Raspberry Pi 4 ufficiale a 35 dollari! Con quattro core Cortex-A72 riesce a gestire il 4K

Raspberry Pi 4 ufficiale a 35 dollari! Con quattro core Cortex-A72 riesce a gestire il 4K

Il piccolo sistema aumenta di circa tre volte in potenza grazie all'uso di un nuovo processore ARM. Può essere utilizzato anche con sistemi desktop, e supporta l'encoding hardware di flussi 4K oltre a essere proposto anche in versione con 4GB di RAM

di pubblicata il , alle 15:21 nel canale Sistemi
Raspberry
 

Raspberry Pi Foundation ha appena annunciato Raspberry Pi 4, la nuova iterazione del sistema pensato per gli amanti del fai-da-te e per progetti embedded. La nuova versione si aggiorna con un nuovo processore: dal quad-core Cortex-A53 del Pi 3 si passa a un aggiornato quad-core Cortex-A72, nello specifico un Broadcom BCM2711. Il tutto mantenendo il prezzo di listino storico di sempre: 35 dollari nei canali tradizionali.

Il nuovo Raspberry Pi 4 continua la tradizione dell'azienda e punta ad essere un sistema performante e versatile, il tutto al giusto costo. Può essere utilizzato anche come desktop pienamente operativo, anche se le sue prestazioni non possono rivaleggiare con quelle di sistemi tradizionali, ed è pensato nello specifico per applicazioni embedded con un occhio di riguardo al mondo della Internet of Things (IoT) o anche come media server.

La nuova versione ha infatti due porte micro-HDMI che possono gestire un display 4K a 60 fps o due display 4K a 30 fps. Abbiamo inoltre una porta Gigabit Ethernet per la connettività via cavo, due porte USB 3.0 e due porte USB 2.0, in entrambi i casi full-size (Type-A). Del nuovo modello sono state presentate tre varianti: il modello base ha 1 GB di RAM e viene proposto a 35 dollari, mentre gli altri costano 45 e 55 dollari e hanno 2 e 4GB di RAM.

Specifiche tecniche Raspberry Pi 4

  • CPU: 1.5GHz quad-core 64-bit ARM Cortex-A72 CPU
  • GPU: VideoCore VI con supporto a OpenGL ES 3.x
  • RAM: 1GB, 2GB, o 4GB LPDDR4
  • Supporto al dual-monitor con risoluzione fino a 4K
  • Decoding hardware di video HEVC @ 4Kp60
  • Connettività: Gigabit Ethernet, Wi-Fi 802.11ac dual-band, Bluetooth 5.0, 2x USB 3.0, 2x USB 2.0 ports, header GPIO da 40-pin
  • Compatibilità completa con i prodotti Raspberry Pi meno recenti

Raspberry Pi Foundation offre anche un kit comprensivo di tutte le periferiche e le componenti necessarie per utilizzare il sistema come se fosse un desktop, ad eccezione del display. Nel kit, dal costo di 120 dollari, troviamo un mouse, una tastiera, una scheda di memoria SD, un alimentatore, tutti i cavi necessari, e anche un piccolo case per la scheda logica. La sola scheda può essere inoltre accompagnata all'acquisto da una SD con già installato il software necessario per il corretto funzionamento in qualità di sistema desktop. Non manca inoltre l'header GPIO da 40-pin, necessario per realizzare progetti DIY di ogni tipo.

Stando agli annunci dell'azienda la produzione della nuova variante appena commercializzata verrà continuata fino al mese di Gennaio del 2026.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

43 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
aqua8424 Giugno 2019, 15:31 #1
sempre meglio!
Rei & Asuka24 Giugno 2019, 15:34 #2
Visto stamane su FB: ottimo, e finalmente la rete è realmente gigabit e non più schiava del controller USB. Diciamo che adesso si può realmente utilizzare come PC di scorta, al posto degli stick Intel con z8350 e simili
mally24 Giugno 2019, 15:38 #3
Originariamente inviato da: Rei &
Visto stamane su FB: ottimo, e finalmente la rete è realmente gigabit e non più schiava del controller USB. Diciamo che adesso si può realmente utilizzare come PC di scorta, al posto degli stick Intel con z8350 e simili


un canale pciex sarebbe stato decisamente gradito
demon7724 Giugno 2019, 15:40 #4
Sarebbe molto comodo un connettore SATA o M2.
Rei & Asuka24 Giugno 2019, 15:46 #5
Concordo, ma avrebbe fatto salire troppo il prezzo penso... Sulle porte i/o sopra si potrebbe mettere un'espansione del genere no?
djmatrix61924 Giugno 2019, 15:55 #6
Originariamente inviato da: mally
un canale pciex sarebbe stato decisamente gradito


Per curiositá, per farci cosa?
Gello24 Giugno 2019, 16:01 #7
Ottimo, adesso levare due USB e mettere una seconda porta di rete, anche a 100 e siamo al top
giovanbattista24 Giugno 2019, 16:08 #8
le obiezioni fatte al Raspi non tengono minimamente conto del progetto che ha portato allo sviluppo dello stesso e del suo ecosistema con relativa base di sviluppatori (anche in erba) non ho ricordi (negli ultimi 20 anni di una comunità sviluppata dalla base attiva e produttiva nata da un SBC sotto i 50&#8364 spesso open e senza fini di lucro, se vi interessa sapere xchè è stato creato oltre alle pagine ufficiali del progetto potete dare uno sguardo all'interno del forum

https://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=2443352"]
[Thread Ufficiale] Raspberry Pi[/URL]


ps

forse il commodore o l amiga avevano creato qualche cosa di simile ma erano altri tempi e i confronti non sono possibili
demon7724 Giugno 2019, 16:16 #9
Originariamente inviato da: Gello
Ottimo, adesso levare due USB e mettere una seconda porta di rete, anche a 100 e siamo al top


Perchè due porte rete? Che utilizzo hai in mente?
dirac_sea24 Giugno 2019, 16:22 #10
Aspettavo il Pi 4 come base per un nuovo nas e non posso lamentarmi: Gigabit Ethernet e usb 3 finalmente sono a bordo. Bene anche per il maggior quantitativo di ram. Avrei barattato volentieri le usb 2 in cambio di una porta sata... ma probabilmente non era possibile per questioni di retrocompatibilità o per restare nei 35 € del prezzo finale.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^