Il termostato di casa si controlla con i comandi vocali grazie a Google

Il termostato di casa si controlla con i comandi vocali grazie a Google

Google Now permetterà a breve di gestire il termostato Nest anche attraverso comandi vocali

di pubblicata il , alle 17:01 nel canale Telefonia
Google
 

Google ha aggiunto una nuova funzionalità sul proprio assistente virtuale, Google Now. In sostanza, l'utente può dettare comandi vocali al proprio smartphone indirizzati al termostato Nest, di proprietà della stessa Google. L'assistente virtuale è disponibile sia su Android che su iOS, ma per l'abilitazione della funzionalità su entrambe le piattaforme bisogna aspettare ancora.

Integrazione di Nest su Google Now
Fonte: Droid Life

Google Now è integrato in maniera capillare all'interno di tutti gli smartphone Android (ad eccezione delle versioni forked del software), ed è disponibile anche su iOS attraverso il download dell'app Google. Utilizzando il servizio, l'utente può dettare già da adesso comandi come "Imposta la temperatura a 25°C" per verificare l'imminente arrivo della funzionalità, non ancora attiva sul termostato.

Ad oggi, pronunciando la frase sopra menzionata, Google Now mostrerà una delle sue tipiche schede con un messaggio d'errore per la mancata rilevazione di Nest. All'interno della scheda sarà infatti presente anche l'esplicita frase "Works with Nest". Premendo sulla scritta si accede ad una pagina che descrive la funzionalità, ma cercando di effettuare l'accesso si verrà indirizzati ad un sistema di log-in non ancora attivo.

Nest è una società su cui Google ha investito oltre 3,2 miliardi di dollari per la sua acquisizione, con una manovra che rappresenta solo uno dei tanti tentativi di accesso al settore della domotica da parte dei colossi tecnologici più eminenti. L'integrazione su Google Now potrebbe consentire funzionalità molto interessanti, particolarmente simili a quelle già presenti sul servizio d'assistenza virtuale di Mountain View.

È facile pensare che in un futuro Nest possa essere in grado di rilevare la nostra posizione in qualsiasi momento, ed impostare determinati valori in funzione delle nostre abitudini, del traffico previsto per il nostro ritorno a casa, ad esempio dopo il lavoro, o semplicemente accedere alle impostazioni di geolocalizzazione dello smartphone. In questo modo, una volta arrivati a casa ci aspetterà una temperatura ideale, a tutto vantaggio del consumo energetico domestico.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

22 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Bivvoz15 Dicembre 2014, 17:07 #1
l'utente può dettare già da adesso comandi come "Imposta la temperatura a 25°C"


E ti arriva direttamente la multa a casa?
demon7715 Dicembre 2014, 17:28 #2
di sto aggeggio già si parlò in passato..
un botto di soldi praticamente per niente.
Cappej15 Dicembre 2014, 18:09 #3
Originariamente inviato da: demon77
di sto aggeggio già si parlò in passato..
un botto di soldi praticamente per niente.


"per niente" direi di no, è un seme per l'ingresso di Google e Android nella domotica... è un piccolo passo, ma non è niente. Magari in Italia non lo vedremo mai, ma nel futuro, se agganciato anche alle utenze elettriche piuttosto che quelle idriche, bhe, avremo il controllo di casa a distanza By Google... anche se continueremo ad avere l'ADSL a 1 megabit teorico in upload...
per quanto riguarda il botto di soldi, bhe... si, decisamente un botto di soldi...
Raghnar-The coWolf-15 Dicembre 2014, 18:21 #4
Originariamente inviato da: Bivvoz
E ti arriva direttamente la multa a casa?


Thread Winner

Originariamente inviato da: demon77
di sto aggeggio già si parlò in passato..
un botto di soldi praticamente per niente.


Mah io devo ancora capire come fanno la spesa in silicon valley... e intrufularmi!

Comunque prima o poi la capiranno che la "smart house" non è una casa che si collega a internet così può andare in crash anche da remoto, ma una casa che ottimizza l'uso di risorse.

Che il termostato si comandi vocalmente, quindi di avere microfoni in ogni stanza e il termostato connesso via internet ogni volta che parli per capire cosa dice e va in panico se la cosa non succede, è un suicidio tecnologico, perchè l'obiettivo di un elettrodomestico deve essere quello di semplificare la vita.

Che il termostato si connetta a internet [u]due volte al giorno[/u] per sapere il meteo, e si regoli da se con un meccanismo di feedback LOCALE AUTOMATICO, è la cosa più sofisticata che puoi chiedere al termostato di casa.
deggial15 Dicembre 2014, 18:26 #5
Originariamente inviato da: Raghnar-The coWolf-

Che il termostato si comandi vocalmente, quindi di avere microfoni in ogni stanza e il termostato connesso via internet ogni volta che parli per capire cosa dice e va in panico se la cosa non succede, è un suicidio tecnologico, perchè l'obiettivo di un elettrodomestico deve essere quello di semplificare la vita.

