
Originariamente inviato da: mauriziogl
Come esercente sarei felicissimo di abbandonare paypal per un altro sbattendocelo il faccia. Purtroppo paypal con gli esercenti è una sorta di mafiosa, non si attiene nemmeno alle leggi europee, l'importante e dar sempre ragione al cliente per aumentare sempre più utenti. Speriamo!


hai ragionissimo,
le commissioni di transazione poi sono semplicemente un furto al quale la commissione europea dovrebbe porre un limite, perché sono totalmente decise da paypal senza se e senza ma...
in questo senso la concorrenza potrebbe fare anche bene, a meno che amazon non si allinei agli standard di Non-eccellenza di paypal..

Originariamente inviato da: k2-karakorum
Grande Amazon, sempre più numero 1 indiscusso dell'e-commerce. Per quanto mi riguarda, non posso che essere felice che un colosso (serio) come Amazon entri in concorrenza con Paypal, io non auguro del male a nessuno, ma Paypal con me ha chiuso ormai da tempo, e non intendo più avere a che fare chi tutela i "furbetti" e i disonesti. Da quando ho scoperto Amazon, ho detto addio (con sommo piacere mio e del mio portafogli..) a Ebay e a Paypal, visto che quest'ultima è una loro proprietà. Io di Amazon mi fido al 100%, hanno una politica di tutela del cliente che nessuno della concorrenza può lontanamente competere, io non sono a libro paga di nessun venditore, sia ben chiaro, ma i miei soldi (faticosamente guadagnati) li dò volentieri a chi si dimostra serio e affidabile, non a ciarlatani che sbandierano ai 4 venti una presunta tutela del cliente, salvo poi lasciarlo nella "m" quando realmente accade un imprevisto. By by Paypal....


quando Amazon eviterà di usare paradisi fiscali e di offrire condizioni di lavoro scadenti allora sarà una buona azienda.
così è troppo facile dire "brava amazon"
brava niente.
fano12 Giugno 2014, 10:20 #7
Una doverosa premessa la concorrenza è sempre un bene quindi ben venga Amazon e in futuro Mediaworld / Mediamarket, ecc...

Però questo astio verso Paypal non lo comprendo, sinceramente, io ho la carta di credito ricaricabile il cui unico difetto è che si appoggia a Lotto / Sisal in Italia (e i tabacchini mi fanno casino) sì ho avuto qualche piccolo problemino:

[LIST=1]
[*]La mia banca (CARIGE sì quella che stanno mettendo tutti in galera) non voleva ricaricarla con il bonifico... s*ronzo io che ho detto che era una carta ricaricabile.
Loro volevano che prendessi la loro "revolver" con un grazioso canone di 25 € / anno! Ho contattato Paypal al 199 risposto subito una gentilissima operatrice di Tirana e mi hanno detto che la mia banca fa la furbetta e mi fa il Bonifo Europeo. Ri-chiamo la banca e un maleducatissimo dipendente di Genova mi dice che loro fanno SOLO bonifici Europei e che Paypal è brutta e cattiva! ... e che la usano per fare le truffe, la clonano... e che, in fondo, in fondo, io sono anche un pochetto st*onzo. Cambierò banca e poi vediamo ...
[*]Il Sito Lottomatica per vedere i movimenti è un disastro hanno messo pure il capcha... ebbene l'ho sbagliato 3 volte e, giustamente, me lo hanno bloccato. Scrivo nella form di aiuto sul sito "non va una fava", la mattina dopo alle 9.00 mi chiamano loro gli spiego il problema e TAC: tutto risolto!
[*]Il Tabacchino invece di ricaricarmi 100 Euri... tenetevi forte me ne ricarica 400! Sudore freddo, vomito, lacrime e sangue! Glieli devo dare... faccio un bancomat di urgenza di 300 € e via! Nessuno guarda la ricevuta... il giorno dopo mi faccio coraggio e controllo cosa davvero era accaduto ieri... sbaglio il capthca solo 2 volte e bam: € 22.50! Svengo e poi mi metto a piangere come una signorina... guardo la ricevuta e... orrore, raccapriccio è una "Verifica di Ricarica"... grazie al cielo conservo tutto... e un mese fa avevo ricaricato di 400 € tutto riporta la data del mese scorso! In pausa pranzo chiamo Paypal risposta pronta: "Confermo tutto vai dal tabacchino e spaccagli la faccia". Il F*ocione non ci crede è palesemente piccato... ritelefona, ma stavolta a SISAL... cade la linea... ritenta 3 volte... alla fine lo dichiarano grandissimo st*onzo, ma passa un'orina e alla fine mi ri-fa la ricarica... da 400 €! Tutto è bene quel che finisce bene... ma che paura! Ero praticamente certo, in ogni caso, che i soldi li avrei riavuti al limite paypal scatenava il recupero crediti! No, non ci vado più da quel tabaccaio ricaricherò con l'altro carta di Credito... quella della Carige, speriamo bene!
[/LIST]

