Western Digital e Toshiba alla seconda generazione di chip QLC 3D NAND: 1,33Tb in un singolo chip

Western Digital e Toshiba alla seconda generazione di chip QLC 3D NAND: 1,33Tb in un singolo chip

Sarebbe più corretto dire Toshiba Memory Corporation, ma essendo parte di Western Digital è quest'ultima a prendersi il merito della seconda generazione di chip memoria QLC 3D NAND, destinati ai futuri SSD di qualsiasi fascia

di pubblicata il , alle 13:41 nel canale Storage
Western DigitalToshiba
 

Come ormai siamo abituati ad osservare, e in questi giorni c'è molto fermento, il mondo dei Solid State Drive procede per aggiornamento chip, oltre che di interfaccia di collegamento con il sistema. Se sull'interfaccia l'evoluzione è ovviamente molto più lenta (sebbene sia un fulmine se rapportato a quanto osservato nei dischi meccanici in decenni...) sul fronte chip memoria la roadmap è decisamente più fitta.

Western Digital ha annunciato (insieme a Toshiba) in questi giorni di aver realizzato la seconda generazione di chip QLC (quattro bit per cella) 3D NAND, a ben 96 layer BiCS4. Quello che ci si attende, oltre a ottimi valori sul fronte del transfer rate, è una capienza veramente molto elevata per singolo chip. Non stupisce quindi che sia proprio su questo dato che Western Digital si inorgoglisce, dichiarando un ottimo 1,33Tb per singolo chip, ovvero circa 160GB (Gigabyte, non Gigabit) per singolo chip memoria.

Lo stabilimento in cui sono prodotti questi nuovi chip BiCS4 è quello di Yokkaichi, in Giappone, ovviamente a cura del partner Toshiba Memory Corporation. I primi prodotti che vedremo saranno a marchio SanDisk, per poi espandersi via via in tutte le linee che Western Digital produce, compresa quella per il settore enterprise. Idem farà ovviamente Toshiba.

I più appassionati si chiedono quale sia l'affidabilità in termini di ore o cicli scritture che un chip del genere può garantire. Ci viene in un certo senso da sorridere: ad ogni generazione di chip, dagli SLC in poi, il dubbio è sempre stato quello, e nella pratica non si è mai registrato un problema reale in tal senso, ovviamente nell'utilizzo comune e non anomalo.  Seguiranno in ogni caso alcune informazioni in merito, su cui vi terremo informati.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^