Sony e Panasonic insieme per Archival Disc, nuovo standard ottico

Sony e Panasonic insieme per Archival Disc, nuovo standard ottico

La grande disponibilità, a prezzi bassi, di hard disk esterni molto capienti ha contribuito in modo sostanziale al declino dei formati ottici come mezzo di archiviazione. Qualcosa però cambierà nel corso dell'estate di quest'anno.

di pubblicata il , alle 12:31 nel canale Storage
SonyPanasonic
 

Qualche anno fa erano ancora in molti ad utilizzare CD e DVD come mezzo per l'archiviazione dei propri dati, sebbene già se ne vedevano i limiti in termini di capienza. Col passare del tempo, grazie ai passi avanti garantiti dall'evoluzione tecnologica, ci siamo ritrovati con un mercato degli hard disk esterni particolarmente abbordabile, in grado di offrire modelli da 1TB a prezzi ben inferiori ai 100 Euro.

Un grande quantitativo di dati archiviabili in maniera semplice tramite la porta USB, quindi, consultabili da praticamente qualsiasi postazione e senza necessità di passare per software di archiviazione o masterizzazione. La conseguenza diretta di questa praticità e disponibilità di GB a basso prezzo ha avuto come conseguenza l'abbandono graduale dei supporti ottici come media di archiviazione, messi a dura prova anche dalla diffusione di comode e tascabili chiavette USB, in alcuni casi ben più capienti dei 4,3GB reali messi a disposizione dei normali DVD.

A riprova di questa tendenza i più attenti avranno notato che in molti PC portatili recenti il masterizzatore ottico spesso non è nemmeno presente: si risparmia sui costi eliminando una componente ormai poco usata, liberandosi inoltre dei limiti a cui si era soggetti in fase di progettazione. Se proprio se ne sente la necessità, non si fa altro che spendere 30-40 Euro e procurarsene uno esterno con interfaccia USB. Esistono ovviamente modelli di portatile che permettono di leggere e registrare anche i formati Blu-Ray (fino a 50GB), ma solitamente l'uso che se ne fa è più che altro di visione di contenuti in alta definizione.

Il supporto ottico come archiviazione, insomma, appare superato. Qualcosa però potrebbe cambiare già a partire da quest'estate: Sony e Panasonic hanno infatti annunciato di aver unito le forze per standardizzare il formato Archival Disc, che da neonato offrirà già ben 300GB di dati archiviabili su un singolo disco.

Nulla si sa per ora  sulle dimensioni fisiche del media ma verosimilmente sarà il classico 12cm di diametro, probabilmente per mantenere la retro compatibilità del lettore-masterizzatore con i vecchi formati. Quello che è noto, come riportato anche da numerose fonti online come ad esempio Hothardware, è l'esistenza di una roadmap sullo sviluppo futuro dello standard. I passi successivi riguarderanno la disponibilità di dischi in grado di memorizzare 500GB e ben 1TB di dati, sfruttando una struttura a doppia faccia e multistrato.

I nuovi media, insomma, saranno registrabili (una sola volta, non si fa cenno per ora di unità riscrivibili) su ambo le facce, mentre sono tre gli stati che verranno utilizzati per ognuna di queste.  Emerge anche qualche dato tecnico di natura ottica del laser: la lunghezza d'onda sarà di 405nm, mentre l'apertura numerica sarà di 0,85. Il Track pitch viene dichiarato in 0.225μm, mentre l'unità base di archiviazione "scritta" sul media avrà una lunghezza di 79,5nm. 

Sarà interessante capire come Sony e Panasonic si muoveranno per far debuttare sul mercato Archival Disc; allo stato attuale si ipotizza che questo media potrebbe anche essere alla base dei contenuti 4K ottici per l'intrattenimento domestico, ma ovviamente rimangono congetture provenienti dal mondo delle ipotesi, di cui son piene le fosse.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

40 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Rubberick11 Marzo 2014, 12:53 #1
uh? xD che succede, davvero offriranno un formato simile privo di royalties !!

Ma davvero?

Se esistessero ancora hd-dvd e non ci fossero state tutte quelle royalties la gente sarebbe ora piena di blu-ray in giro per casa.

A naso, lo standard doppio lato non sarà mai sfruttato.. ci si terrà sul single side double layer al massimo con prezzi folli e tutto ad uso semplicemente 4k sfrenato..
GabrySP11 Marzo 2014, 12:54 #2
Anacronismo level 9000

comunque vorrei conoscere il quoziente intellettivo di chi ha proposto un disco ottico a doppia faccia
Senza poter scrivere con un pennarello del disco, mi immagino già le cause legali di chi ha scambiato il CD del matrimonio con quello con la collezione di pornazzi
DKDIB11 Marzo 2014, 13:02 #3
Sembra interessante: sarebbe un buon passo in avanti rispetto alle cassette, sia per lo stockaggio che per i tempi d'accesso.

