Pirateria dei giornali su Telegram, oltre 200 canali bloccati e due indagati

Pirateria dei giornali su Telegram, oltre 200 canali bloccati e due indagati

La Procura di Bari ha aperto un'indagine nei confronti di due ventenni, in Veneto e in Sicilia, che divulgavano giornali, riviste e brani musicali violando il diritto d'autore tramite le chat Telegram. Finora sono stati più di 200 i canali Telegram bloccati.

di pubblicata il , alle 19:41 nel canale Telefonia
Telegram
 

L'apice lo si è certamente registrato durante il confinamento forzato a casa per frenare la diffusione del COVID-19, ma il tema della pirateria dei giornali tramite le app di instant messaging come Telegram è rimasto di attualità, tanto che sono stati individuati e bloccati dalla Guardia di Finanza di Bari oltre 200 canali Telegram in cui venivano diffusi illecitamente giornali, riviste e brani musicali. La Guardia di Finanza ha inoltre svolto perquisizioni, individuato e denunciato due persone - in Veneto e in Sicilia - come responsabili dei canali e della diffusione illecita del materiale editoriale e musicale. Si sta inoltre procedendo all'identificazione di ulteriori persone che potrebbero essere coinvolte.

L'operazione #Cheguaio è coordinata dalla Procura della Repubblica del capoluogo pugliese: l'indagine è coordinata dal procuratore aggiunto della Procura della Repubblica di Bari, Roberto Rossi, ed è condotta dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bari, al comando del colonnello Pierluca Cassano. "L'attività investigativa sviluppatasi con la preziosa collaborazione interistituzionale nonché con il proficuo supporto di Agcom, Fieg, Fpm", evidenzia la Procura "rientra tra i prioritari obiettivi strategici della Guardia di Finanza a tutela della proprietà intellettuale e, nel caso di specie, del diritto d'autore".

"Esprimo il più profondo apprezzamento per l'operazione", ha commentato il presidente della FIEG, Andrea Riffeser Monti. "È fondamentale far comprendere a tutti che i contenuti di qualità prodotti grazie all'investimento di ingenti risorse, economiche e professionali, da parte delle imprese editoriali non possono essere sfruttati liberamente né fruiti al di fuori di ogni contesto di legalità, se non a rischio di possibili sanzioni. Commette un reato chi carica e condivide materiale protetto, commette un reato chi lo riceve e ne usufruisce, commette un reato chi lo inoltra a sua volta, aggravando l'effetto dannoso della illecita circolazione di materiale protetto".

"Auspichiamo che azioni come quella odierna possano aumentare il grado di consapevolezza e di sensibilità in quella vastissima platea di utenti/clienti che alimentano il mercato della pirateria editoriale, spesso ignorando i rischi giudiziari che corrono direttamente e gli ingenti danni economici che provocano all'industria dell'informazione, alla libertà di stampa", conclude Riffeser Monti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
thedoctor196809 Giugno 2020, 20:24 #1
adesso con il blocco dei canali telegram i giornali sono diventati straricchi, hanno comprato dei grattacieli ed assunto migliaia di giornalisti in più, i loro stipendi sono così aumentati che le mamme dicono alle figlie: tesoro ti devi sposare un giornalista! Alle edicole c'è la fila, per gli abbonamenti online a volte non si riesce ad accedere per intasamento del traffico web... non se ne può più con queste enormi vendite di giornali!
Therinai09 Giugno 2020, 20:47 #2
Originariamente inviato da: thedoctor1968
adesso con il blocco dei canali telegram i giornali sono diventati straricchi, hanno comprato dei grattacieli ed assunto migliaia di giornalisti in più, i loro stipendi sono così aumentati che le mamme dicono alle figlie: tesoro ti devi sposare un giornalista! Alle edicole c'è la fila, per gli abbonamenti online a volte non si riesce ad accedere per intasamento del traffico web... non se ne può più con queste enormi vendite di giornali!


