Addio ai costi di roaming in Europa: vietati da giugno 2017

Addio ai costi di roaming in Europa: vietati da giugno 2017

Il Parlamento Europeo approva il pacchetto che prevede l'abolizione dei costi di roaming per le telecomunicazioni mobile, assieme inoltre ad alcune misure sulla neutralità della rete

di pubblicata il , alle 11:41 nel canale Telefonia
 

Nel corso della giornata di ieri il Parlamento Europeo ha espresso la votazione finale sul nuovo pacchetto di misure per le telecomunicazioni che avrà l'effetto, tra gli altri, di far entrare in vigore dal mese di giugno 2017 il divieto di applicare tariffe roaming nell'utilizzo dei telefoni cellulari nei paesi dell'Unione Europea.

Pilar del Castillo, rappresentante spagnola del Partito Popolare Europeo, ha dichiarato prima della votazione: "L'abolizione delle maggiorazioni per il roaming è stata a lungo attesa da tutti: la gente comune, le start-up, le PMI e tutti i tipi di organizzazioni. Grazie a questo accordo, l'Europa diventerà anche l'unica regione nel mondo che garantisce giuridicamente internet aperta e neutralità della rete. Il principio della neutralità della rete sarà applicato direttamente nei 28 stati membri. Esso garantisce anche che non avremo internet a due velocità" riferendosi alle nuove norme in tema di diritto di accesso ad internet.

Il 15 giugno 2017, quindi, gli operatori non potranno più praticare tariffe maggiorate per chiamate, messaggi e traffico dati in roaming tramite i dispositivi mobile. Il divieto sarà anticipato da un'ulteriore riduzione delle tariffe, a partire dal 30 aprile 2016, che non potranno superare le maggiorazioni di €0,05 al minuto per le chiamate vocali, €0,02 per SMS e €0,05 per ogni MB di traffico. Il tetto per i costi delle chiamate ricevute sarà deciso entro l'anno e ci si aspetta che tali costi siano considerevolmente più bassi rispetto a quelli previsti per le chiamate effettuate.

Nel comunicato emesso dal Parlamento Europeo si legge inoltre:

"Se gli operatori possono dimostrare che non sono in grado di recuperare i loro costi, incidendo sui prezzi interni, le autorità nazionali di regolamentazione potrebbero autorizzare gli operatori ad imporre, in casi eccezionali, maggiorazioni minime al fine di recuperare questi costi. I deputati hanno avuto garanzie che le autorità nazionali di regolamentazione avranno i mezzi per modificare o respingere le sovrattasse. Per proteggere il settore da abusi, come ad esempio il "roaming permanente", gli operatori potranno, in talune circostanze, essere autorizzati ad addebitare una tariffa di lieve entità, più bassa rispetto agli attuali tetti, sulla base del principio dell'"uso corretto". I dettagli precisi saranno definiti dalla Commissione e dalle autorità per le telecomunicazioni."

Come accennato poco sopra, la nuova legislazione obbligherà inoltre le società che offrono accesso ad internet a trattare tutto il traffico dati in maniera equivalente, negando quindi la possibilità di bloccare la ricezione di contenuti, applicazioni o servizi a seconda della loro tipologia o a seconda della loro provenienza. Eccezion fatta per l'eventuale decisione di un tribunale per evitare, per esempio, una congestione della rete o per contrastare attacchi informatici. Nel caso in cui tali misure siano necessarie per la gestione del traffico dati, dovranno essere "trasparenti, non discriminatorie e proporzionali" e non dovranno durare più del necessario. Un operatore sarà comunque in grado di offrire servizi specialistici (come una migliore qualità internet necessaria per l'utilizzo di alcuni servizi), ma solo a condizione che questo non abbia un impatto sulla qualità generale del traffico internet.

Il parlamento ha infine disposto che i provider di accesso forniscano agli utenti una spiegazione chiara e trasparente sulle effettive velocità di download e upload rispetto a quelle pubblicizzate. Ogni differenza evidente (non è meglio precisato quale sia il grado di questa evidenza) darà diritto a compensazioni come rimborsi o estinzioni di contratto. Saranno le autorità nazionali di regolamentazione a stabilire se e in che modo eventuali differenze possano rappresentare una violazione contrattuale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

22 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
alexdal28 Ottobre 2015, 11:51 #1
I cinque centesimi sono il costo oltre la propria tariffa oppure il costo al minuto.

perché se in media fanno pagare 15 centesimi al minuto, converrebbe essere solo in roaming (piani esclusi)
ciciolo197428 Ottobre 2015, 12:08 #2
...non potranno superare le maggiorazioni di...


Oltre il prezzo
roccia123428 Ottobre 2015, 12:12 #3
2017? Non è un po' troppo presto?

Meglio 2020, dai...


P.S. post fortemente ironico
TigerTank28 Ottobre 2015, 12:22 #4
Eheheh infatti...la cosa che mi fa ridere di queste promesse da marinaio sono le date di attuazione. Perchè non gennaio 2016? Ci scommetto che di qui al giugno 2017 ci saranno aumenti vari
walker737328 Ottobre 2015, 12:28 #5

passare ad operatore straniero

Quindi potrò acquistare un prepagato ad esempio spagnolo in quanto propone un profilo più conveniente di quelli italiani ed utilizzarlo tranquillamente in Italia senza sovrapprezzi.. interessante.
gd350turbo28 Ottobre 2015, 12:34 #6
Si, in teoria...

In pratica, ne dubito parecchio, si inventeranno di sicuro qualcosa !
marcos8628 Ottobre 2015, 12:36 #7
Originariamente inviato da: alexdal
I cinque centesimi sono il costo oltre la propria tariffa oppure il costo al minuto.

perché se in media fanno pagare 15 centesimi al minuto, converrebbe essere solo in roaming (piani esclusi)

Costo al minuto iva esclusa.

Originariamente inviato da: TigerTank
Eheheh infatti...la cosa che mi fa ridere di queste promesse da marinaio sono le date di attuazione. Perchè non gennaio 2016? Ci scommetto che di qui al giugno 2017 ci saranno aumenti vari

A giungno 2016 ci saranno ulteriori riduzioni, si va per gradi.
Hanno iniziato anni fa ad abbassare i costi di roaming con scadenze annuali (o quasi)
AleLinuxBSD28 Ottobre 2015, 12:55 #8
Il parlamento ha infine disposto che i provider di accesso forniscano agli utenti una spiegazione chiara e trasparente sulle effettive velocità di download e upload rispetto a quelle pubblicizzate.

Curioso di quali imbrogli verranno fatti in Italia al riguardo.

Nel frattempo, certo se la possono pure prendere comoda, considerato il tempo in cui il tutto verrà applicato.
Wolland28 Ottobre 2015, 13:01 #9
2017
E intanto la tariffa "mensile" è diventata in un attimo di 28-30 giorni.
TigerTank28 Ottobre 2015, 13:33 #10
Originariamente inviato da: marcos86
A giungno 2016 ci saranno ulteriori riduzioni, si va per gradi.
Hanno iniziato anni fa ad abbassare i costi di roaming con scadenze annuali (o quasi)


Originariamente inviato da: Wolland
2017
E intanto la tariffa "mensile" è diventata in un attimo di 28-30 giorni.


Una mensilità in più all'anno.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^