WirelessHD, l'alta definizione senza fili

WirelessHD, l'alta definizione senza fili

Nasce in questi giorni un consorzio di aziende che uniranno le forze per realizzare uno standard di trasmissione di flussi High Definition senza l'utilizzo di cavi

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 17:03 nel canale Sicurezza
 

LG, Panasonic, NEC, Samsung, LTD, SiBEAM, Sony, Toshiba; questi i nomi coinvolti in un progetto destinato a creare buone aspettative nel pubblico appassionato di alta definizione. L'ambizioso obiettivo che si è posto il consorzio è quello di portare alla commercializzazione di un nuovo standard di connessione di apparecchi HD che non preveda l'utilizzo di cavi.

Sotto il nome di WirelessHD dunque si cela di fatto una nuova tecnologia che, se implementata nelle future periferiche, permetterà di trasmettere segnali sia audio che video ad alta definizione senza utilizzare nessun cavo, grazie ad un'ampiezza di banda compresa fra i 2Gbits/sec and 5Gbits/sec, sulla frequenza attualmente libera di 60 GHz.

Un grande vantaggio insomma, a patto che si possa portare in commercio a prezzi accettabili tutta questa tecnologia. La compilazione delle specifiche comuni di base in ogni caso non avverrà che nel corso della primavera 2007, stando a quanto riportato da CDRInfo, cui seguiranno verosimilmente dei prototipi funzionanti, magari anche in occasione del CeBIT di Hannover. Maggiori informazioni sul sito ufficiale WirelessHD.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

54 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Bluknigth03 Novembre 2006, 17:14 #1
Non so voi ma tutto questo wireless mi inizia a far paura.

Tra cellulari, schede di rete wireless, bluetooth , joypad delle console, casse wireless e chi più ne ha più ne metta, nelle case moderne ci sono dei campi magnetici da far paura...

Speriamo non faccia male, parlo da utente di queste cose.
vaio-man03 Novembre 2006, 17:22 #2
guardate che ogni cosa che ci circonda crea campi eletromagnetici a cominciare dai cavi elettrici schermati contro l'eletricità ma nn contro i campi magnetici, e se capiste qualcosa di elettronica o eletrotecnica lo sapreste
Sig. Stroboscopico03 Novembre 2006, 17:27 #3
Basta con sti falsi miti del danno da wireless.

Se non li volete potete disdirre il contratto con l'Enel o vi trasferite in antartide e siete a posto.

Guardate che il pc che state usando vi sta irrorando di campi magnetici a gogo.

Da parte mia sono più che contento di togliermi dai piedi la matassa di cavi che ho tra tv, pc, decoder e videoregistratore.

^__-
Marcus Scaurus03 Novembre 2006, 17:33 #4
Un conto è il "normale". Un conto è esagerare...
Se ho una gamba rotta me la faccio la lastra. Però non mi faccio 10 lastre la settimana per divertimento, perché poi fa male...

Qualche cavo si può anche tenere e non muore nessuno... Poi si sa che la qualità del cavo è inimitabile. Gli appassionati hi-fi lo sanno benisimo...
spannocchiatore03 Novembre 2006, 17:33 #5
bella lì
PsyCloud03 Novembre 2006, 17:39 #6
i campi magnetici fanno male si, ma deve essere un campo magnetico tale da prendere la tv con l'apparecchio per i denti o telefonare a casa della propria ragazza usando il citofono della doccia

E' la questione della qualità finale dell'immagine proiettata che mi lascia
nikel03 Novembre 2006, 17:40 #7
A quando l'alimentazione 220V senza fili?!
Luca6903 Novembre 2006, 17:40 #8
Nel digitale la qualitá del cavo e del segnale wireless é IDENTICA! Il cavo garantisce "solo" piú banda
Andynuke03 Novembre 2006, 17:53 #9

CAMPI MAGNETICI? NO GRAZIE! X vaio-man

Scusa tanto,ma non posso evitare di risponderti...ma tu ne capisci qualcosa prima di pesare le competenze degli altri?
Innanzitutto é vero, i cavi dell'enel in casa generano campi magnetici, però é altrettanto vero che già a 5 cm dal cavo, il campo diventa pressoché insignificante e pertanto a meno che tu non dorma sopra un cuscino di cavi in tensione, il cablaggio di un appartamento non crea nessun problema!
Qualcuno di voi minimalisti afferma che l'essere umano é fatto per sopportare e smaltire tutte queste radiazioni...ebbene, allora vallo a dire a quelle persone che si ammalano di brutti mali perché abitano a 50 metri dai tralicci dell'alta tensione!
Io sono un fanatico delle innovazioni e della tecnologia e ritengo che il wireless stia rivoluzionando positivamente il nostro modo di comunicare,ecc...
Però ho anche un istinto di conservazione che mi dice che posso fare a meno di aggiungere, di mia volontà, campi addizionali a quelli che già ci tocca subire per natura!
Sembrerà insignificante, ma pensate soltanto all'energia che il cellulare ci trasmette attraverso le onde ellettromagnetiche:ci scalda l'orecchio di quasi mezzo grado e, avevo letto, il cervello di 0,1 gradi...potrà sembrare irrisorio, ma é una bella quantità di energia, anche perché é una trasmissione continua di energia per un periodo di tempo che può essere lungo!
Aggiungeteci la televisione a tubo catodico(per chi ce l'ha ancora), la rete wireless, il cellulare con il bluetooth, mouse/tastiera cordless,ecc ecc...
Singolarmente, sono tutte bazzecole, ma sommate tutte insieme, vi garantisco che alla lunga mettono a dura prova il nostro caro e operoso sistema immunitario...
Io personalmente ho già eliminato mouse e tastiera cordless, ed auricolare bluetooth e sto cercando di limitare l'uso del cellulare ogni volta che posso(anche se per lavoro mi é necessario).
Se poi uno é sfigato che si prende lo stesso qualcosa, beh allora amen...però se riesco, cerco evitare di aumentare questa probabilità...
Vash8803 Novembre 2006, 17:57 #10
Originariamente inviato da: nikel
A quando l'alimentazione 220V senza fili?!



http://it.wikipedia.org/wiki/Nikola_Tesla

Originariamente inviato da: Nikola_Tesla
Famoso un suo esperimento di trasmissione della corrente elettrica senza fili, riducendo i costi di trasporto dell'energia (senza tralicci né chilometrici cavi): pose un'antenna lontana 50 Km da una torre alta e piena di lampadine che riuscì a illuminare a distanza con un segnale potente trasmesso senza fili; ciò costituì la prova sperimentale che le onde elettromagnetiche trasportano energia.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^