Mi spiace se i rivenditori hanno problemi, ma concordo con Paypal è il titolare del conto non l'esercente la parte debole e deve sempre essere tutelata!
piererentolo12 Giugno 2014, 12:06 #8
Originariamente inviato da: fano
Una doverosa premessa ... CUT

Si vabbe... ma vivi nel paese degli incompetenti!!!
theJanitor12 Giugno 2014, 12:11 #9
Originariamente inviato da: fano
Il Tabacchino invece di ricaricarmi 100 Euri... tenetevi forte me ne ricarica 400! Sudore freddo, vomito, lacrime e sangue! Glieli devo dare...


col c...o
sbaglia lui, ripara lui all'errore

a parte che leggendo il resto della storia è venuto fuori che è un idiota patentato....
Darkon12 Giugno 2014, 12:44 #10
Originariamente inviato da: fano
Una doverosa premessa la concorrenza è sempre un bene quindi ben venga Amazon e in futuro Mediaworld / Mediamarket, ecc...

Però questo astio verso Paypal non lo comprendo, sinceramente, io ho la carta di credito ricaricabile il cui unico difetto è che si appoggia a Lotto / Sisal in Italia (e i tabacchini mi fanno casino) sì ho avuto qualche piccolo problemino:

[LIST=1]
[*]La mia banca (CARIGE sì quella che stanno mettendo tutti in galera) non voleva ricaricarla con il bonifico... s*ronzo io che ho detto che era una carta ricaricabile.
Loro volevano che prendessi la loro "revolver" con un grazioso canone di 25 € / anno! Ho contattato Paypal al 199 risposto subito una gentilissima operatrice di Tirana e mi hanno detto che la mia banca fa la furbetta e mi fa il Bonifo Europeo. Ri-chiamo la banca e un maleducatissimo dipendente di Genova mi dice che loro fanno SOLO bonifici Europei e che Paypal è brutta e cattiva! ... e che la usano per fare le truffe, la clonano... e che, in fondo, in fondo, io sono anche un pochetto st*onzo. Cambierò banca e poi vediamo ...
[*]Il Sito Lottomatica per vedere i movimenti è un disastro hanno messo pure il capcha... ebbene l'ho sbagliato 3 volte e, giustamente, me lo hanno bloccato. Scrivo nella form di aiuto sul sito "non va una fava", la mattina dopo alle 9.00 mi chiamano loro gli spiego il problema e TAC: tutto risolto!
[*]Il Tabacchino invece di ricaricarmi 100 Euri... tenetevi forte me ne ricarica 400! Sudore freddo, vomito, lacrime e sangue! Glieli devo dare... faccio un bancomat di urgenza di 300 € e via! Nessuno guarda la ricevuta... il giorno dopo mi faccio coraggio e controllo cosa davvero era accaduto ieri... sbaglio il capthca solo 2 volte e bam: € 22.50! Svengo e poi mi metto a piangere come una signorina... guardo la ricevuta e... orrore, raccapriccio è una "Verifica di Ricarica"... grazie al cielo conservo tutto... e un mese fa avevo ricaricato di 400 € tutto riporta la data del mese scorso! In pausa pranzo chiamo Paypal risposta pronta: "Confermo tutto vai dal tabacchino e spaccagli la faccia". Il F*ocione non ci crede è palesemente piccato... ritelefona, ma stavolta a SISAL... cade la linea... ritenta 3 volte... alla fine lo dichiarano grandissimo st*onzo, ma passa un'orina e alla fine mi ri-fa la ricarica... da 400 €! Tutto è bene quel che finisce bene... ma che paura! Ero praticamente certo, in ogni caso, che i soldi li avrei riavuti al limite paypal scatenava il recupero crediti! No, non ci vado più da quel tabaccaio ricaricherò con l'altro carta di Credito... quella della Carige, speriamo bene!
[/LIST]

Mi spiace se i rivenditori hanno problemi, ma concordo con Paypal è il titolare del conto non l'esercente la parte debole e deve sempre essere tutelata!


Ma seriamente... ma dove vivi?! Nemmeno nel Burundi sono così incompetenti! Ai tempi quando ancora ero minorenne e potevo avere solo la postepay (grazie a dio non ho più quella carta oscena) ho ricaricato un po' in ogni dove e non ho mai avuto problemi di sorta.

Comunque cambia banca!!! Dove vai vai è meglio di quelli... anche io mi sono trovato malissimo e li ho abbandonati da tempo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^