Trump cerca di salvare ZTE bypassando il ban negli USA

Trump cerca di salvare ZTE bypassando il ban negli USA

Con un tweet il Presidente USA ha annunciato la volontà di collaborare con Cina e vertici di ZTE in modo da non penalizzare troppo la società in seguito agli ultimi avvenimenti

di pubblicata il , alle 14:41 nel canale Telefonia
ZTE
 

Pare che gli Stati Uniti stiano ritrattando sul tentativo di restringere il campo d'azione a ZTE, dopo che Donald Trump ha dichiarato che intende offrire assistenza all'azienda e al governo cinesi in modo che possa tornare ad acquisire componenti prodotti da società americane. Il Presidente USA ha utilizzato Twitter per far conoscere la propria posizione:

"Il Presidente cinese Xi e io stiamo collaborando per offrire all'enorme compagnia ZTE un modo per ritornare agli affari in maniera rapida. Troppi posti di lavoro potrebbero essere persi in Cina. Il Dipartimento del Commercio è stato istruito per svolgere questo lavoro".

ZTE impiega circa 70 mila dipendenti, fra cui la maggior parte è stabilita in Cina, e la scorsa settimana aveva dichiarato di aver sospeso diverse attività fondamentali in risposta delle sanzioni imposte dagli Stati Uniti. Lu Kang, portavoce del Ministero degli Esteri cinese, ha dichiarato che la nazione "apprezza parecchio la dichiarazione positiva degli USA su ZTE", informando che verranno mantenute attive le comunicazioni affinché l'operazione venga effettuata al più presto.

La posizione di ZTE rimane comunque abbastanza scottante, dopo aver fornito attrezzatura per le telecomunicazioni a Iran e Corea del Nord in violazione delle sanzioni imposte sui due paesi. La compagnia ha accettato di pagare una multa da 1,2 miliardi di dollari per rispondere alle accuse di falsa testimonianza e ostruzione alla giustizia per riuscire a vendere nei due paesi. Inoltre, il Dipartimento del Commercio americano aveva richiesto una misura restrittiva più penalizzante.

Misura che è stata un ban di sette anni sull'esportazione di componenti prodotti da società americane, troncando quindi la possibilità di sfruttare i rapporti di collaborazione già in corso d'opera, come quelli con Qualcomm, Intel e Microsoft. L'Intelligence USA ha inoltre espresso alcune preoccupazioni sui legami fra ZTE e governo cinese, soprattutto per gli aspetti legati alla sicurezza nazionale e ad una possibile operazione di spionaggio ai danni degli USA.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

43 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7715 Maggio 2018, 15:50 #1
Un deficiente col ciuffo.

C'è da dire che confrontato con sto demente pure i nostri gianni e pinotto che tentano di fare il governo da quasi tre mesi non sembrano neppure così ritardati.
AceGranger15 Maggio 2018, 16:04 #2
Originariamente inviato da: demon77
Un deficiente col ciuffo.

C'è da dire che confrontato con sto demente pure i nostri gianni e pinotto che tentano di fare il governo da quasi tre mesi non sembrano neppure così ritardati.


deficiente quanto vuoi ma intanto l'economia Americana vola e la disoccupazione è ai minimi.

USA Pil 2017 2,3%, stimato 2018 fra il 2,7% e il 2,9%
Italia Pil 2017 1,6%. stimato 2018 1,5%

vorrei averlo qui quel "deficiente".
mally15 Maggio 2018, 16:16 #3
Originariamente inviato da: AceGranger
deficiente quanto vuoi ma intanto l'economia Americana vola e la disoccupazione è ai minimi.

USA Pil 2017 2,3%, stimato 2018 fra il 2,7% e il 2,9%
Italia Pil 2017 1,6%. stimato 2018 1,5%

vorrei averlo qui quel "deficiente".


i provvedimenti economici impiegano anni per mostrare la loro validità. Non penserai mica che bastino poche settimane per vedere gli effetti di una riforma...
AceGranger15 Maggio 2018, 16:25 #4
Originariamente inviato da: mally
i provvedimenti economici impiegano anni per mostrare la loro validità. Non penserai mica che bastino poche settimane per vedere gli effetti di una riforma...


alcuni si vedono a breve termine alcuni a lungo termine, dipende dal tipo di provvedimento, e gli investimenti arrivano anche in base al tipo di provvedimenti approvati.
Phoenix Fire15 Maggio 2018, 16:50 #5
secondo me la maggior parte delle "cose buone" che vedi è frutto del governo precedente, l'unica idea decente che ha avuto il governo trump per gli USA è spingere a "riacquisire" industrie, ma ovviamente lo fa con troppe sparate
Mparlav15 Maggio 2018, 17:05 #6
L'eventuale "aiuto" a ZTE penso che sia solo per avere ulteriore forza contrattuale nella "gestione" dei dazi con la Cina, più che "premura" per i posti di lavoro cinesi che andranno persi.
Notturnia15 Maggio 2018, 17:05 #7
a differenza dell'italia in cui una modifica pensata oggi entra in vigore fra 5 anni e produce qualcosa in 10 anni li in america le cose funzionano diversamente e a velocità notevole per cui una cosa fatta oggi porta un beneficio già domani..
la riduzione della disoccupazione iniziata con Obama prosegue con Trump, e il pil del 2018 è opera di Trump come le previsioni per il 2019.. noi invece arranchiamo e siamo fanalino dell'europa..

avrà i suoi difetti ma l'economia americana non è il nostro mercatino dei poveri grazie agli ultimi anni di malgoverno..
evil weasel15 Maggio 2018, 17:58 #8
Qui siamo così abituati ad avere politici senza palle che quando vediamo qualcuno risoluto gli diamo del pirla.
fabryx7315 Maggio 2018, 18:00 #9
tutti contro trump....come pecoroni..... poi anche se l'economia (usa ovvio) migliora chisse.... soliti ipocriti
prima però quando c'era quell'altro signore....si è beccato un nobel senza aver fatto niente (anzi peggio,solo per il colore della pelle) , e le verie riforme che prometteva son rimaste tutte a metà....mah

l'avessimo qui trump un bel po di teste cadrebbero ..... non abbastanza ovvio
pabloski15 Maggio 2018, 18:14 #10
Originariamente inviato da: fabryx73
prima però quando c'era quell'altro signore....si è beccato un nobel senza aver fatto niente (anzi peggio,solo per il colore della pelle) , e le verie riforme che prometteva son rimaste tutte a metà....mah


E chiudere Guantanamo? E' ancora lì...

Comunque era il Nobel per la pace. Assurdo visto che è stato il distruttore della Siria, in combutta con Turchia, Israele, Arabia Saudita e Qatar ( e con l'appoggio di Francia e Gran Bretagna ). Ed è stato anche l'ultima che ha fatto uso e abuso del JSOC per compiere eliminazioni extra-giudiziali ( omicidi si chiamano al paese mio ).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^