Samsung sanzionata in Italia per pratiche commerciali scorrette [Agg. con statement Samsung]

Samsung sanzionata in Italia per pratiche commerciali scorrette [Agg. con statement Samsung]

L'AGCOM ha irrogato sanzioni amministrative per un totale di oltre 3 milioni di Euro ai danni di Samsung Italia per via di pratiche commerciali scorrette nei confronti della concorrenza

di pubblicata il , alle 11:01 nel canale Telefonia
Samsung
 

Lo scorso 25 gennaio l'AGCM ha chiuso un procedimento nei confronti di Samsung Electronics Italia, trovata colpevole di aver organizzato di campagne pubblicitarie aggressive e pratiche commerciali ingannevoli. Il procedimento è stato avviato su istanza di alcune associazioni di consumatori come Federconsumatori Palermo e Unione Nazionale Consumatori: in base all'esito delle indagini l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato due sanzioni amministrative pari rispettivamente a 2,125 milioni di euro e 975 mila euro, diminuite per via delle pronte misure correttive adottate da Samsung nel corso del procedimento.

Sono state due quindi le pratiche scorrette da parte della divisione italiana del colosso sudcoreano: la prima accusa fa riferimento ad una pratica commerciale ingannevole ed aggressiva per via di messaggi pubblicitari con "gravi carenze informative sulla natura della promozione, sulle condizioni, limitazioni e modalità da seguire" per ottenere i prodotti o i rimborsi correlati all'acquisto del bene pubblicizzato. Nei messaggi promozionali non risultava evidente che non bastava acquistare un prodotto per avere pieno diritto al rimborso sul prezzo o al prodotto aggiuntivo in regalo, ma il benefit poteva essere ottenuto solo in un secondo momento e dopo aver eseguito una procedura ben specifica di cui il consumatore sarebbe venuto a conoscenza solo dopo aver completato l'acquisto.

Procedure "tali da ostacolare i consumatori nella richiesta e nell'ottenimento del premio promesso", secondo l'AGCM, dal momento che richiedevano diversi adempimenti, talvolta ripetitivi, da portare a compimento entro tempistiche considerate troppo brevi. L'utente avrebbe dovuto esibire più volte durante la procedura ulteriore documentazione, come dichiarazioni del venditore, scontrini ed etichette IMEI. In aggiunta, per completare tutti i passaggi erano richiesti "strumenti adeguati e/o un livello di alfabetizzazione informatica sufficiente", tutte caratteristiche non specificate esplicitamente all'interno dei messaggi promozionali divulgati dalla società.

La seconda pratica commerciale considerata illecita da parte di Samsung Electronics Italia è relativa alla raccolta di dati personali dei clienti per finalità di marketing, che la compagnia avrebbe adottato fino al 15 agosto 2016. Una volta acquistato un prodotto in promozione Samsung richiedeva infatti come condizione obbligatoria la registrazione alla piattaforma Samsung People e il consenso all'utilizzo dei suoi dati personali anche per finalità di marketing per ricevere i vantaggi. Una richiesta praticamente forzata se si voleva portare a termine la procedura che già era stata iniziata in negozio o all'acquisto del bene promosso. Il cliente a quel punto "non poteva esimersi dal fornire una serie di dati personali che esulavano dalla manifestazione a premio e dal consentire il trattamento degli stessi anche per finalità di marketing", scrive l'AGCM.

Samsung si è mostrata particolarmente attenta a rispondere alle accuse segnalate dalle associazioni dei consumatori e dall'AGCM ad esempio interrompendo spontaneamente la seconda pratica contestata. Per questo l'Autorità ha diminuito l'importo della sanzione amministrativa irrogata per la prima pratica a 2.125.000 Euro, e quello per la seconda pratica a 970.000 Euro.

