Huawei: dopo Google, anche Intel e Qualcomm interrompono i rapporti

Huawei: dopo Google, anche Intel e Qualcomm interrompono i rapporti

Dopo Google, anche Intel, Qualcomm e altre società statunitensi avrebbero interrotto i rapporti con Huawei per quanto riguarda la fornitura tecnologica (sia hardware che software). Lo scontro con l'amministrazione Trump si fa sempre più duro.

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Telefonia
HuaweiIntelQualcomm
 

Nella nottata (ora italiana) tra Domenica e Lunedì, negli Stati Uniti iniziava una nuova offensiva nei confronti di Huawei e del governo cinese. Dopo le prime notizie diffuse da Reuters secondo le quali Google/Alphabet non fornirà più hardware e servizi a Huawei, ora tocca ad altre società fare lo stesso.

Secondo quanto riportato da Bloomberg, anche società del calibro di Intel, Qualcomm e Xilinx avrebbero chiuso i rapporti fino a data da destinarsi, con Huawei. La motivazione sarebbe sempre quella legata alle scelte del governo di Trump che vede nella società tecnologica cinese un rischio per la sicurezza.

La vicenda è iniziata diversi mesi fa quando gli smartphone della società cinese (ora secondo produttore mondiale) sono stati caldamente sconsigliati a tutti dipendenti governativi statunitensi per motivi di sicurezza. Poco tempo dopo, gli stessi smartphone erano sostanzialmente introvabili sul mercato statunitense, sempre per questioni legate alla sicurezza.

I rapporti tra l'amministrazione Trump, Huawei e il governo cinese hanno avuto poi "alti e bassi" ma non sono più tornati a essere veramente pacifici. Nelle ultime ore però la tensione è aumentata ulteriormente con aziende del calibro di Intel, Qualcomm e Google che non potranno più fornire tecnologia di alcun tipo (hardware e software) alla società.

Si tratta di una mossa politica e commerciale molto pesante che potrebbe avere ripercussioni non solo sui mercati azionari. Huawei (e il governo cinese) potrebbero così dover necessariamente trattare con l'amministrazione Trump per evitare di perdere fornitori fondamentali per i propri prodotti.

Secondo alcune fonti, il produttore cinese avrebbe previsto già da metà 2018 una possibile ritorsione a questi livelli e avrebbe riempito i propri magazzini con componentistica utile per tre mesi di produzione. Non è chiaro però quale sarà l'effettivo impatto sulla roadmap e sulla distribuzione dei prodotti sul lungo periodo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

26 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor20 Maggio 2019, 09:10 #1
Quali saranno le possibili ripercussioni sugli attuali possessori di terminali Huawei?
CYRANO20 Maggio 2019, 09:17 #2
Originariamente inviato da: Paganetor
Quali saranno le possibili ripercussioni sugli attuali possessori di terminali Huawei?


https://www.hwupgrade.it/forum/show...mp;postcount=23


Clmsknlnslss
Paganetor20 Maggio 2019, 09:37 #3
Grazie!
Quindi "potrebbero" non esserci ulteriori aggiornamenti per i terminali già in commercio (anche io, come il quote che hai linkato, ho un P9 lite che fa ancora egregiamente il proprio dovere)

Fermo restando che a livello di sicurezza e di S.O. gli aggiornamenti del mio telefono sono fermi a circa un anno fa e dubito ne rilasceranno...
emanuele8320 Maggio 2019, 09:52 #4
Ed ecco che i prossimi iphone sfonderanno la barriera de 3k per il top di gamma e dei 1500 per i barboni.
D'altra parte Tim Apple, ehm Tim Cook, cioè Kook o forse Cock era alla casa bianca a leccare gli zebedei del capo. Pronti per un secondo mandato per il genio Trump aiutato soprattutto dai probabilmente 30 candidati democratici che si sfideranno alle primarie. Pensavo che la sinistra moderata mondiale avesse toccato il fondo (si veda il tracollo SPD in Germania, le posizioni da banderuola al vento dei Labour in UK, le sconfitte replicate in Francia, il tracollo della Clinton nel 2016 ad opera non di Bernie Sanders, ma dell'establishment che la voleva a tutti i costi sullo scranno del comando), ma in America si fanno sempre le cose in grande e ci daranno un altra dimostrazione di come si perde clamorosamente tra meno di due anni.
dwfgerw20 Maggio 2019, 10:01 #5
Ma avete complessi o cssa? Qui ci perdono tutti, Apple è la prima a perdere di un tale sentimento anti ameriano in Cina.. ino,tre lo stesso trump applicherá entro fine giugno ben 25% di tassazione sui prodotti impotati in Usa dalla Cina, penalizzando enormente Apple in particolarmmodo. quindi Cook si trova in un mare di casini, il titolo grazie a trump è a picco.
emanuele8320 Maggio 2019, 10:06 #6
Originariamente inviato da: dwfgerw
Ma avete complessi o cssa? Qui ci perdono tutti, Apple è la prima a perdere di un tale sentimento anti ameriano in Cina.. ino,tre lo stesso trump applicherá entro fine giugno ben 25% di tassazione sui prodotti impotati in Usa dalla Cina, penalizzando enormente Apple in particolarmmodo. quindi Cook si trova in un mare di casini, il titolo grazie a trump è a picco.


No no no aspetta un momento. perchè gli unici concorrenti di apple sui top di gamma sono Samsung con l'S10 e huawei col p30. Nessuno comprerà più huawei se non ha android, mi pare chiaro. forse samsung ci guadagneràpiù di apple ma il duopolio in favore di USA e suoi alleati (South Korea) è ristabilito.
Apple può continuare a produrre in cina a basso costo e vendere in tutto il resto del mondo. Huawei può produrre quanto vuole ma non venderà neanche un terminale (fuori dalla cina) se non monta android.
MaxVIXI20 Maggio 2019, 10:18 #7
La cosa secondo me ha assolutamente senso così anche la linea politica americana. Abbiamo aperto i nostri mercati ad un economia basata sul furto, bilanci non falsatu ma completamente inventati, e zero diritti. Il che insieme all ingordigia della nostra classe imprenditoriale e alla miopia dell acquirente medio (che me ne frega se non è prodotto in *** ma in Cina, a me basta costi di meno), ha distrutto il nostro tessuto produttivo ed industriale.

Questa cosa però andava fatta 15-20-25 anni fa... adesso è tardi, si stanno chiudendo le stalle dopo che i buoi sono scappati.
DjLode20 Maggio 2019, 10:21 #8
Originariamente inviato da: MaxVIXI
Questa cosa però andava fatta 15-20-25 anni fa... adesso è tardi, si stanno chiudendo le stalle dopo che i buoi sono scappati.


Esatto!
E non solo nel campo informatico/elettronico, ma un pò in tutti!
Hereticus20 Maggio 2019, 10:23 #9
O lo fanno per TUTTE le aziende cinesi (se le motivazioni sono reali), oppure, solo per Huawei, ha valore solo a livello di guerra commerciale...
Titanox220 Maggio 2019, 10:30 #10
visto a comprare cinesate che succede?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^