Samsung ISOCELL Plus: una nuova tecnologia per i sensori

Samsung ISOCELL Plus: una nuova tecnologia per i sensori

Samsung ISOCELL Plus è la nuova tecnologia per sensori fotografici sviluppata anche grazie a Fujifilm. La nuova tecnologia permette di migliorare alcuni dei "punti deboli" dell'attuale tecnologia ISOCELL (sia per smartphone che per fotocamere).

di pubblicata il , alle 15:21 nel canale Telefonia
SamsungFujifilm
 

Samsung ha annunciato in queste ore una nuova tecnologia per i sensori fotografici (che potrebbe essere impiegata sia su smartphone che su fotocamere). Si tratta di ISOCELL Plus, evoluzione della già ben nota ISOCELL che è impiegata in varie declinazioni in tanti prodotti.

ISOCELL fotodiodo

Come spiegato da Samsung, i sensori CMOS utilizzati ancora oggi sugli smartphone possono essere FSI (illuminazione frontale) o BSI (retroilluminazione). I secondi permettono di catturare più luce a parità di condizioni rispetto agli FSI garantendo fotografie migliori.

Il passaggio successivo è evitare che la luce che dovrebbe arrivare a un fotodiodo possa colpirne per sbaglio anche un altro, producendo rumore all'interno dell'immagine. A questo punto è arrivata Samsung con i primi ISOCELL nel 2013 che permettevano di ridurre quest'ultimo problema. Infatti i singoli fotodiodi sono isolati tra loro con una barriera fisica e focalizzando poi i fotoni con una microlente.

Cosa cambia quindi con ISOCELL Plus? I normali sensori ISOCELL hanno una griglia metallica per separare i pixel che però assorbe o riflette parte della luce riducendo i vantaggi della retroilluminazione. Grazie a Fujifilm è stato possibile realizzare un nuovo materiale che riduce queste due problematiche.

ISOCELL Plus Samsung

Questa novità tecnologica permette una migliore fedeltà dei colori e migliora del 15% la sensibilità alla luce. Pensando sia alle fotocamere ad altissima risoluzione, sia agli smartphone, il nuovo ISOCELL Plus permette di utilizzare pixel più piccoli (0,8 µm) senza perdite di qualità. Questo da un lato permette di integrare più fotocamere in uno smartphone e dall'altro consente di avere sensori con una maggiore risoluzione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
megthebest05 Luglio 2019, 16:55 #1
Fino a quando il sensore sarà una capocchia di spillo , il solo software non potrà fare miracoli.
Ovvio che l'uso di uno scatto fatto con lo smartphone soddisfa tutti gli utilizzi social e non solo, ma quello che riesce a dare una Reflex o Mirrorless in termini di nitidezza, non potrà mai essere dato da uno smartphone.
Poi, la corsa a pixel sempre più piccoli e densi, da un lato appesantisce il sistema con una mole di dati da elaborare inutile, dall'altro mostra ancora dei limiti di usabilità per scenari professionali.
Ho l'impressione che da tempo, l'evoluzione dei sensori delle fotocamere sia abbastanza ferma, ancora devo trovare uno smartphone che eguagli nelle condizioni di scatto ideale una vecchia APS-C Nikon D7000 (nemmeno una delle più recenti) con un obiettivo fisso 35 o 50mm.. temo che non succederà mai (nemmeno con dispositivi da oltre 1500&#8364
aleardo05 Luglio 2019, 18:58 #2
Questa tecnologia in linea di principio dovrebbe migliorare le prestazioni dei sensori di qualsiasi dimensione, anche se nell'articolo si parla soltanto dei sensori per smartphone.
Opteranium06 Luglio 2019, 11:57 #3
Originariamente inviato da: megthebest
ancora devo trovare uno smartphone che eguagli nelle condizioni di scatto ideale una vecchia APS-C Nikon D7000 (nemmeno una delle più recenti) con un obiettivo fisso 35 o 50mm..

non accadrà mai..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^