Intel a sostegno delle aree in via di sviluppo

Intel a sostegno delle aree in via di sviluppo

In modo simile a quanto fatto da VIA, anche Intel presenta un proprio concept PC per le aree rurali dell'India

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 16:33 nel canale Sistemi
Intel
 

Intel ha ufficialmente annunciato una nuova iniziativa: si tratta di un PC specificamente pensato per l'utilizzo nelle aree rurali dell'India. Non è questa la prima volta che si sente parlare di iniziative di questo genere: giusto alcuni mesi fa, come documentato in questo articolo, VIA ha presentato la propria iniziativa PC-1, volta proprio a proporre soluzioni PC specificamente indirizzate alle aree in via di sviluppo come quella indiana.

india_intel_pc.jpg

Osservando il Community PC, torniamo con la memoria al CeBit di Hannover di alcune settimane fa; in quell'occasione la taiwanese Gigabyte ha mostrato il prototipo di un sistema destinato proprio alle regioni in via di sviluppo, che si è rivelato essere proprio il Community PC presentato da Intel.

gigabyte_pc_2_india.jpg

Queste le caratteristiche tecniche del Community PC secondo l'implementazione Intel:

  • Case irrobustito: il case è stato sviluppato per poter essere compatibile con condizioni ambientali avverse. Ha un sistema di filtro del'aria removibile, con ventola integrata che provvede a raffreddare la scheda madre. Lo chassis è disegnato in modo tale da garantire una temperatura massima della scheda madre di 45 gradi centigradi, con umidità relativa tra 70 e 85 RH.
  • sistema di alimentazione custom: il sistema è dotato di un alimentatore customizzato, che integra sia la parte di alimentazione tradizionale che un piccolo UPS, tale da garantire il funzionamento del sistema anche in mancanza di corrente.
  • Basso consumo: il sistema è configurato in modo tale da consumare meno di 100 watt quale massimo.

Intel prevede che l'adozione di questo computer permetterà di facilitare la vita in quelle comunità rurali che si trovano lontano dai grandi centri abitati. Un esempio pratico prevede l'utilizzo di questo PC per ottenere dati sulla proprietà terriera, o una licenza matrimoniale, direttamente on line, senza richiedere quindi di spostarsi nella città presso gli appositi uffici. Si tratta di un modello assolutamente valido e di attuazione pratica anche nelle nostre aree, ma ancora ben lontano dal concretizzarsi in quelle regioni del mondo che sono in via di sviluppo.

Resta ora da capire quale sarà il costo di questa soluzione, così come Intel la propone. La cifra non sarà in assoluto bassa, e sicuramente dovrà essere compatibile con le possibilità di spesa degli abitanti delle regioni in via di sviluppo, per le quali il Community PC è stato sviluppato.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
NoLimit30 Marzo 2006, 17:14 #1
Non per essere cattivi, ma tra via, quello del mit e questo in india e terzo mondo ormai avranno 3 pc per famiglia...

Ora dico, se l'interesse è comune ed è di portare l'informatica nel terzo mondo in maniera massiva, perchè non aprono un progetto in collaborazione?
zani8330 Marzo 2006, 17:33 #2
forse il loro intento è "benefico" fino a un certo punto....
le loro intenzioni sono di rendere degli "affezionati clienti" una futura ampia fetta di mercato!
così tra 10 anni avranno in testa il concetto di "Intel=Affidabile" o "Intel=Potente" così che sceglieranno più probabilmente l'intel Core-EXA piuttosto dell'AMD X16
hibone30 Marzo 2006, 17:40 #3
no ma che hai capito...
intel lo fa per l'india... via per l'africa.. il mit per il brasile...
poi valuteranno quale paese è progredito di più per stabilire quale
progetto è più valido...
stabilito questo lanceranno le nuove linee di pc per america europa e giappone sulla base del modello vincente...
COFFEE_MUG30 Marzo 2006, 17:56 #4

Bella idea, pero'....

Case irrobustito: il case è stato sviluppato per poter essere compatibile con condizioni ambientali avverse...

sistema di alimentazione custom: il sistema è dotato di un alimentatore customizzato...


il sistema è configurato in modo tale da consumare meno di 100 watt quale massimo....

A parte gli scherzi e' una lodevole iniziativa. Ma non mi faccio di certo intenerire: ABBASSATE ANCHE I PREZZI !!!!

DevilsAdvocate30 Marzo 2006, 18:10 #5
Mi pare che Intel proprio non abbia considerato il prezzo come fattore,
se cosi' fosse questa soluzione si inspira di piu' ad "un computer per ogni villaggio"
che non ad "un computer per ogni famiglia", che sembra invece inspirare
le soluzioni concorrenti.
Solertes30 Marzo 2006, 20:04 #6
Secondo me è solo una mossa per evitare che l'India sviluppi una piattaforma hw indipendente così come stanno facendo la Cina e Venezuela per staccarsi dalla dipendenza tecnologica dagli USA e il loro TC (probabilmete mirato principalmente a rafforzare questa dipendenza)....anche perchè probabilemente L'India è la nazione con un know how sufficiente a fare ciò....tenendo conto che gran parte della nostra vita è regolata tramite i PC made in USA....ovviamente il tutto IMHO
JohnPetrucci30 Marzo 2006, 23:14 #7
Nessuna multinazionale fa "beneficienza" a titolo gratuito.
Ogni mossa è calcolata, dietro a buone iniziative a favore dell'informatizzazione nelle aree in via di sviluppo del pianeta si nasconde marketing, promozione etc., si conciliano 2 bisogni, uno dell'azienda e l'altro dell'utenza di quei paesi, non c'è nulla di strano.
Paganetor31 Marzo 2006, 10:28 #8
mi sembra una risposta non troppo convinta al PC che sta mettendo in piedi AMD con altri partner...

a proposito: questi di Intel hanno pensato a un computer "robusto" per resistere, giustamente, a condizioni ambientali particolari. Nello sviluppo del PC di AMD non si faceva riferimento a questa caratteristica... chissà se ci hanno pensato...
FiLoxXx31 Marzo 2006, 14:20 #9
E' la solita storia di portare il progresso nei paesi in via di sviluppo ma l' intento è sempre quello di un guadagno economico
Paganetor31 Marzo 2006, 15:13 #10
credo anch'io che ci sia sempre un tornaconto...

ma, almeno, se con una mano dai e con l'altra prendi, un minimo di "equità" c'è

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^