Io mi chiedo come puoi permetterti di scrivere una cosa del genere, quando un evasore viene condannato cosa pensi? Che non ti senti più ricco? Che non hai servizi migliori? Allora tanto vale rubare? Ma vergognati.
giuliop09 Giugno 2020, 21:35 #3
Originariamente inviato da: thedoctor1968
adesso con il blocco dei canali telegram i giornali sono diventati straricchi, hanno comprato dei grattacieli ed assunto migliaia di giornalisti in più, i loro stipendi sono così aumentati che le mamme dicono alle figlie: tesoro ti devi sposare un giornalista! Alle edicole c'è la fila, per gli abbonamenti online a volte non si riesce ad accedere per intasamento del traffico web... non se ne può più con queste enormi vendite di giornali!


Le sfumature di grigio, queste sconosciute.
AceGranger09 Giugno 2020, 22:25 #4
Originariamente inviato da: Therinai
Io mi chiedo come puoi permetterti di scrivere una cosa del genere, quando un evasore viene condannato cosa pensi? Che non ti senti più ricco? Che non hai servizi migliori? Allora tanto vale rubare? Ma vergognati.


no pero, porca paletta,quendo leggo queste notizie io penso sempre la fatto che con tutta l'evasione che c'è, SICURAMENTE, ci sarebbe stato un modo migliore per impiegare quegli uomini e quelle risorse invece che beccare 2 sfigati che scansionavano carta .
zoeid10 Giugno 2020, 04:19 #5
ma una domanda ? si guadagna qualcosa ad avere un canale telegram così grande?
DanieleG10 Giugno 2020, 08:56 #6
Contenuti di qualità
lemming10 Giugno 2020, 09:05 #7
Originariamente inviato da: zoeid
ma una domanda ? si guadagna qualcosa ad avere un canale telegram così grande?


Penso che loro pensino di sì, altrimenti non lo farebbero.
Credo che usino dei link di affiliazione oppure quelli come rapidshare, megaupload che ogni quantità di file downloadati "guadagni" 2-3 euro.
Alla fine bisogna capire però se ci guadagnano o ci perdono, anche perchè dovranno pure comperarla una copia di questi giornali.
biometallo10 Giugno 2020, 09:05 #8
Se la gente scarica i giornali è perché è interessata a leggerli, ma allo stesso tempo non vuole pagarli, tra l'altro non so se vale anche per voi, ma dalle mie parti tutte le edicole stanno chiudendo da ancora prima che cominciasse la pandemia...

La soluzione mettere una tassa che finanzi giornali al 100%, e metterli gratis sia online che in edicola... ha la tassa poi la facciamo pagare sulla bolletta della luce, tanto sulla bolletta della luce ci sta bene tutto, e la pagano tutti, tranne quelli che si allacciano abusivamente...
Ibanez8910 Giugno 2020, 09:22 #9
Originariamente inviato da: biometallo
La soluzione mettere una tassa che finanzi giornali al 100%, e metterli gratis sia online che in edicola... ha la tassa poi la facciamo pagare sulla bolletta della luce, tanto sulla bolletta della luce ci sta bene tutto, e la pagano tutti, tranne quelli che si allacciano abusivamente...


Ma manco per il sogno. Già dovrebbero togliere i finanziamenti che danno adesso all'editoria

L'editoria deve essere libera da condizionamenti ed uno dei cardini di questa prassi è proprio evitare le mazzette di stato che potrebbero essere usate come merce di scambio.

Come ogni altro settore esistente, deve ammodernarsi e autoregolare il proprio mercato (se leggi un giornale, tra l'altro, è più pubblicità che altro... spesso gli articoli di dubbia qualità proposti, sono solo un contorno di quest'ultima). Se altrove funziona, non capisco perchè noi dobbiamo essere diversi...
nickname8810 Giugno 2020, 10:23 #10
Capisco le riviste .... ma i giornali .... veramente qualcuno spende ancora dei soldi per leggere le news ?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^