Epox sotto inchiesta per frode

Epox sotto inchiesta per frode

La compagnia taiwanese è al centro delle indagini per alcune operazioni non chiare intrattenute con una sussidiaria

di pubblicata il , alle 17:42 nel canale Schede Madri e chipset
 

Epox Computer, produttore taiwanese di schede madri appartenente al gruppo dei cosiddetti second-tier, è sotto investigazione per presunta condotta fraudolenta e appropriazione indebita dei fondi della compagnia.

Nella giornata di ieri gli ufficiali del Prosecutors Office di Panchiao City hanno fatto irruzione nella sede di Epox alla ricerca di prove ed hanno inoltre intimato al presidente Steve Hsiao di fornire la documentazione relativa alle transazioni con la sussidiaria oltreoceano, E-Kong. Hsiao è stato trattenuto ed in seguito rilasciato dietro il pagamento di una cauzione di 300 mila dollari taiwanesi.

Hsiao si sarebbe appropriato in modo indebito di 840 milioni di dollari taiwanesi tramite transazioni fraudolente avvenute nel periodo 2001-2003 da Epox a E-Kong. La sussidiaria è stata istituita personalmente da Hsiao nel 2000 nelle Isole Vergini.

In particolare l'autorità giudiziaria sta indagando su una serie di esportazioni di prodotti verso E-Kong effettuate a prezzo ribassato, prima che i prodotti venissero consegnati ai clienti a prezzo pieno, il che avrebbe permesso a E-Kong di raccogliere un discreto guadagno dalla differenza dei prezzi.

Un portavoce presso Epox ha smentito le dichiarazioni, sottolineando che E-Kong è stata istituita per la gestione delle consegne di materie prime verso la Cina e le successive esportazioni dei prodotti finiti sui mercati oltreoceano. E-Kong avrebbe pagato i costi di produzione e dei materiali ad Epox solo dopo aver ricevuto i pagamenti dai clienti di Epox.

Si attendono ulteriori sviluppi.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
avafabio16 Marzo 2006, 17:49 #1
mmm non pensavo fossero così fraudolenti eppure fa ottime schede madri almeno questo con lode
ErminioF16 Marzo 2006, 17:56 #2
Dopo i noti di abit, altro storico marchio nei guai?
EBERT16 Marzo 2006, 18:01 #3
aspettiamo di vedere se è davvero colpevole
ma abit di che era accusata?
sbaffo16 Marzo 2006, 18:28 #4
mi sembra più che altro una frode fiscale.
Isole Vergini: noto paradiso caraibico... e fiscale
JohnPetrucci16 Marzo 2006, 18:54 #5
Ste isole, sti paradisi fiscali che vengono in soccorso di chi fa affari e che propio non riesce a restare nella legalità, e poi si creano i mostruosi buchi di bilancio o le colossali frodi fiscali.
Ma noi in Italia abbiamo risolto il problema depenalizzando il falso in bilancio, in fondo questi sono sempre ricconi in giacca e cravatta, mica ladruncoli qualsiasi, quindi tutto gli è concesso e perdonato.
Solo che se andate oltreoceano Bush ha scelto una via diversa per chi si macchia di simili reati, e di sicuro non assomiglia affatto alla nostra.
Qui non conviene imitare gli U.S.A. vero?
Ovviamente aspettiamo i riscontri su Epox, ancora siamo nel campo delle indagini.....
Jim8116 Marzo 2006, 19:14 #6
Originariamente inviato da: JohnPetrucci
Ste isole, sti paradisi fiscali che vengono in soccorso di chi fa affari e che propio non riesce a restare nella legalità, e poi si creano i mostruosi buchi di bilancio o le colossali frodi fiscali.
Ma noi in Italia abbiamo risolto il problema depenalizzando il falso in bilancio, in fondo questi sono sempre ricconi in giacca e cravatta, mica ladruncoli qualsiasi, quindi tutto gli è concesso e perdonato.
Solo che se andate oltreoceano Bush ha scelto una via diversa per chi si macchia di simili reati, e di sicuro non assomiglia affatto alla nostra.
Qui non conviene imitare gli U.S.A. vero?
Ovviamente aspettiamo i riscontri su Epox, ancora siamo nel campo delle indagini.....



Non c'è nulla da fare siamo in periodo elettorale
bartolino320016 Marzo 2006, 19:32 #7
Originariamente inviato da: avafabio
mmm non pensavo fossero così fraudolenti eppure fa ottime schede madri almeno questo con lode


Hai ragione, spero che non ci siano posticipazionei per questa splendida mobo:
http://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=1084142

Link ad immagine (click per visualizzarla)
shrubber17 Marzo 2006, 10:22 #8
guarda che cmq non è un falso in bilancio... almeno da quello che si legge... è più una frode bella e buona...
tale presidente aveva creato una impresa a cui faceva recapitare a prezzi molto bassi le schede madri epox. tale impresa poi le rivendeva a prezzo pieno nel mercato normale... e sai questo cosa vuol dire? grandissimi utili da parte di questa E-Kong che andavano a finire in tasca del presidente Epox, a danno della Epox stessa...

prima di sparare falsi in bilancio a caso riflettiamoci un po' su eh dai...
shrubber17 Marzo 2006, 10:23 #9

x bartolino3200

non penso ci saranno ritardi... quello nei guai nn è Epox in se ma è il presidente con l'organo amministrativo
BlackBug17 Marzo 2006, 22:33 #10
Originariamente inviato da: JohnPetrucci
Ste isole, sti paradisi fiscali che vengono in soccorso di chi fa affari e che propio non riesce a restare nella legalità, e poi si creano i mostruosi buchi di bilancio o le colossali frodi fiscali.
Ma noi in Italia abbiamo risolto il problema depenalizzando il falso in bilancio, in fondo questi sono sempre ricconi in giacca e cravatta, mica ladruncoli qualsiasi, quindi tutto gli è concesso e perdonato.
Solo che se andate oltreoceano Bush ha scelto una via diversa per chi si macchia di simili reati, e di sicuro non assomiglia affatto alla nostra.
Qui non conviene imitare gli U.S.A. vero?
Ovviamente aspettiamo i riscontri su Epox, ancora siamo nel campo delle indagini.....


Che poi quando c'era la legge seria sul falso in bilancio qualcuno abbia fatto bilanci tali da generare crack come Parmalat e Cirio; o negli USA come Worldcom ed Enron non conta. La legge è importante ma se non hai mezzi(strumenti legali) e le capacità(uomini capaci) è inutile .
Una seconda cosa: è vero che in Italia si è depenalizzato il falso in bilancio ma si è inasprita la pena sulla bancarotta fraudolenta. Quindi poco cambia quando si tratta di un falso in bilancio che porta alla distruzione dei risparmi della povera gente. Nei casi in cui poi l'azienda si salva beh stai tranquillo che nessuno si accorge del falso in bilancio...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^