WhatsApp: gli adolescenti preferiscono le chat digitali agli incontri di persona. E voi?

WhatsApp: gli adolescenti preferiscono le chat digitali agli incontri di persona. E voi?

Due adolescenti su tre preferiscono parlare con i propri amici tramite WhatsApp e non a voce. Sono lontani gli incontri a quattrocchi in cui ci si confidava oggi i ragazzi preferiscono il digitale.

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Telefonia
WhatsApp
 

Sono lontani, o almeno sembrano, i tempi in cui ci si dava appuntamento in un determinato posto e ci si incontrava per passare qualche ora assieme parlando di qualsiasi cosa. Tutto ormai passa per il digitale e un ultimo report ha confermato proprio questo ossia che gli adolescenti preferiscono la rete e WhatsApp per conversare piuttosto che gli incontri di persona. Una rivoluzione, forse, che però conferma come nella realtà odierna sia sempre più importante per la nuova generazione l'internet e tutto ciò che ruota attorno ad esso.

Spulciando i risultati del report pubblicato dalla Common Sense Media si scopre come su di un totale di 1.141 ragazzi in età compresa tra i 13 e i 17 anni addirittura 1 adolescente su tre preferisce chattare con i propri "amici" tramite WhatsApp o altri servizi di messaggistica piuttosto che incontrarli di persona. Non solo perché il quadro è senza dubbio poco rassicurante se il confronto di questi dati viene fatto con la stessa medesima ricerca effettuata nel 2012. In questo caso, infatti, la volontà di rapportarsi dal vivo è addirittura calata fino al 32% rispetto al 49% del 2012.

Contrastante e forse anche particolare il fatto che addirittura il 44% degli intervistati abbia palesato il fastidio di uscire con persone che per buona parte dell'uscita si preoccupano più di guardare il display dello smartphone piuttosto che parlare. Questo forse fa capire che anche gli adolescenti capiscono come il passare troppo tempo sui social o comunque davanti ad uno smartphone sia quanto mai pericoloso e riduttivo per la vita sociale reale. Addirittura il 40% vorrebbe tornare ad una generazione in cui gli smartphone e i social non esistevano.

Dalla ricerca si scopre anche come le chat digitali siano anche il covo di trend negativi e pericolosi come il cyberbullismo. In questo addirittura il 35% ha dichiarato di essere stata vittima in qualche modo di un atto di bullismo. Questa percentuale risultava pari a solo il 5% nel lontano 2012.

Insomma un'epoca che non lascia spazio a molto soprattutto in seno ai social e alla vita sul web. Le grandi piattaforme in tal senso hanno capito che qualcosa bisogna fare per non ovviare a tale situazione e stanno mettendo in atto strumenti capaci di bloccare sul nascere episodi negativi anche se sicuramente tanta responsabilità in tal senso può essere attribuita ai genitori.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

101 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
IlCosta13 Settembre 2018, 10:24 #1
Beh la colpa è senz'altro dei genitori che pur di avere del tempo per sé lasciano i bambini e i ragazzini davanti ad un qualsiasi display.
A mio personale parere i ragazzi sotto i 14 anni non dovrebbero neanche avere un telefono in mano.
Yuno gasai13 Settembre 2018, 10:36 #2
Originariamente inviato da: IlCosta
Beh la colpa è senz'altro dei genitori che pur di avere del tempo per sé lasciano i bambini e i ragazzini davanti ad un qualsiasi display.
A mio personale parere i ragazzi sotto i 14 anni non dovrebbero neanche avere un telefono in mano.

Certo, torniamo alle caverne quindi Mi pare fino impossibile che in un forum di tecnologia come questo, ci siano persone così retrograde... Forse vi dimenticate quando noi a quell'età eravamo davanti al gameboy o al nintendo 64/playstation... Io a quei tempi (7-8 anni), il gameboy lo portavo dappertutto, una volta credo di essere arrivato a giocarci per 7-8 ore filate.
El Tazar13 Settembre 2018, 10:37 #3
Originariamente inviato da: IlCosta
Beh la colpa è senz'altro dei genitori che pur di avere del tempo per sé lasciano i bambini e i ragazzini davanti ad un qualsiasi display.
A mio personale parere i ragazzi sotto i 14 anni non dovrebbero neanche avere un telefono in mano.


