Panasonic lancia Toughpad FZ-F1 e FZ-N1, i tablet full rugged più leggeri al mondo

Panasonic lancia Toughpad FZ-F1 e FZ-N1, i tablet full rugged più leggeri al mondo

I nuovi tablet full rugged di Panasonic sono i più piccoli della famiglia. Hanno un display da 4,7 pollici e pesano solo 280 grammi. Niente male per dispositivi resistenti a cadute da 1,8 metri

di Nino Grasso pubblicata il , alle 21:52 nel canale Telefonia
Panasonic
 

Panasonic ha presentato lunedì due nuovi modelli di smartphone/tablet fully rugged decisamente interessanti per il settore enterprise. Parliamo dei nuovi Toughpad FZ-F1 e FZ-N1, i più piccoli della famiglia, che fermano l'ago della bilancia solamente a meno di 280g. Un valore molto contenuto se pensiamo che i due nuovi modelli, che si differenziano solo per il sistema operativo installato, possono resistere a cadute da 1,8 metri d'altezza e godono della certificazione IP-67.

 

Panasonic Toughpad FZ-F1

 

 

Sotto la scocca troviamo un processore Qualcomm Snapdragon 801 (MSM8974AB) quad-core da 2,3GHz supportato da 2GB di RAM e da una memoria eMMC da 16GB, espandibile via microSD. Panasonic li chiama tablet, ma il display è da "soli" 4,7" a risoluzione HD (1280x720 pixel) con supporto a pennini passivi ed attivi (proposti opzionalmente), ed è previsto il supporto per la trasmissione di voce e dati attraverso reti 3G e 4G LTE. Sono tre i microfoni presenti e due gli altoparlanti disposti frontalmente.

I nuovi "tablet handheld" sono dotati di Wi-Fi, Bluetooth ed NFC, e non mancano le canoniche fotocamere posteriore e frontale da 8 e 5 megapixel. È presente anche una porta USB e un doppio slot per integrare due micro-SIM. Pensato per usi prettamente professionali, con un occhio di riguardo al settore logistico il dispositivo integra anche un lettore barcode disposto ad un'angolazione "unica nel suo genere", stando a quanto annuncia la società.

"Tale angolazione fa sì che non sia più necessario piegare il gomito o il polso per utilizzare il lettore barcode", ha precisato Panasonic. "Riducendo così il rischio di disturbi da lavoro agli arti superiori e non impedisce di leggere sul display anche durante la scansione". La batteria da 3.200mAh consegna secondo la società un'autonomia di 8 ore, sufficienti per una giornata lavorativa piena, ma l'utente potrà scegliere di implementare una batteria opzionale da ben 6.400mAh.

Fra gli accessori opzionali Panasonic propone, oltre alla batteria, hand strap dedicati, cradle per la ricarica e una fondina, mentre tutti gli adattatori per la ricarica sono compatibili anche con i restanti tablet della famiglia Toughpad. I nuovi modelli verranno lanciati anche con dock specifiche per veicoli, che permettono di posizionare e sganciare i dispositivi con una sola mano.

Panasonic tablet handheld

Panasonic Toughpad FZ-N1 è la versione con Android 5.1.1 (maggiori dettagli sulle specifiche tecniche potete trovarli in questa pagina) e verrà proposta 1.715€ IVA esclusa. Panasonic Toughpad FZ-F1 adotta invece Windows 10 IoT Mobile Enterprise (qui le specifiche tecniche) ed è uno dei primi dispositivi in assoluto ad utilizzare questa versione del SO di Microsoft. Per questa variante la società richiede una spesa di 1.746€ IVA esclusa. Entrambi saranno disponibili in Europa con garanzia di 3 anni.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Therinai22 Febbraio 2016, 23:57 #1
dopo aver visto il prezzo ho fissato un po' la tettina nell'immagine per darmi sollievo
djfix1323 Febbraio 2016, 09:03 #2
diciamo pure che imbottire un telefono normale per renderlo sicuro alle cadute avrebbe costato senz'altro molto meno...
zhelgadis23 Febbraio 2016, 09:24 #3
Ma anche no.
Mparlav23 Febbraio 2016, 09:41 #4
Qui ci vuole un drop test vs CAT S60
Ork23 Febbraio 2016, 11:36 #5
Originariamente inviato da: djfix13
diciamo pure che imbottire un telefono normale per renderlo sicuro alle cadute avrebbe costato senz'altro molto meno...


ma non è certificato ne garantito..
esistono settori dove è necessario fornire certi standard

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^