Peter Chou: lo storico co-fondatore di HTC ha lasciato l'azienda

Peter Chou: lo storico co-fondatore di HTC ha lasciato l'azienda

HTC conferma che Peter Chou, storico co-fondatore dell'azienda taiwanese, ha lasciato la compagnia dopo aver assunto l'incarico di Presidente di Digital Domain nel mese di settembre 2015.

di pubblicata il , alle 11:36 nel canale Telefonia
HTC
 

Peter Chou, storica figura di HTC, ha lasciato definitivamente la compagnia che ha co-fondato nel 1997 insieme all'attuale Presidente Cher Wang. Il dirigente che negli anni d'oro dell'azienda taiwanese ha contribuito a decretarne il successo, rivestendo l'incarico di CEO, ha interrotto la collaborazione con l'azienda taiwanese, dopo aver progressivamente abbandonato gli incarichi di dirigenziali. La notizia viene confermata da HTC che afferma a riguardo: 

HTC può confermare che Peter Chou si è dimesso dalla società dopo aver assunto la carica di Presidente di Digital Domain nel mese di settembre 2015, anche se è stato ingaggiato come consulente per consentire ad HTC di sfruttare la sua vasta esperienza. Ringraziamo Peter per il suo impegno di lunga data e gli auguriamo ogni bene.

peter chou

Chou ha abbandonato l'incarico di CEO di HTC nella primavera 2015, per concentrarsi esclusivamente sullo sviluppo dei nuovi prodotti, senza le incombenze dell'attività amministrativa. Nel mese di agosto dello stesso anno Chou ha assunto l'incarico di Presidente di Digital Domain, una holding impegnata in molteplici attività, alcune delle quali funzionali allo sviluppo del business della Realtà Virtuale che rappresentava e rappresenta un settore di particolare interesse per HTC.

Nonostante il nuovo incarico, Chou aveva scelto di non interrompere del tutto il rapporto di collaborazione con HTC, continuando a svolgere un'attività di consulenza. La notizia delle ultime ore conferma l'interruzione del rapporto di lavoro tra l'ex numero uno di HTC e l'azienda. Alla luce dei compiti operativi di Peter Chou progressivamente ridotti, la conferma delle definitive dimissioni non avrà un impatto rilevante sullo sviluppo dei nuovi prodotti. 

Dopo aver lasciato l'incarico di CEO nel 2015, Chou aveva successivamente guidato la divisione Future Development Lab, impegnata nella progettazione e nello sviluppo dei prodotti più innovativi di HTC, dai nuovi smartphone, per arrivare al visore Vive. Le attività del Future Development Lab sono state inglobate dei dipartimenti di Ricerca e Sviluppo di HTC nell'estate del 2015 nell'ambito di un più ampio processo di riorganizzazione delle strutture aziendali. 

Le dichiarazioni ufficiali di HTC sull'attuale ruolo di Chou restano, tuttavia, un po' vaghe per quanto riguarda l'attività di consulenza. E' certo che Chou non è più formalmente un dipendente dell'azienda, ma non è chiaro se l'attività di consulente continuerà ad essere portata avanti o meno. Tra l'altro, è stata proprio tale ruolo a determinare il mancato annuncio formale dell'interruzione del rapporto di lavoro con HTC, come oggi chiarisce l'azienda: 

Dal momento che Peter era ancora impegnato con HTC, in qualità di consulente, abbiamo ritenuto che non era necessario fare un annuncio; ciò ha anche garantito un agevole trasferimento delle sue responsabilità. 

Dopo la notizia delle dimissioni di Chou, tornata attuale nelle ultime ore a seguito della pubblicazioni di un nuovo report provenienti dal mercato cinese, l'azienda ha evidentemente ritenuto opportuno fornire ulteriori chiarimenti sulla vicenda. Certamente si può parlare della fine di un'epoca caratterizzata dal ruolo di Chou che, seppur con alti e bassi, era riuscito a portare il brand HTC tra i big del mercato smartphone. Un successo, purtroppo, seguito da un lento ed inesorabile declino al quale l'attuale dirigenza sta cercando di porre rimedio anche mediante la diversificando l'attività di impresa e puntando a settori promettenti come quello della Realtà Virtuale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Pier220422 Giugno 2016, 11:52 #1
Si sentono i primi scricchiolii dentro HTC, troppo tempo in perdita e prima o poi si arriva al punto di rottura. L'uscita del cofondatore mi sembra l'inizio della fine.

La cosa curiosa è che i grandi successi di HTC sono tutti targati Windows Mobile, con Android è iniziato un lento e inesorabile declino....nonostante i primi Nexus e il raddoppio degli investimenti...

Se fosse così mi dispiacerebbe molto, ho ottimi ricordi di HTC sui palmari...
corvazo22 Giugno 2016, 16:29 #2
"Un successo, purtroppo, seguito da un lento ed inesorabile declino al quale l'attuale dirigenza sta cercando di porre rimedio anche mediante la diversificando l'attività di impresa e puntando a settori promettenti come quello della Realtà Virtuale."

Forse scappa prima dello scoppio della VR Bubble... andate su amazon.com e leggetevi i commenti a 1 stella: gente che fa fatica ad installarli, bug vari e supporto live chat dove chi vi deve aiutare non è del mestiere. Bel supporto per un coso da 800 verdoni, anzi strano visto che parliamo del futuro. Persino AMD ci crede...
TheDarkAngel22 Giugno 2016, 17:58 #3
Originariamente inviato da: corvazo
"Un successo, purtroppo, seguito da un lento ed inesorabile declino al quale l'attuale dirigenza sta cercando di porre rimedio anche mediante la diversificando l'attività di impresa e puntando a settori promettenti come quello della Realtà Virtuale."

Forse scappa prima dello scoppio della VR Bubble... andate su amazon.com e leggetevi i commenti a 1 stella: gente che fa fatica ad installarli, bug vari e supporto live chat dove chi vi deve aiutare non è del mestiere. Bel supporto per un coso da 800 verdoni, anzi strano visto che parliamo del futuro. Persino AMD ci crede...


Anche nel 3d tutti ci credevano e come uno zombie, ogni 15 anni torna e muore La vr avrà successo? non con questi dispositivi di sicuro
corvazo22 Giugno 2016, 18:48 #4
Ma la cosa interessante è anche la democratizzazione del VR secondo AMD, promuovere schede come la RX460 per permettere ai poveracci di accedere alla realtà virtuale - che te costa 3 4 volte tanto: questo è populismo, demagogia ... per non parlare dei rumor su Zen già pronto per settembre, mha sarà vero?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^