TIM, dipendenti rubavano dati dei clienti per rivenderli: 20 misure cautelari

TIM, dipendenti rubavano dati dei clienti per rivenderli: 20 misure cautelari

L'operazione Data Room della Polizia Postale ha fatto emergere il furto di dati dalle banche dati di TIM. Tali informazioni, carpite da dipendenti infedeli, veniva rivendute a call center, in modo da lucrare sulle commissioni di portabilità. Sono 20 i provvedimenti cautelari emessi dal GIP di Roma.

di pubblicata il , alle 08:01 nel canale Telefonia
TIM
 

L'operazione "Data Room", coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma e condotta dal CNAIPIC della Polizia Postale, con la collaborazione dei compartimenti di Napoli, Perugia, Ancona e Roma, ha fatto emergere il comportamento illecito di alcuni dipendenti TIM e altre persone coinvolte che, introducendosi nelle banche dati dell'operatore, entravano in possesso di informazioni sensibili sui clienti che lamentavano disservizi con l'obiettivo di rivenderle a call center.

I call center usavano le informazioni ottenute per contattare i clienti scontenti, in modo da proporre loro un cambio di operatore e ottenere così le commissioni previste per ogni nuovo contratto: si parla di un massimo di 400 euro a contratto, per un incasso totale di decine di migliaia di euro ogni mese. L'indagine ha portato finora 13 persone ai domiciliari, mentre per altre sette è stato disposto l'obbligo di dimora. Vi sono inoltre altri 6 indagati. Tutte le persone sono legate al territorio di Roma e a diverse province campane.

Complessivamente, si parla del furto di 1,2 milioni di dati. Le persone coinvolte sono ritenute responsabili di accesso abusivo a sistema informatico, di detenzione abusiva e diffusione di codici di accesso, riguardando le condotte sistemi di pubblico interesse, e della violazione della legge sulla privacy su comunicazioni e diffusione illecita di dati personali oggetto di trattamento su larga scala.

Tutto è partito da una denuncia di TIM, che da inizio 2019 aveva riscontrato "ripetuti accessi abusivi alle data room in uso ai gestori telefonici operanti sul territorio nazionale e gestite direttamente da TIM, contenenti gli ordini di lavoro di delivery ed i reclami di assurance provenienti dalle segnalazioni dell'utenza relativamente ai disservizi della rete di telecomunicazioni".

Oltre ai dipendenti infedeli, le misure coinvolgono gli intermediari che gestivano il commercio illecito dei dati ottenuti dalle banche dati e i titolari di call center che sfruttavano le informazioni per incassare le commissioni sui nuovi contratti. Secondo il CNAIPIC, i tecnici entravano in possesso dei dati "tramite account o virtual desktop in uso ai dipendenti di gestori di servizi di telefonia e di società partner per l'accesso ai database", con gli accessi carpiti spesso in modo fraudolento.

Vi era poi una rete commerciale legata a un imprenditore campano che metteva a frutto il "bottino", e che era inoltre in grado di estrarre direttamente, avvalendosi di software ad hoc (capaci di interrogare ed estrarre i dati dal database), grandi quantità di informazioni grazie a credenziali sottratte a dipendenti ignari in modo illecito. I dati ottenuti erano poi venduti ai call center - per ora ne sono stati identificati 13 - per una cifra attorno ai 7mila euro per 70.000 dati.

I dati stessi, ripuliti per essere usati dai diversi call center, passavano di mano in mano, rivenduti a prezzi ridotti in base alla "freschezza" del dato stesso. Dalle indagini è emerso che la commercializzazione dei dati era in espansione ad altri settori come quello dell'energia.

"TIM desidera esprimere il più vivo ringraziamento all'Autorità Giudiziaria e alla Polizia di Stato – Polizia Postale e delle Comunicazioni - per aver portato a termine con successo l'indagine relativa alla divulgazione e commercio abusivo di dati anagrafici e numeri telefonici della clientela", si legge in una nota dell'azienda.

"Grazie ai provvedimenti adottati dal GIP del Tribunale di Roma si chiude oggi una vicenda grave che proprio TIM aveva denunciato alla Procura della Repubblica di Roma un anno fa, a seguito di una accurata indagine interna. A seguito dei provvedimenti decisi dalla magistratura, TIM ha subito proceduto con misure disciplinari nei confronti del personale coinvolto e si costituirà parte civile nel processo in quanto parte lesa".

"I fatti oggetto dell'indagine rappresentano da tempo un fenomeno grave che arreca danni significativi non solo al Gruppo ma all'intero settore delle telecomunicazioni, alterando le regole della libera concorrenza. TIM precisa infine che, oltre ad aver collaborato fattivamente con gli inquirenti nel corso di tutto il periodo dell'indagine, ha inviato segnalazioni sul tema all'Agcom al fine di proteggere al meglio la sua clientela".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

31 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LucraK27 Giugno 2020, 09:37 #1

Controllino anche ENEL!!!

