Andy in alternativa a BlueStack per emulare Android su PC e Mac

Andy in alternativa a BlueStack per emulare Android su PC e Mac

È disponibile da pochi giorni una nuova applicazione, chiamata Andy, che permette di emulare l'ecosistema Android (Jelly Bean) all'interno del proprio desktop

di Nino Grasso pubblicata il , alle 14:31 nel canale Telefonia
Android
 

Andy è un nuovo emulatore di Android (basato sulla versione Jelly Bean) per sistemi Windows e Mac, ovvero è un'applicazione che permette di riprodurre l'esperienza di un dispositivo Android all'interno di un personal computer.

Andy, emulatore per Android

Le destinazioni d'uso di un prodotto del genere possono essere molteplici: è possibile eseguire applicazioni altrimenti non disponibili sul sistema in uso (WhatsApp su PC o altre di messaggistica istantanea), o ottenere un'esperienza di gioco migliore con i titoli presenti su Google Play Store, grazie ai display di dimensioni più generose dei personal computer.

A differenza di BlueStack, l'emulatore Android ad oggi più diffuso, Andy permette di riproporre l'intera esperienza di un dispositivo Android, senza limitarsi all'esclusiva esecuzione di applicazioni per l'ecosistema di Google. Il nuovo emulatore offre anche altre funzionalità interessanti: è possibile modificare l'orientamento della schermata attraverso tasti dedicati, mentre si possono gestire i contenuti riprodotti su video anche mediante l'uso un dispositivo Android esterno.

Andy vs Bluestack

Quest'ultima funzionalità può risultare utile durante l'esecuzione di un videogioco o di un'applicazione da controllare attraverso il touch o i sensori di movimento, qualora assenti nei personal computer. L'applicazione per il controllo remoto non è ancora disponibile sul sito ufficiale, né su Google Play Store, ma si può scaricare a questo indirizzo, mediante Dropbox. Si tratta di un APK da installare sul proprio dispositivo Android, andando ad attivare nelle Impostazioni l'opzione relativa all'installazione di app da sorgenti sconosciute (solo per utenti esperti).

Andy, emulatore di Android per PC e Mac

Il pacchetto di installazione di Andy, di circa 350MB, si trova a questo indirizzo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Portocala30 Aprile 2014, 14:48 #1
Ottimo. Proprio ieri mi stavo informando su Bluestack e oggi arriva Andy.
mlazzarotto30 Aprile 2014, 15:32 #2
Qual'è il sito ufficiale?
Portocala30 Aprile 2014, 15:34 #3
Walz30 Aprile 2014, 15:35 #4

Sito ufficiale

http://www.andyroid.net/
markus98830 Aprile 2014, 15:39 #5

Root

sapete se è possibile ottenere i permessi di root?
Azib30 Aprile 2014, 15:54 #6
Qualcuno lo ha mai provato su un asus t-100?
Unrealizer30 Aprile 2014, 15:55 #7
Originariamente inviato da: markus988
sapete se è possibile ottenere i permessi di root?


c'è Superuser preinstallato

comunque pare sia basato su Genymotion
Portocala30 Aprile 2014, 15:55 #8
Che permessi di root vorresti se lo stai installando su un sistema windows
markus98830 Aprile 2014, 21:10 #9
Originariamente inviato da: Portocala
Che permessi di root vorresti se lo stai installando su un sistema windows


La domanda corretta allora è: Si possono utilizzare app che richiedono i permessi di root?

Originariamente inviato da: Unrealizer
c'è Superuser preinstallato

comunque pare sia basato su Genymotion


Sul mio non c'è alcun super user

Dai miei tentativi (rapidi in quanto non ho avuto molto tempo) non vanno le app che richiedono il root e, tanto per dare un mio parere, mi sembra ancora acerbo.
SmbSmb30 Aprile 2014, 21:35 #10
Genymotion va benissimo, cosa fa questo Andy di piu'?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^