Nissan LEAF, l'auto elettrica si governa dallo smartphone

Nissan LEAF, l'auto elettrica si governa dallo smartphone

L'auto al 100% elettrica della casa giapponese può essere monitorata e controllata, in alcune delle sue funzioni, dallo smartphone o dal PC

di pubblicata il , alle 15:05 nel canale Telefonia
 

Dallo scorso 23 marzo e fino al prossimo 1 aprile si terrà presso la Triennale di Milano la tappa italiana di Nissan LEAF TOUR, in occasione del quale sarà possibile effettuare un test drive dell'automobile elettrica della casa giapponese, che debutterà sul mercato italiano proprio nell'anno in corso.

Un'automobile dall'elevato contenuto tecnologico, a partire dal sistema di propulsione completamente elettrico alimentato da una serie di batterie agli ioni di litio, dalla capacità complessiva di 24 kWh e che è in grado di garantire un'autonomia di 175km per singola carica.

Le batterie sono state sviluppate da ASEC (Automotive Energy Supply Corporation), una joint-venture tra la stessa Nissan e NEC, che ha permesso di progettare batterie di tipo laminato in grado di essere raccolte in un packaging molto compatto.

Oltre alle interessanti prestazioni (144kmh di velocità massima e 280Nm di coppia massima) ad emissioni zero, Nissan LEAF è caratterizzata da un particolare sistema di controllo da remoto che permette all'utente di monitorare lo stato del veicolo e governarne alcune funzioni tramite il proprio PC ed il proprio smartphone, grazie all'applicazione Nissan CARWINGS.

L'applicazione per smartphone, già disponibile gratuitamente su App Store, Google Play e App World, consente di monitorare da remoto lo stato di carica del veicolo e la relativa autonomia stimata, avviare le operazioni di carica qualora fosse necessario (ovviamente se l'auto è collegata ad una stazione di ricarica o ad una normale presa elettrica) e di attivare l'impianto di climatizzazione, in maniera manuale o temporizzata. Dal display dello smartphone si potrà essere informati sul tempo necessario a completare la ricarica.

Maggiori funzionalità sono invece disponibile per la web-app accessibile da PC, tramite la quale sarà possibile inoltre osservare lo storico dei propri tragitti nonché dello stile di guida tenuto: grazie ad una serie di statistiche pubbliche con sistema di classificazione, Nissan spera di innescare uno spirito di competizione per stimolare l'adozione di un modello di guida sempre più ecosostenibile. Dalla web-app è inoltre possibile pianificare il proprio itinerario tramite uno strumento che permette di localizzare le stazioni di ricarica disponibili sul territorio nel caso in cui si debbano affrontare itinerari particolarmente estesi. Nissan LEAF è provvista di una modalità di ricarica rapida che consente arrivare all'80% della carica in 30 minuti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

63 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Edgar8326 Marzo 2012, 15:20 #1
Sarei curioso di sapere quanti cicli di ricarica "dura" la batteria...
calabar26 Marzo 2012, 15:24 #2
Io vorrei invece capire qual'è l'assorbimento in ricarica.
Mezz'ora richiede comunque l'utilizzo in casa e non è detto che tutti abbiano un impianto adeguato per la ricarica rapida.

Del resto fino all'arrivo dei supercapacitori dubito fortemente che vedremo rifornimenti al distributore come con la benzina.
piererentolo26 Marzo 2012, 15:38 #3
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Nissan LEAF, l'auto elettrica si governa dallo smartphone[/b]


mmm leggendo il titolo credevo una cosa del genere...
http://www.youtube.com/watch?v=3BdtpUVTdxk
elevul26 Marzo 2012, 15:39 #4
Io spero che si sbrighino col maledetto idrogeno...
polkaris26 Marzo 2012, 15:44 #5
Finalmente! Dovrebbe costare meno di 30 000 euro...che non è tanto se confrontato con le auto a benzina che utilizzano una tecnologia che esiste da più di cent'anni. Se i comuni per questo tipo di auto garantissero (1) parcheggi riservati con punto di ricarica (2) accesso al centro, potrebbe avere successo. Un problema potrebbe essere la durata delle batterie.
Mith8926 Marzo 2012, 16:13 #6
tutto molto bello, ma mi sono sempre chiesto quanto siano effettivamente ecologiche le auto elettriche. L'energia elettrica necessaria deve essere infatti prodotta da qualche parte e al momento la maggior parte dell'energia elettrica è pur sempre derivata da fonti non rinnovabili.
Mparlav26 Marzo 2012, 16:21 #7
Io ho letto a partire da 38.000 euro, con 5 anni di garanzia o 100.000 Km:
http://www.omniauto.it/magazine/177...o-da-37990-euro

significa da 2 a 3 volte il prezzo di una pari fascia (esempio Nissan Note).
checo26 Marzo 2012, 16:29 #8
Originariamente inviato da: Mith89
tutto molto bello, ma mi sono sempre chiesto quanto siano effettivamente ecologiche le auto elettriche. L'energia elettrica necessaria deve essere infatti prodotta da qualche parte e al momento la maggior parte dell'energia elettrica è pur sempre derivata da fonti non rinnovabili.

basta che prendi il rendimento di un motore per auto e il rendimento di una centrale elettrica a combustibile fossile e lo vedi da solo quanto è ecologica
sbudellaman26 Marzo 2012, 16:35 #9
Originariamente inviato da: elevul
Io spero che si sbrighino col maledetto idrogeno...


Beh l'idrogeno sarebbe un altro modo di accumulare l'energia al posto della batteria, sbaglio? Evidentemente quest'ultima si comporta meglio, magari l'idrogeno non è un buon vettore energetico... altrimenti non mi spiego come mai dopo tutti questi anni non se n'è fatto nulla.
Bighi26 Marzo 2012, 16:39 #10
I 30 minuti di solito sono per le colonnine apposite. Per casa i tempi si allungano di molto tanto da dover tenere l'auto in garage sotto carica tutta la notte.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^