Circa due anni or sono ricevo la solita telefonata dalla solita fantomatica "società elettrica"; spacciandosi per enel, ma senza mai dirlo apertamente, mi elencano tutti i dati inseriti nell'ultima fattura: titolare, consumi effettuati e costi a quel punto chiedo con chi stessi parlando e quelli riattaccano.
Chiamo ENEL per sapere come mai degli estranei avessero i dati della mia ultima fattura e quello risponde che evidentemente c'è qualcuno che li passa alle compagnie concorrenti.
POLIZIAAAA! ENEL.
tallines27 Giugno 2020, 09:52 #2
Originariamente inviato da: LucraK
Circa due anni or sono ricevo la solita telefonata dalla solita fantomatica "società elettrica"; spacciandosi per enel, ma senza mai dirlo apertamente, mi elencano tutti i dati inseriti nell'ultima fattura: titolare, consumi effettuati e costi a quel punto chiedo con chi stessi parlando e quelli riattaccano.
Chiamo ENEL per sapere come mai degli estranei avessero i dati della mia ultima fattura e quello risponde che evidentemente c'è qualcuno che li passa alle compagnie concorrenti.
POLIZIAAAA! ENEL.

Io li ho mandati aff.............
robweb227 Giugno 2020, 10:52 #3
In qualsiasi contratto di servizi che firmo sono sempre attentissimo nel negare il consenso sulla fornitura a terzi e per tutto quello che non riguarda il servizio appena sottoscritto dei miei dati personali, eppure ricevo lo stesso chiamate continue su fisso e cellulare e tonnellate di spam nelle mail, segno che l'abitudine di vendersi i dati, nonostante lo si abbia espressamente vietato è prassi comune in questa Repubblica delle banane.
Vash_8527 Giugno 2020, 11:45 #4
Per ogni contratto che ho dovuto firmare in cui servivano contatti telefonici/mail, ho sempre e dico sempre contrassegnato la casella dove esplicitamente chiedevo di NON voler essere contattato dalla società in oggetto e da società terze e che i miei dati non fossero inviati a chi che sia!
Risultato? Ogni settimana ricevo almeno 10 telefonate da numeri "sospetti" la più allarmante di tutte è stata quella di una società di trading online che mi proponeva di dargli i miei soldi per fare i big money con le azioni , alla mia domanda: come conoscete il mio nome, cognome e numero di telefono hanno attaccato!
Io non ho e non ho mai avuto nessun account instagram, fb, twitter, etc. e per il lavoro che faccio non posso avere un account Linkedin (regole aziendali)
Le caselle di mail pubbliche che ho hanno tutte più di 20 anni e all'epoca non era necessario inserire dati sensibili per la registrazione e così sono rimaste, quindi questi i contatti se li scambiano internamente tra di loro, non c'è altra spiegazione.
cdimauro27 Giugno 2020, 11:48 #5
In un paese normale, a danno accertato con annessa condanna, questi dovrebbero essere sbattuti in carcere e buttata la chiave, vista quanta gente sia stata molestata in tutto questo tempo (io sono 7 anni che sto in Germania, ma continui a ricevere telefonate da numeri italiani sempre diversi sulla SIM italiana :rolleyes.
r134827 Giugno 2020, 11:49 #6
Ah beh, sicurezza ai massimi livelli nei datacenter TIM vedo, e Google Cloud vuole lanciare una region in Italia affidandosi totalmente a loro...
canislupus27 Giugno 2020, 14:06 #7
Nulla di nuovo...
Io ormai adotto due tecniche:

1) Rispondo, ma rimango in totale silenzio... dopo un po' pensano di avere un problema con il mio numero

2) Signore siamo della società X, volevamo offrirle "Pippo e Pluto a 30 euro"... Risposta: "La ringrazio... sono già con la società X e pago "Paperino e Topolino" a 20 euro... quindi non sono interessato a pagare di più"

Nel 99% delle volte si risolve in 1 minuto... negli altri casi mi hanno insultato... e spero sempre di poterli incontrare di persona... ma non sono così fortunato
elgabro.27 Giugno 2020, 14:09 #8
Io ho risolto con la black list del fritzbox, appena un numero mi molesta subito nella lista, con annessa segreteria che rimanda il numero tim inesistente, sono almeno 3 anni che non mi molestano più.
Therinai27 Giugno 2020, 14:22 #9
Dal mio punto di vista la cosa fantastica di questa storia è che questo furto e smercio illegale di dati esiste grazie ai disservizi della rete telecom... cioé si sono costruiti un'infrastruttura monopolistica coi soldi degli italiani, l'hanno usata per dargli servizi scadenti e disservizi e ora i disservizi sono fonte di guadagno! E attenzione: la finalità di questo furto di dati è far cambiare operatore all'utente che subisce disservizi, che anche se accettasse di cambiare operatore passerebbe comunque dalla stessa infrastruttura bacata, semplicerebbe pagherebbe la bolletta a un'altra azienda, ma i disservizi saranno gli stessi! Figa qui l'espressione genio del male è eufemistica a dir poco
pabloski27 Giugno 2020, 14:53 #10
Originariamente inviato da: r1348
Ah beh, sicurezza ai massimi livelli nei datacenter TIM vedo


Al livello dei tribunali

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^