Cyanogen Inc.: secondo round di finanziamenti di 23 milioni di dollari

Cyanogen Inc.: secondo round di finanziamenti di 23 milioni di dollari

CyanogenMod Inc. ha ottenuto un nuovo finanziamento da destinare all'assunzione di nuovo personale e il miglioramento della distribuzione del nuovo sistema operativo in tutto il mondo

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Telefonia
 

Cyanogen Inc., la società alla base della popolare ROM non ufficiale divenuta recentemente realtà commerciale, ha ricevuto un nuovo round di finanziamenti di 23 milioni di dollari, che si sommano ai 7 milioni iniziali ottenuti ad aprile tramite Kirt McMaster, divenuto CEO della società.

I nuovi liquidi serviranno ad assumere nuovo personale e migliorare la distribuzione della ROM non ufficiale in tutto il mondo, mediante produttori terzi differenti: "Il settore mobile è solo agli inizi", ha dichiarato McMaster. "Apple, Google e Samsung non hanno ancora vinto. Sembra sia così attualmente, ma siamo ancora nei primi periodi."

Cyanogen Inc. team

La CyanogenMod, una delle ROM più diffuse del mondo Android, conta circa 11 milioni di utenti attivi, in numero crescente rispetto allo scorso settembre (8 milioni). Le stime prevedono solo gli utenti che hanno deciso di divulgare il proprio consenso per la condivisione dei dati con la compagnia, quindi è prevedibile che il numero di utenti reali sia ben superiore.

Precedentemente la CyanogenMod si installava attraverso guide che comprendevano circa 23 passi: una volta divenuta commerciale, il primo passo della società è stato quello di fornire un'app su Google Play per rendere più semplice la procedura per l'installazione, rimossa poi in seguito dalla stessa società di Mountain View per la violazione dei termini di servizio dello store.

Si suppone che gran parte della crescita sia dunque dovuta al crescente mercato cinese, in cui CyanogenMod suscita sempre più interesse nei produttori di terze parti. Il sistema operativo MIUI utilizzato ampiamente da Xiaomi è basato su CyanogenMod, e Oppo N1 ha una variante proposta con la versione tradizionale della ROM non ufficiale.

L'obiettivo principale è quello di rendere CyanogenMod un prodotto mainstream, come la TouchWiz di Samsung ad esempio, in cui il rilascio del Cyanogen Installer è stato solo il primo passo di un processo più lungimirante. Il software potrebbe presto permettere di personalizzare lo smartphone in cui verrà installata la ROM, con app native a scelta dell'utente e sfondi e temi personalizzati. La società è al lavoro con Google per riportare Cyanogen Installer sullo store virtuale.

Attraverso il nuovo investimento McMaster potrà espandere il suo team da 20 ad una cinquantina di dipendenti nei prossimi nove mesi: "Un numero sufficiente per arrecare non pochi danni", a detta del CEO di Cyanogen. "Il software sta mangiando il mondo, Android sta mangiando il settore mobile, e pensiamo che Cyanogen abbia appena finito i propri antipasti, e stia iniziando il primo piatto".

Primo piatto che risulta ancora fuori dalla portata della società, se non si trova un modo per rendere CyanogenMod "gustoso" anche per l'utenza meno smaliziata del settore smartphone.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
montanaro7920 Dicembre 2013, 10:20 #1
Da quando Krusty il Clown fa parte di Cyanogen ?
Hal200120 Dicembre 2013, 10:29 #2
Originariamente inviato da: montanaro79
Da quando Krusty il Clown fa parte di Cyanogen ?


Quel clown lì, è Dobie Wollert.
DarKilleR20 Dicembre 2013, 10:42 #3
Comunque sia secondo me CyanogenMod è e deve rimanere una ROM per utenti smaliziati che vogliono modificare ed avere il controllo fino in fondo del proprio smartphone (anche se esistono ROM con ancora più personalizzazioni).

Ma a mio avviso (opinione da appassionato della tecnologia)...sono proprio le ROM custom + root che mettono Android attualmente su un altro piano rispetto agli altri SO.
Kouta20 Dicembre 2013, 11:40 #4
Precedentemente la CyanogenMod si installava attraverso guide che comprendevano circa 23 passi...

23 passi mi sembrano un po' esagerati.
Rubberick20 Dicembre 2013, 12:36 #5
scusate ma veramente quel gruppo li è il team di cyanogen? xD sono fantastici ahah
Marko#8820 Dicembre 2013, 12:43 #6
Originariamente inviato da: Kouta
23 passi mi sembrano un po' esagerati.


-1: prendere in mano il telefono
-2: cercare il cavetto usb
-3: inserire un'estremità alla apposita porta sul pc
-4...
-5...
-6...
...
...
...

Così si arriva a decine e decine

Seriamente parlando, se si include anche installazione driver dispositivo, sblocco bootloader e permessi di root e facile allungare la guida. Altrimenti si ridurrebbe tutto a copiare gli zip sulla memoria, riavviare in recovery, eseguire wipe vari e flashare rom e gapps, fine.
fraussantin20 Dicembre 2013, 14:30 #7
non ho chiaro chi ha sborsato tutti quei soldi ................ e perche soprattutto .

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^