Intel: il BIOS è morto, lunga vita a UEFI Class 3. Fine supporto nel 2020

Intel: il BIOS è morto, lunga vita a UEFI Class 3. Fine supporto nel 2020

Intel ha annunciato durante l'evento UEFI Plugfest che terminerà il supporto al BIOS legacy nel 2020, richiedendo l'uso dello standard UEFI Class 3

di pubblicata il , alle 14:01 nel canale Sistemi
Intel
 

Fra tre anni il BIOS (Basic Input/Output System) compirà il suo quarantacinquesimo compleanno, ma il 2020 sarà anche l'anno conclusivo della sua lunga e onorata carriera sulle piattaforme Intel a 64-bit. Negli ultimi anni Intel ha integrato sulle proprie soluzioni la piattaforma Unified Extensible Firmware Interface (UEFI), lasciando il supporto al BIOS legacy come opzione aggiuntiva, ma dal 2020 in poi la compagnia non supporterà più la vecchia modalità per offrire una sicurezza maggiore. Un cambiamento che non coinvolgerà la maggior parte degli utenti, ma potrebbe far storcere il naso a chi utilizza hardware legacy sulle nuove piattaforme.

La novità è stata rivelata da Brian Richardson durante l'UEFI Plugfest, in cui è stato dichiarato che Intel richiederà il supporto dello standard UEFI Class 3 a partire dal 2020. Le funzionalità del BIOS si sono certamente evolute nel corso degli anni, ma il suo compito principale è stato sempre quello di eseguire il cosiddetto POST, acronimo di Power-On Self-Test, quindi l'inizializzazione di tutti i componenti cardine integrati nel computer per poi lanciare il sistema operativo installato. Il passaggio in massa allo standard UEFI è avvenuto negli anni 2000, quando l'intero settore ha cercato di scrollarsi di dosso tutti i limiti ormai anacronistici del BIOS.

Non è stata una transizione netta e repentina, ma una manovra graduale per garantire piena compatibilità alle componenti hardware non modernissime. UEFI ad esempio può supportare vecchi software e hardware legacy che utilizzano OpROM a 16-bit, ed è stato suddiviso in diverse classi (0, 1, 2, 3) che si allontanano progressivamente dal BIOS standard fino ad abbandonarlo del tutto (Class 3). Ad oggi la stragrande maggioranza dei sistemi in vendita utilizza UEFI Class 2, quindi nella configurazione del BIOS si può scegliere se utilizzare la piattaforma legacy o la più moderna UEFI. Sono già disponibili anche sistemi con UEFI Class 3, ma sono rarissimi.

Il cessato supporto al BIOS legacy è programmato anche per favorire l'obbligo dell'uso della tecnologia Secure Boot, eliminando il supporto del Compatibility Support Module (CSM) che è stato implementato su UEFI Class 2 per rendere ancora meno problematico il passaggio da BIOS a UEFI. Con questa mossa le nuove piattaforme non saranno più in grado di eseguire sistemi operativi a 32-bit o lanciare nativamente software correlati, e non potranno utilizzare alcuni componenti hardware non troppo moderni, come schede di rete o anche schede video che non hanno un vBIOS compatibile con lo standard UEFI (i modelli precedenti al 2012, 2013).

Intel sta lasciando un preavviso di qualche anno in modo da dare il tempo ai partner commerciali per migliorare l'esperienza d'uso attuale dei propri prodotti con lo standard UEFI e per promuovere le sue feature in modo da eliminare del tutto le dipendenze dal BIOS per quanto riguarda gli strumenti di manutenzione e altri software che interagiscono in maniera profonda con i sistemi. Ad oggi la concorrente AMD non ha annunciato cambiamenti di questo tipo, e non sappiamo ancora se abbia piani simili per il prossimo futuro.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

46 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
imayoda23 Novembre 2017, 14:16 #1
lunga vita ai bi..ops...mini sistemi operativi che gestiscono componenti sulla scheda madre di cui sappiamo poco o nulla
Sandro kensan23 Novembre 2017, 14:19 #2
Userò schede AMD e processori AMD per il mio prossimo PC.
mattia.l23 Novembre 2017, 14:31 #3
basta Intel, il mio prossimo PC sarà basato su cpu IBM Power
anzi, vado a ripulire la Olivetti programma 101
Phoenix Fire23 Novembre 2017, 14:34 #4
Originariamente inviato da: Sandro kensan
Userò schede AMD e processori AMD per il mio prossimo PC.


doveva essere una battuta?


discorso sicurezza, continuo a pensare che è un NI questo aumento, più diventa complesso un componente più è facile abbia falle, UEFI poi penso rimanga una delle cose meno aggiornate in assoluto
GabrySP23 Novembre 2017, 14:48 #5
niente più Hiren's BootCD?
Pinone23 Novembre 2017, 15:05 #6
E allora farò il mio Bios, con blackjack e squillo di lusso! Anzi, senza blackjack e senza bios!
Semicit.
lordsnk23 Novembre 2017, 15:18 #7
Scusate l'ignoranza, ma con i sistemi Class 3 si potranno ancora utilizzare sotto Windows i programmi a 32 bit e i vecchi videogame?
s5otto23 Novembre 2017, 15:30 #8
Bah! la "vendono" per questioni di sicurezza, efficienza, bla, bla, bla, .... ma la sintesi e vanno a chiudere il "recinto dei buoi" dopo che ci hanno raccolti tutti.

L'80% dei computer futuri DEVONO avere lo stesso ciclo di vita similmente agli smartphone:
- obsolescenza programmata
- 2 annetti massimo di supporto ed upgrade;
... se compri un fondo di magazzino capace che sei fuori specifiche dopo pochi mesi
- poi si sarà obbligati a cambiare; esempio:
... la banca accetta operazioni solo da nuova versione di browser
... nuova versione di browser gira solo su nuova versione di rom
... nuova versione di rom gira solo da una certa release di hardware
... etc etc

Non vedo un bel futuro ..... ma me lo vendono per il "mio" bene, per la "mia" sicurezza ....
Dragon200223 Novembre 2017, 15:36 #9
Il supporto è finito da un pezzo,altro che 2020.
Cmq pure la mia vecchia mobo per 1155 ha bios Uefi.
jepessen23 Novembre 2017, 15:58 #10
Originariamente inviato da: s5otto
Bah! la "vendono" per questioni di sicurezza, efficienza, bla, bla, bla, .... ma la sintesi e vanno a chiudere il "recinto dei buoi" dopo che ci hanno raccolti tutti.

L'80% dei computer futuri DEVONO avere lo stesso ciclo di vita similmente agli smartphone:
- obsolescenza programmata
- 2 annetti massimo di supporto ed upgrade;
... se compri un fondo di magazzino capace che sei fuori specifiche dopo pochi mesi
- poi si sarà obbligati a cambiare; esempio:
... la banca accetta operazioni solo da nuova versione di browser
... nuova versione di browser gira solo su nuova versione di rom
... nuova versione di rom gira solo da una certa release di hardware
... etc etc

Non vedo un bel futuro ..... ma me lo vendono per il "mio" bene, per la "mia" sicurezza ....


C'e' roba buona in giro, vedo...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^