Indossabili, il primo trimestre è dominato da Xiaomi

Indossabili, il primo trimestre è dominato da Xiaomi

La società cinese balza al primo posto della classifica per volumi di vendita, la stragrande maggioranza fatta in Cina. Fitbit scivola al terzo posto, nel bel mezzo di un periodo di rinnovamento

di Andrea Bai pubblicata il , alle 18:01 nel canale Wearables
AppleXiaomiFitbit
 

Il mercato mondiale dei dispositivi indossabili ha mantenuto la tendenza al rialzo nel corso del primo trimestre del 2017, con Xiaomi ed Apple che mantengono i primi posti della classifica. IDC ha condotto un'analisi che ha evidenziato come nel primo trimestre siano stati venduti un totale complessivo di 24,7 milioni di dispositivi indossabili, in crescita del 17,9% rispetto ai 20,9 milioni di pezzi venduti lo stesso trimestre dello scorso anno.

Ramon Llamas, research manager per IDC, ha commentato: "Fitbit si trova nel bel mezzo di una trasformazione, con i gusti degli utenti che evolvono dalle fitness band agli orologi ed altre categorie di prodotto. Questo ha permesso a Xiaomi di spingere i suoi dispositivi economici all'interno del mercato cinese e ad Apple di far leva sulla sua posizione di principale offerente di smartwatch. Ora che Xiaomi ed Apple hanno spodestato Fitbit, la prossima domanda è se saranno in grado di mantenere le proprie posizioni".

Secondo l'analista comunque ciò non significa che Fitbit debba essere considerato fuori dalla partita. La socetà vanta infatti una base utenti di 50 milioni di individui, una forte presenza nelle iniziative corporate wellness e una serie di elementi che la mantengono al primo posto per quanto riguarda la digital health: tutti elementi che secondo Llamas permetteranno alla società di muoversi in nuovi segmenti e nuovi mercati.

IDC osserva che il mercato è ancora nella prima fase dello sviluppo, ovvero quella fase in cui la priorità dei produttori è quella di diffondere i dispositivi sul mercato. Si tratta, cioè, di una fase di "evangelizzazione" dove lo scopo è quello di far conoscere al pubblico i dispositivi e renderli adusi ad indossarne uno. La seconda fase sarà invece quella di estrarre il valore dai dati degli utenti, prodotti dall'uso di questi dispositivi. E' in questa fase che il pubblico inizierà ad apprezzare gli effettivi vantaggi dell'uso di un indossabile, che non rappresenterà più un semplice schermo in più da controllare.

Xiaomi ha iniziato il 2017 pressoché a pari merito con Apple, ai vertici della classifica, dopo aver passato svariati anni al secondo o al terzo posto. Più del 96% dei suoi volumi di vendita - principalmente braccialetti per fitness tracking - sono avvenuti all'interno della Cina e una gran parte venduti come accessorio in bundle con gli smartphone. La società sta cercando di spostarsi oltre i dispositivi da polso con l'annuncio di un nuovo paio di calzature smart, le "90 Minutes Ultra Smart Sportswear" equipaggiate con Intel Curie.

Apple ha riscontrato una consistente domanda per i suoi Watch a quasi due trimestri dal lancio delle versioni Series 1 e Series 2 sul mercato, con una crescita anno su anno seconda solo a Samsung. Le due versioni di smartwatch sono risultate essere un cambiamento meglio accolto rispetto al modello originario di Apple Watch originario di un anno fa, attraendo sia gli utenti novizi, sia quelli che cercano di sostituire i loro Watch precedenti.

Dopo aver dominato il mercato degli indossabili per diversi anni, Fitbit si è trovato al terzo posto all'inizio del 2017. La società crede che ci siano esigenze di mercato per i fitness tracker con il lancio di Alta HR e la popolarità che Charge 2 continua a riscuotere. Le recenti acquisizioni di Coin, Pebble e Vector dovrebbero inoltre contribuire al bagaglio tecnologico e di caratteristiche del primo smartwatch della compagnia, atteso per i prossimi mesi.

Come anticipato poco sopra, Samsung ha registrato la maggior crescita anno su anno, arrivando vicino al raddoppiare i volumi rispetto ad un anno fa. A spingere verso l'alto i volumi di vendita sono stati Gear S3 Frontier e Classic, che in molti mercati hanno avuto il primo trimestre completo di disponibilità così come le cuffie IconX e la fitness band Gear Fit 2. Nel complesso la diversificazione dei prodotti è diversi passi avanti quella che era stata la strategia smartwatch-only di un anno fa.

Il passaggio di Garmin dagli indossabili di base agli indossabili smart è proseguita nel primo trimestre dell'anno, con volumi per le due categorie che si equivalgono. La chiave di tutto ciò è stata l'aggiunta degli smartwatch a brand Vivo e Feniz, che rispondono alle esigenze degli appassionati di sport, atletica e fitness con applicazioni di terze parti che vanno oltre l'ambito sportivo. L'introduzione di Fenix 5 ha rappresentato un buon esito per la società dato che le dimensioni ridotte hanno reso il dispositivo accessibile ad un pubblico più ampio.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
kean3d06 Giugno 2017, 21:20 #1
Xiaomi rulez
rockrider8107 Giugno 2017, 09:13 #2
Anche il marchio NO.1 non è malaccio e sta producendo parecchie cose nuove a prezzi competitivi.
C'è una discreta comunity che propone miglioramenti e modifiche e tutto si migliora andando avanti.

Xiaomi Amazfit prometteva bene per super prezzo e per il fatto che i devices erano sbloccabili e moddabili ma Xiaomi ha deciso di fermare tutto pertanto fine dei mod. .... o non so cosa succederà ... boh ...

Nei smartwatch tipo orologio c'è ancora un pò di maretta sui sistemi operativi ma io spero che vadano tutti verso Android Wear 2 (che a qualcuno non piace ) in modo da poter avere più fonti di sviluppo sulle app. dedicate ecc.
Wonder07 Giugno 2017, 09:38 #3
Dominato da Xiaomi? ma dove? Soliti titoli del menga
Xiaomi ha lo stesso market share di Apple con gli indossabili, con la piccolissima differenza che gli indossabili Xiaomi costano 20€ mentre quelli Apple 500€
E l'altra piccolissima differenza che il YtY di Xiaomi è già in perdita mentre Apple guadagna un bel 64%

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^