Il punto cruciale sarà l'affidabilità.
CD-R e DVD+/-R non hanno mai brillato in questo, mentre i BD-R avrebbero dovuto fare un passo in avanti (perché inorganici), però non si sono mai diffusi, nemmeno in ambito consumer.
DKDIB11 Marzo 2014, 13:11 #4
[color=red]Rubberick wrote:[/color]
> Se esistessero ancora hd-dvd e non ci fossero state tutte quelle royalties la
> gente sarebbe ora piena di blu-ray in giro per casa.

Che vuol dire?

BTW, io sono pieno di Blu-Ray, dato che i costi non sono molto diversi da quelli dei DVD (specialmente fuori dall'Italia).
Il problema non sono certo le royalties: non incidono certo sui costi e l'utente finale manco sa cosa siano. Il problema è che l'utente finale s'accontenta di camrip e dvdrip, magari visti in streaming...
roccia123411 Marzo 2014, 13:18 #5
Assolutamente anacronistici.

Per avere una chance di successo in ambito consumer, questi dischi sarebbero già dovuti essere in giro ORA, con capacità di 500GB o 1TB, a prezzi umani sia per quanto riguarda masterizzatori che per quanto riguarda i supporti.

Ora, visto che sono proprio in fase embrionale (non ci sono certezze nemmeno sulle dimensioni fisiche dei dischi e non vedo date di uscita, correggetemi se sbaglio) questi dischi non si vedranno mica tanto presto... e parlo delle versioni da "solo" 300GB.

Inoltre, lato prezzi, al lancio sicuramente costeranno uno sproposito, come è stato per i BD e per i DVD prima di loro... se non ricordo male i masterizzatori BD costavano anche 200-300€, e i supporti (BD da 25 Gb) anche 10-15€ l'uno... e ci vorrà qualche annetto prima che arrivino a livelli decenti, ma ne mentre, si spera, gli hdd meccanici saranno ulteriormente calati di prezzo e/o avranno aumentato la loro capacità, così come le SD card, gli SSD, ecc ecc.

Finiranno come i blu-ray: relegati all'ambito home-video per quei pochi che potranno permettersi, almeno inizialmente, TV 4k.

Vogliamo anche parlare della scomodità di avere dischi a doppia faccia?
Inoltre, quanto saranno delicati e quanto dureranno? Addirittura tre layer per faccia... mica pochi...
dtreert11 Marzo 2014, 13:20 #6
vabbeh ci vorranno anni per masterizzare 1 TB di dati, poi sinceramente ho dei dvd scrivibili che affermavano una durata miliardi di anni e ora non si leggono più... ho perso un po' la fiducia nei supporti ottici che si masterizzano a casa (altro discorso per i film comprati in negozio)
roccia123411 Marzo 2014, 13:22 #7
Originariamente inviato da: dtreert
vabbeh ci vorranno anni per masterizzare 1 TB di dati,

Ma no, dai... quello è il meno. Aumenterà la velocità di scrittura così come è aumentata nei vari passaggi CD -> DVD -> BD.
Utonto_n°111 Marzo 2014, 13:42 #8
E quello che mi chiedo io: come faccio a leggerli? nei portatili di oggi manco mettono più i lettori, di PC ne vendono sempre meno e tutti prendono i tablet, attacco un lettore al tablet?
Mi sa che saranno solamente per i film in 4K...
marchigiano11 Marzo 2014, 14:05 #9
Originariamente inviato da: GabrySP
Anacronismo level 9000

comunque vorrei conoscere il quoziente intellettivo di chi ha proposto un disco ottico a doppia faccia
Senza poter scrivere con un pennarello del disco, mi immagino già le cause legali di chi ha scambiato il CD del matrimonio con quello con la collezione di pornazzi


i doppia faccia dovrebbero farli solo con cartuccia come i primi dvd-ram

http://it.wikipedia.org/wiki/DVD-RAM

magari non trasparenti così se li lasci al sole non si rovinano in 3 ore
roccia123411 Marzo 2014, 14:06 #10
Originariamente inviato da: Utonto_n°
E quello che mi chiedo io: come faccio a leggerli? nei portatili di oggi manco mettono più i lettori, di PC ne vendono sempre meno e tutti prendono i tablet, attacco un lettore al tablet?
Mi sa che saranno solamente per i film in 4K...


Però, con l'arrivo dei servizi di streaming tipo netflix, i film 4k su supporto verrano acquistati principalmente da collezionisti o da chi vuole il massimo della qualità disponibile sul mercato.

Tieni conto che moltissimi faticano a distinguere una qualità dvd (collegato tramite scart) da un bluray.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^