Il primo smartphone Ubuntu ufficiale, ma lascia un po' di delusione

Il primo smartphone Ubuntu ufficiale, ma lascia un po' di delusione

BQ Aquaris E4.5 Ubuntu Edition sarà acquistabile in Europa entro la fine settimana. È il primo smartphone con sistema operativo Ubuntu

di pubblicata il , alle 10:21 nel canale Telefonia
Ubuntu
 

Quando Ubuntu per smartphone era stato annunciato nei primi mesi del 2013 avevamo fantasticato su un possibile dispositivo con la celebre distribuzione di Linux. Immaginavamo uno smartphone oltremodo potente, in grado di sostituire all'occorrenza un sistema desktop vero e proprio. La stessa Canonical aveva messo ulteriore sale agli annunci con Ubuntu Edge, un ambizioso progetto su Indiegogo che purtroppo non è riuscito a vedere la luce.

BQ Aquaris E4.5 Ubuntu Edition

Il primo smartphone Ubuntu arriva a circa due anni dalle prime voci sul sistema operativo e lascia un po' con l'amaro in bocca. Si chiama Aquaris E4.5 Ubuntu Edition ed è prodotto da BQ utilizzando come base l'omonimo smartphone per Android. Sotto la scocca troveremo infatti un modesto processore quad-core di MediaTek con architettura Cortex-A7, 1GB di RAM e 8GB di storage integrato. Si tratta di uno smartphone di fascia medio-bassa proposto ad un prezzo di 170€ circa sul mercato europeo.

Se pensiamo che Ubuntu Edge era stato annunciato un anno e mezzo fa con predisposizione al dual-boot, "almeno 4GB di RAM" e 128GB di storage integrato con lo scopo di dare la possibilità di "convertire un semplice smartphone in un vero e proprio PC desktop", appaiono chiari i motivi della nostra delusione. L'Aquaris E4.5 Ubuntu Edition non è destinato a cambiare i connotati del mercato mobile, né ad infastidire i grossi colossi del settore in alcun modo.

In più, lo smartphone sarà venduto solo all'interno di alcune vendite lampo e solo entro i confini europei attraverso gli accordi maturati con alcuni degli operatori telefonici. Si tratta di una strategia pensata per sondare la richiesta da parte del pubblico, in attesa di approntare un piano di mercato su più ampia scala cercando di coinvolgere anche i paesi più forti. Tuttavia, Ubuntu deve scontrarsi su un mercato già saturo di proposte.

Lo smartphone Ubuntu richiede che le applicazioni vengano sviluppate ad-hoc sulla piattaforma per ottenere i migliori risultati, anche se il supporto ad HTML5 dovrebbe rendere semplice la trasposizione delle app esistenti. Sono pronte per il debutto le applicazioni di Twitter, eBay, Amazon e Yelp, ed in più è già garantito il supporto di Spotify e Dropbox via app di terze parti. Il tutto, però, in un mercato in cui i nomi più forti vantano la compatibilità di oltre un milione di applicazioni diverse.

È una storia che abbiamo già visto di recente con Windows Phone, in cui nemmeno il fortissimo brand di Microsoft è riuscito a raggiungere i risultati di Google e Apple, entrati nel mercato nei periodi più adatti. Ubuntu, tuttavia, non ha mai puntato al record delle quote di mercato, ed è proprio per questo che continuiamo ad aspettarci uno smartphone sullo stile di Edge, progettato soprattutto per solleticare gli appetiti di noi fanatici tecnologici.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

21 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
acerbo09 Febbraio 2015, 10:45 #1
vabbé sarà l'ennesima startup che nasce su un progetto fallimentare giusto per rimediare un finanziamento milionario che farà ricco qualcuno e farà discutere migliaia di geek con pagine e pagine di inutili commenti. Viva la new economy!!! Viva l'america!!!
floc09 Febbraio 2015, 11:09 #2
ennesimo progetto nato morto, per di piu' si bruciano il nome. Dei veri geni.
boboviz09 Febbraio 2015, 11:31 #3
Beh, non è che Canonical viaggi a gonfie vele, quindi questo smartphone potrebbe essere o quello che la affossa definitivamente o la possibilità di fare qualche utile.
http://www.phoronix.com/scan.php?pa...&px=MTU3MDg
demon7709 Febbraio 2015, 12:08 #4
Concordo con floc.
Una bellissima occasione sprecata.

