East Fork anche con processori Pentium D9

East Fork anche con processori Pentium D9

La nuova piattaforma di Intel per la Digital Home supporterà anche processori Intel Pentium D9 e sarà presentata nel primo trimestre del prossimo anno

di pubblicata il , alle 09:47 nel canale Schede Madri e chipset
Intel
 

"East Fork" la piattaforma che Intel proporrà per il settore della cosiddetta "Digital Home", supporterà, oltre ai processori Pentium M "Yonah" per desktop anche i processori dual-core Pentium D9.

Per la piattaforma East Fork, i processori Intel Pentium D9 saranno abbinati ai chipset della serie 945 e al southbridge ICH7-DH. I controller per la rete wired saranno Ekron 10/100 e Tekoa Gigabit, mentre le operazioni di rete wireless sono affidate al chip Calexico 2 802.11 a/b/g.

La piattaforma East Fork è stata originariamente programmata per il debutto nel corso della seconda metà dell'anno. Intel ha deciso di posticipare il lancio della piattaforma al primo trimestre 2006, ovvero nella medesima finestra temporale in cui i processori Pentium D9 a 65 nanometri saranno disponibili sul mercato.

East Fork sarà inoltre dotata di un'interfaccia in grado di supportare Microsoft Windows Media Center Edition.

In generale la nuova piattaforma Intel avrà un prezzo di circa 20 dollari superiore rispetto ad una piattaforma approntata con chipset standard per desktop. Il solo southbridge ICH7-DH ha un prezzo superiore di circa 10 dollari rispetto alla versione ICH7 standard.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
cagnaluia25 Luglio 2005, 09:57 #1
cambiano completamente i fornitori di chip di rete wired e wireless?
dins25 Luglio 2005, 10:11 #2
ma per pentium D9 si intendono i dual core pentium D?
quelli, per intenderci, prescott dual core?
Se è così secondo me la notizia è di importanza storica: una piattaforma (credo quindi anche un solo sockety?) oltre che un solo chipset per entrambe le famiglie pentium M e pentium 4....
l'integrazione si avvicina (sarà seguita poi dall'abbandono dell'architettura netburst in favore di quella pentium-M).....
CiccoMan25 Luglio 2005, 10:28 #3
i d9 non sono prescott visto che i primi hanno tecnologia costruttiva a 65nm, mentre i secondi a 90nm
dins25 Luglio 2005, 11:12 #4
Originariamente inviato da: CiccoMan
i d9 non sono prescott visto che i primi hanno tecnologia costruttiva a 65nm, mentre i secondi a 90nm


ok!
Ma il senso del mio commento non cambia....
una piattaforma unica che accoglie insieme cpu con architettura "netburst" con quelle architettura "centrino" (passatemi il termine inesatto) segna una svolta (aspettata e auspicata da molti)...se ha capito bene la news...
altrimenti attendo lumi....

Cioè poter comprare una mobo (con relativo chipset) e poter decidere a valle e indifferentemente di metterci sopra uno yonah, o un pentium 4 dual core (o perche' no anche single core) rappresenta secondo me una svolta storica per intel.

Ma mi sembra che sia troppa grazia, intel ha sempre fatto 4 mobo diverse per una stessa cpu e non il contrario....
forse ho interpretato male io la news...
Spectrum7glr25 Luglio 2005, 11:29 #5
Originariamente inviato da: dins
ok!
Ma il senso del mio commento non cambia....
una piattaforma unica che accoglie insieme cpu con architettura "netburst" con quelle architettura "centrino" (passatemi il termine inesatto) segna una svolta (aspettata e auspicata da molti)...se ha capito bene la news...
altrimenti attendo lumi....

Cioè poter comprare una mobo (con relativo chipset) e poter decidere a valle e indifferentemente di metterci sopra uno yonah, o un pentium 4 dual core (o perche' no anche single core) rappresenta secondo me una svolta storica per intel.

Ma mi sembra che sia troppa grazia, intel ha sempre fatto 4 mobo diverse per una stessa cpu e non il contrario....
forse ho interpretato male io la news...



piano con l'entusiasmo...stessa piattforma non vuol dire stesso socket e per il resto già adesso praticamente tutti i chipset Intel dopo l'i865 possono supportare i Pentium M (almeno lo fanno l'865/875 con l'adattatore per il socket ed il 915 con cui Aopen se non erro ha fatto una mobo con socket 479): nessuna novità
dins25 Luglio 2005, 12:09 #6
Originariamente inviato da: Spectrum7glr
piano con l'entusiasmo...stessa piattforma non vuol dire stesso socket e per il resto già adesso praticamente tutti i chipset Intel dopo l'i865 possono supportare i Pentium M (almeno lo fanno l'865/875 con l'adattatore per il socket ed il 915 con cui Aopen se non erro ha fatto una mobo con socket 479): nessuna novità



era proprio questo che volevo cercare di capire....
se stessa piattaforma significa che unificheranno il socket, o semplicemente che il produttore potrà decidere, a parità di chipset, quale dei due socket implementare...
in questo secondo caso pero' si potrà anche definire "stessa piattaforma", ma a me in realtà sembrano due piattaforme diverse.
Se la vai a comprare cioè il negoziante ti dovrà chiedere:
"Vuoi quella pentium-m o quella pentium4?" quindi nel mio modo di vedere le cose restano due piattaforme diverse.
E quindi qual'e' il senso della notizia????????
sirus25 Luglio 2005, 12:10 #7
quest'idea di "piattaformizzare" il mercato mi piace, credo che sia una mossa vincente
comunque i Pentium D 9 sono quelli della serie 900 che dovrebbero avere core Ceder Mill comuque ancora basato su NetBurst
DevilsAdvocate25 Luglio 2005, 12:17 #8
Boh a parer mi dovrebbero preoccuparsi prima di produrre un processore desktop
(in questo caso il D9) competitivo con AMD sia come prestazioni, sia come
TDP (potenza dissipata) che come prezzo...
Inutile cercare di associare il pentium M (che costa oltre il 50% in piu' di un
equivalente desktop AMD) ai propri processori desktop nella mente degli utenti.....
lucusta25 Luglio 2005, 12:53 #9
per il prezzo dipende tutto dalle rese e dal volume produttivo..

se intel decide di entrare nel mercato "digital home" con processori nati per notebook, il prezzo di questi sicuramente si abbassera' a livello della concorrenza, visto che gia' il dothan ha buone rese ed anche volumi ( considerando che il 45% del mercato si e' spostato sui notebook).. e' solo che intel li vende ad un prezzo lucroso.
mjordan26 Luglio 2005, 06:50 #10
Ma quali dovrebbero essere i vantaggi per l'utente finale di una simile mossa?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^