Concordo
theJanitor13 Settembre 2018, 10:40 #4
il primo computer l'ho avuto quasi a 10 anni, era un C64 ma potevo usarlo per poco tempo al giorno

in ogni caso preferivo sempre una sana ( )partita a calcio tra amici per strada

erano altri tempi, migliori? chissà

però preferire una chat ad incontro live no, non si può sentire
Ork13 Settembre 2018, 10:42 #5
come si fa a dire che prima dei 14 anni non si deve dare il telefono. lo avevo io a 12 anni e ora ne ho 31. si parla del 1999 e avevo già un mezzo per comunicare.

La strada da percorrere è quella di limitare il tempo di utilizzo di certe applicazioni via software tipo il nuovo ios apple o con una delle mille app a disposizione.
Bivvoz13 Settembre 2018, 10:45 #6
Dipende dalle persone.
Quelle che ti stanno sulle balle dal vivo non puoi silenziarle e nascondere le notifiche


Originariamente inviato da: theJanitor
il primo computer l'ho avuto quasi a 10 anni, era un C64 ma potevo usarlo per poco tempo al giorno

in ogni caso preferivo sempre una sana ( )partita a calcio tra amici per strada

erano altri tempi, migliori? chissà

però preferire una chat ad incontro live no, non si può sentire


Si ma con il C64 non potevi stare ore davanti allo schermo in continuazione per il semplice fatto che ci voleva mezz'ora minimo per caricare un gioco
theJanitor13 Settembre 2018, 10:47 #7
Originariamente inviato da: Bivvoz


Si ma con il C64 non potevi stare ore davanti allo schermo in continuazione per il semplice fatto che ci voleva mezz'ora minimo per caricare un gioco


faceva parte della poesia anche quello
Gyammy8513 Settembre 2018, 10:47 #8
Originariamente inviato da: Yuno gasai
Certo, torniamo alle caverne quindi Mi pare fino impossibile che in un forum di tecnologia come questo, ci siano persone così retrograde... Forse vi dimenticate quando noi a quell'età eravamo davanti al gameboy o al nintendo 64/playstation... Io a quei tempi (7-8 anni), il gameboy lo portavo dappertutto, una volta credo di essere arrivato a giocarci per 7-8 ore filate.


Solito post banale "eh ma negli anni 60 i bambini stavano tutto il giorno a giocare agli alieni"
A me non sembra che 20-25 anni fa i ragazzi per la strada camminassero chini tutti insieme a giocare al game boy, ce lo avevo anch'io, qui parliamo di ragazzi che preferiscono chattare o mandare quegli odiosi messaggi vocali (li vedi per la strada parlare col telefono registrando l'importantissimo messaggio), oppure inglobati con occhiali auricolari e testa china, che rifiutano di incontrarsi perché tanto si chatta. La cosa è un tantino preoccupante, perché fra 5 anni la percentuale aumenterà, "ma non è vero perché anzi facilità la socializzazione, nelle pubblicità ci sono tanti ragazzi che si incontrano e felici ballano"
Oste, il vino è buono?
kean3d13 Settembre 2018, 10:58 #9
decisamente preoccupante
oh ma un po' di fi*a no eh?!
IlCosta13 Settembre 2018, 11:21 #10
Originariamente inviato da: Yuno gasai
Certo, torniamo alle caverne quindi Mi pare fino impossibile che in un forum di tecnologia come questo, ci siano persone così retrograde... Forse vi dimenticate quando noi a quell'età eravamo davanti al gameboy o al nintendo 64/playstation... Io a quei tempi (7-8 anni), il gameboy lo portavo dappertutto, una volta credo di essere arrivato a giocarci per 7-8 ore filate.


Non credo di essere retrogrado. Cerco solo di non dare l'esempio sbagliato a mia figlia. La faccio disegnare, giocare coi Lego, la porto al parco e poi c'è anche il momento in cui guardiamo i cartoni in tv insieme.
Anch'io avevo il GameBoy. Ci giocavo la sera prima di andare a letto ma durante il giorno pensavo alla scuola, a mio fratello e ad andare a giocare con gli amici.
E' vero anche che i tempi sono diversi ma il problema è sempre l'abuso fuori limite.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^