Mai dire mai comunque.. magari questo è quello che hanno messo insieme come partenza visto che la precedente più ambizionsa startup non è andata in porto.. ma coi ricavi di questo investono nel sistema "vero".

Alla fine un sistema mobile super evoluto capace di trsaformarsi in desktop è un'idea che piace a una bella fettona di utenti!
Pier220409 Febbraio 2015, 12:23 #5
Originariamente inviato da: demon77
Concordo con floc.
Una bellissima occasione sprecata.

Mai dire mai comunque.. magari questo è quello che hanno messo insieme come partenza visto che la precedente più ambizionsa startup non è andata in porto.. ma coi ricavi di questo investono nel sistema "vero".

Alla fine un sistema mobile super evoluto capace di trsaformarsi in desktop è un'idea che piace a una bella fettona di utenti!


Capisco l'aspetto geek, quello che capisco meno e cosa serve uno smartphone che faccia da Desktop e perché dovrebbe interessare una bella fetta di utenti? ..lo danno in dotazione con mouse e tastiera?
viscm09 Febbraio 2015, 12:51 #6
Pier2204, se vuoi te lo spiego io xchè potrebbe essere interessante avere uno smartpone che possa sostituire un desktop.

Immaginati di posare il tuo smartphone sul tavolo la mattina appena arrivi in ufficio, collegarci la micro hdmi del monitor e iniziare a scrivere sulla tua tastiera bluetooth.

Durante il giorno se devi uscire x fare qualche lavoro in esterna stacchi il telefono e te lo porti dietro, poi ritorni in ufficio e hai già tutto li

Alla sera, te ne torni a casa, colleghi il tel alle periferiche di casa e hai di nuovo il tuo pc pronto.

A me una cosa del genere non solo piacerebbe, ma mi sembra l'evoluzione naturale dei notebook
omerook09 Febbraio 2015, 12:55 #7
ma quali cavi micro hdmi! io voglio il display wifi e tatiera e mouse wireless che aspettano sulla scrivania! appena arrivo a casa appoggio in cel sul tappetino che me lo ricarica a induzione e intanto lavoro sul cel\desktop
...e se vado in una altra casa o ufficio mi piacerebbe ritrovare la stessa ospitalità!
viscm09 Febbraio 2015, 13:02 #8
ora non mi volevo spingere tanto in la con monitor wi-fi, xò il concetto deve essere quello.

In questo momento x la maggior parte degli utilizzi il problema non è nemmeno la potenza dello smartphone, ma la batteria.
O si smette tutta sta corsa alla diminuzione dello spessore dei telefoni o un tel di potenza così elevata quando potrà durare dai 3 a i 4 minuti?
Tasslehoff09 Febbraio 2015, 14:13 #9
Quoto viscm, anche secondo me sarebbe un dispositivo rivoluzionario per tantissime persone.
Probabilmente io non lo userei in questo modo, ma siamo davvero convinti che così tanta gente abbia bisogno di tutte le risorse dei pc odierni?
La stragrande maggioranza degli utenti (anche in ambito lavorativo) fanno un uso infinitesimale di tutte quelle risorse, pensiamo a ruoli amministrativi, commerciali, management, etc etc...

Poi imho c'è anche bisogno di un competitor "neutrale" nel comparto mobile, mentre ora ci sono tre blocchi proprietari che rappresentano tre differenti società con tre ecosistemi sw e di servizi tra loro indipendenti.
Un sistema operativo aperto e indipendente (il che esclude Android, considerando che ormai la gran parte del core del sistema operativo è proprietario) imho può solo che far bene al comparto, così come l'ha fatto nel mondo dei browser o dei sistemi operativi per pc e server.
demon7709 Febbraio 2015, 14:36 #10
Originariamente inviato da: Pier2204
Capisco l'aspetto geek, quello che capisco meno e cosa serve uno smartphone che faccia da Desktop e perché dovrebbe interessare una bella fetta di utenti? ..lo danno in dotazione con mouse e tastiera?



In tanti hanno ti hanno risposto le stesse cose che ti avrei detto io!

Vedilo come il primo passo verso una naturale evoluzione dei dispositivi mobile.. diventare un vero e proprio ufficio everywhere, che sia per lavoro o personale il dispositivo è il centro di tutto.. in giro ci sono solo periferiche: tv, tastiere, mouse o schermi.

poi dopodomani tutto Cloud

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^