Non è tardato ad arrivare un comunicato ufficiale da parte di Samsung, che riportiamo di seguito:

"Samsung Electronics Italia contesta integralmente il contenuto del provvedimento dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ed evidenzia di essersi sempre adoperata per una gestione corretta ed efficiente delle proprie iniziative promozionali, al fine di tutelare i propri consumatori.

Inoltre l’Azienda ha sempre veicolato un'informazione pubblicitaria corretta, adeguata alla tipologia di attività promozionale, ed è sempre alla ricerca di nuove modalità e strumenti innovativi per comunicare in modo efficace e trasparente, a tutto vantaggio dei consumatori, del mercato e dei clienti.

Samsung Electronics Italia sta valutando di presentare ricorso al TAR contro il provvedimento sopra citato". 


Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Portocala13 Febbraio 2017, 12:09 #1
Multe già un pelo più serie. Come mai alle TLC fanno multine da 100k?
sbaffo13 Febbraio 2017, 18:15 #2
Dal titolo speravo che li avessero multati per i nomi degli galaxy: neo next ace value duos nxt ecc
floc13 Febbraio 2017, 23:38 #3
"Una volta acquistato un prodotto in promozione Samsung richiedeva infatti come condizione obbligatoria la registrazione alla piattaforma Samsung People e il consenso all'utilizzo dei suoi dati personali anche per finalità di marketing per ricevere i vantaggi. "

questo fenomeno e' DIFFUSISSIMO, bene che il garante cominci a bastonare!
h4xor 170114 Febbraio 2017, 13:18 #4
io sto ancora aspettando che mi spediscano il galaxy s7 in promozione al televisore che ho preso a natale... pratica abbastanza lunga e sia a me che un mio amico ci hanno chiesto 2 volte la documentazione, ma sinceramente non l'ho trovata ostracizzante nei confronti del consumatore
ilario314 Febbraio 2017, 13:19 #5
Originariamente inviato da: floc
"Una volta acquistato un prodotto in promozione Samsung richiedeva infatti come condizione obbligatoria la registrazione alla piattaforma Samsung People e il consenso all'utilizzo dei suoi dati personali anche per finalità di marketing per ricevere i vantaggi. "

questo fenomeno e' DIFFUSISSIMO, bene che il garante cominci a bastonare!


Quoto, anche se, penso sempre che siamo in un paese libero e possiamo acquistare quello che vogliamo, se Samsung mi informa di una promozione e mi dice che per accederci devo però iscrivarmi a XXXX per lasciare i miei dati, io sono libero di accettare o dire NO GRAZIE, però se ci pensiamo, acquisto una Scheda Zotac oppure una Asus, mi danno 2 anni di garanzia, però, se vado sul sito ed immetto le mie informazioni personali mi danno un ulteriore anno gratuito, non è proprio la stessa cosa, ma un pò rende Idea che sono in molti a farlo, e sono sempre IO che posso decidere se farlo o meno, vanno anche multate le persone stesse, che prima accettano e poi fanno le class action, scusate
angegardien15 Febbraio 2017, 11:07 #6

mai piu samsung

ho comprato 3 anni fa,2 samsung s4,esattamente allo scadere dei due anni e un mese dopo un aggiornamento software tutte e due celluari ,di cui uno regalato ad una amica,iniziano ad non funzionare piu.premetto che ho speso la bellezza di 1500 euro x tutte e due.pensavo chi piu spende piu ha,assolutamente sbagliato,in francia hanno fatto una legge si chiama obsolescenza programmata.lo fanno a posta.io mi difendo non comprando, piu niente da le ditte che abusano della buona fede del cliente,e penso che non si debba offendere l'intelligenza delle persone.adesso in italia non e piu samsung prima ma un altra ditta.hueway e in fatti con solo 200 euro ho preso l'ultima versione del p8 lite 2017.il tempo ci dara le risposte.
Portocala15 Febbraio 2017, 12:08 #7
Ho un collega che ha un S4 e gli funziona perfettamente, per quanto sia considerato "vecchio" dal punto di vista HW.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^