Hitachi GST sposta la produzione in Cina

Hitachi GST sposta la produzione in Cina

I costi di produzione in Cina sono inferiori che nel resto del mondo, Hitachi ha deciso di iniziare il trasferimento della produzione verso questo Paese

di pubblicata il , alle 14:45 nel canale Storage
 

Hitachi Global Storage Technologies ha annunciato una iniziativa triennale per trasferire la maggior parte delle operazioni nella produzione dei propri prodotti dagli stabilimenti di San Jose e Odawara a quelli cinesi di Shenzhen.

Hitachi GST stima di poter iniziare la produzone in Cina a partire dall' ultimo trimestre del prossimo anno e di portarla a regimi massimi per la prima metà del 2006. Le altre due sedi continueranno a rivestire il ruolo di produttrici principali almeno fino alla fine del 2005. Attualmente la compagnia sta valutando se le condizioni di business sono tali da poter impiegare nuovamente personale ed altre risorse nelle fabbriche di San Jose e Odawara

Il movimento verso una produzione cost-competitive è un punto fermo del trend del settore hard-disk, guidato anche dall'abbassamento dei prezzi dei PC e dei sistemi laptop oltre alla diffusione degli hard disk in sistemi consumer electronic e in applicazioni che vanno oltre l'ambito informatico. Secondo alcune indagini e proiezioni nel 2006 gli hard disk utilizzati per applicazioni consumer saranno il 30% delle consegne totali, rispetto al 5% del 2002.

Fonte: Xbitlabs

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
lasa01 Settembre 2003, 15:01 #1
Orami le produzioni si sono spostate laddove il costo del lavoro è inferiore....per quanto lo si abbassi in Europa non si potranno mai reggere i livelli asiatici...con conseguente impatto sui prezzi al consumo.....
Sig. Stroboscopico01 Settembre 2003, 15:01 #2
speriamo che in europa ci si inventi qualcosa per arginare la corsa cinese altrimenti mi sa che ce la vediamo veramente brutta.
E non solo per nostro interesse, ma anche perchè la Cina investi i soldi che guadagna per migliorare la vita del suo popolo...
fabianoda01 Settembre 2003, 15:07 #3
Purtroppo la situazione è proprio questa... costa MOLTO meno far assemblare in Asia ed importare che produrre in Europa senza necessità di trasporti. Per far fronte ad una situazione così solo interventi pubblici (dell'Unione Europea) potrebbero invertire la tendenza.
Mephy7201 Settembre 2003, 15:30 #4
Corrrere con i neri e' dura ma con i cenesi credo sia peggio !!!!
MaxP401 Settembre 2003, 15:57 #5
La Cina sta diventando un bel polo tecnologico... e secondo me va bene a tutti (forse proprio tutti no...), ai produttori che spendono meno in produzione, a noi che spendiamo un po' meno nei prodotti e ai cinesi che vedono aumentare la domanda di lavoro e hanno notevoli investimenti nel loro paese.
sorbiturico01 Settembre 2003, 16:16 #6

occorre vedere qunat' è la paga

non credo che hitachi voglia regalare niente ( come tuttele altre aziende che assseblano in cina ) , penso piuttosto che sia l' ennesima lotta tra poveri , cerco di essere più chiaro : le aziende spostano il lavoro , andando a cercare dove spendere il meno possibile , in tal modo esse aumentano il profitto , ma dove il lavoro non c'è + si ha una recessione .
Forse i governo dovrebbero essere molto più sensibili a questo fenomeno che finirà per innescare dei guai economici in molti paesi .
strubi9901 Settembre 2003, 17:31 #7

x Sig. Stroboscopico

Magari spendesse per il suo popolo. Da quando è iniziato questo trend il governo cinese ha iniziato una corsa al riarmo tremenda. Spende, in proporzione al suo PIL, persino più degli Stati Uniti e la cosa preoccupa molto gli altri paesi della regione. C'è solo da sperare che non abbiano intenzione di riprendersi Taiwan, altrimenti i prezzi della componentistica per PC schizzeranno a livelli da anni 70 :-(
Billabong01 Settembre 2003, 18:00 #8
Cosa cosa cosa??

Arginare la situazione? Bossi aveva proposto dazi per i prodotti in ingresso dalla Cina... ma stiamo scherzando? Li costruiamo le fabbriche lì per non farli immigrare e poi tiriamo su anche barriere?? Forse non lo sanno molti, ma il valore delle merci esporte da USA e Europa in Cina è di diversi multipli superiore al valore delle importazioni.

E' giusto che si vada a fare in Cina: la produzione industriale qui ha fatto il suo tempo. Il futuro sono i servizi e le idee, che ci pensino gli asiatici a produrre, che sono ancora all'età della pietra. L'evoluzione economica della Cina e nn solo passa per queste cose, bisogna lasciarli fare. poi tra qualche secolo o qualche decennio saranno evoluti come noi. In questo ci guadagnamo tutti.

X stubi: riguardo le spese in difesa devi tenere conto di due cose: la spesa degli Stati Uniti in difesa è ai minimi storici da 50 anni. Inoltre il PIL della Cina è una frazione (piuttosto piccola) del PIL degli USA (e però i costi sono gli stessi per tutti). Ora, non escludo che la Cina possa spendere in assoluto più degli Stati Uniti, ma anche se fosse, non so quanto significativo sia. la Cina, pur disastrata, è quella messa meglio. Non hanno ancora la democrazia, ma meglio che vadano avanti così e se la conquistino con calma, che nn facciamo un macello come in Russia.
Fan-of-fanZ01 Settembre 2003, 18:06 #9
Spero solo che i sindacati si internazionalizzino anche nei paesi in via di sviluppo (e che sviluppo... magari l'italia avesse 'sta crescita)

Così, globalizziamo anche i diritti dei lavoratori e non solo quelli delle imprese.
aquila101001 Settembre 2003, 18:18 #10
ha ragione fan-of dobbiamo sperare in un '68 di rivendicazioni salariali per i lavoratori cinesi. ci vorrà del tempo, ma tutti gli squilibri in un mondo globalizzato prima o poi si riallineano.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^