Che il termostato si connetta a internet [u]due volte al giorno[/u] per sapere il meteo, e si regoli da se con un meccanismo di feedback LOCALE AUTOMATICO, è la cosa più sofisticata che puoi chiedere al termostato di casa.


ben detto.
comunque sono cose che si possono fare anche oggi senza alcun tipo di problema... basta scegliere l'impianto domotico giusto (crestron ad esempio), e un buon programmatore.
il futuro, è avere tutto questo alla portata di tutti.
ComputArte15 Dicembre 2014, 18:54 #6

QUOTONE per Raghnar-The coWolf-

Yes! Concordo, soprattutto per il fatto che utilizzare una logica con SO basato su cloud significa vivere in una casa con le pareti trsparenti .... Le OTT si stanno straleccando i baffi per spiare tutto anche dentro la casa, aggregando dati e profilando in maniera così profonda che quello che stanno facendo sui telefonini sembrerà uno scherzo....attenzione a scefgliere la tecnologia giusta! :-)
Wonder15 Dicembre 2014, 19:45 #7
Io ho il termostato NetAtmo che comando sia dal termostato sia dal telefono. Lui costantemente verifica l'inerzia termica della tua casa e in base alla temperatura esterna, presa dal servizio meteo o dalla tua stazione meteo NetAtmo, regola l'anticipazione delle accensioni e degli spegnimenti.
Inoltre ha la modalità "fuori casa" che tiene una temperatura basale che tu imposto (stile 17°. Il tutto con programmazione giornaliera via intenret o smartphone, con diverse fasce di temperatura in base se dormi, se sei fuori o se sei in casa.

Ora, che il NEST, che non è ancora venduto n Italia, si possa regolare con la voce mi pare una scemenza inutile, visto che una volta impostati certi paramentri non hai mica bisogno di uno che ti ascolti ogni secondo ver variarli.
Inoltre è una boiata che in base al traffico accenda o spenga: la casa ha un'inerzia termica e qui si tratta sempre solo di anticipare accensioni e spegnimenti
Raghnar-The coWolf-15 Dicembre 2014, 20:46 #8
Originariamente inviato da: Wonder
Io ho il termostato NetAtmo che comando sia dal termostato sia dal telefono. Lui costantemente verifica l'inerzia termica della tua casa e in base alla temperatura esterna, presa dal servizio meteo o dalla tua stazione meteo NetAtmo, regola l'anticipazione delle accensioni e degli spegnimenti.
Inoltre ha la modalità "fuori casa" che tiene una temperatura basale che tu imposto (stile 17°. Il tutto con programmazione giornaliera via intenret o smartphone, con diverse fasce di temperatura in base se dormi, se sei fuori o se sei in casa.

Ora, che il NEST, che non è ancora venduto n Italia, si possa regolare con la voce mi pare una scemenza inutile, visto che una volta impostati certi paramentri non hai mica bisogno di uno che ti ascolti ogni secondo ver variarli.
Inoltre è una boiata che in base al traffico accenda o spenga: la casa ha un'inerzia termica e qui si tratta sempre solo di anticipare accensioni e spegnimenti


esattamente, quello è il genere di cretinate da silicon valley che se non schivano le porteranno alla rovina.
gpvecchi15 Dicembre 2014, 21:12 #9
Bella fregatura il Nest: preso d'importazione, difettoso, contattato l'assistenza e mi hanno detto "cavoli tuoi".
Si vede che è stato progettato da un ex designer Apple: tutto design e niente di speciale come funzioni, purtroppo mi sono documentato dopo l'acquisto. Acquistate un qualunque termostato dotato di collegamento wifi, magari compositore telefonico, sonda temperatura esterna e logica PID (che è il "miracolo" dell'auto-calibrazione del Nest) e con 100€ avrete lo stesso prodotto.
Bivvoz15 Dicembre 2014, 21:23 #10
Dopo tutto che deve avere di intelligente un termostato?
Si accende ad una certa ora, si spegne ad un'altra alla temperatura preimpostata che teoricamente non può variare di molto in quanto fissata per legge.

Per smemorati può essere utile modificarlo da remoto se si dimentica di spegnerlo prima di partite per le ferie o volendo si può accendere prima del ritorno.
Ma a meno che non abbiate un castello che ci mette un giorno a scaldarsi anche se lo accendete all'arrivo non morite.
E se avete un castello ci pensa il maggiordomo

Starò cominciando a diventare vecchio ma tutte ste fregnacce tecnologice sembrano appunto fregnacce per nerd ricchi.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^