Kaspersky Lab: passato, presente e futuro dei virus

Kaspersky Lab: passato, presente e futuro dei virus

Un incontro con Eugene Kaspersky ci ha permesso di scoprire la sua visione sui trend che seguiranno in futuro le minacce informatiche. Il mondo mobile apre nuove connessioni e possibili canali di entrata per i virus

di pubblicata il , alle 10:31 nel canale Sicurezza
 

Ieri abbiamo partecipato ad un conferenza tenutasi a Milano con Eugene Kaspersky, noto co-fondatore dell'omonima azienda attiva nel campo della sicurezza. La relazione tenuta da Eugene, attualmente a capo della ricerca e sviluppo dell'azienda, ha toccato le principali tappe dell'evoluzione dei virus, andando poi ad esaminare i trend e gli scenari futuri.

Interessante scoprire che il primo virus fu creato nel 1981 negli USA per attaccare le macchine Apple-Macintosh, mentre per vedere un virus per PC è stato necessario attendere il 1986, con due programmatori pakistani come creatori.

La relazione si è sviluppata anche presentando i creatori dei virus più famosi che sono finiti in carcere. I virus comuni, nati per divertimento e vandalismo sono in netta discesa, quelli creati dai piccoli truffatori (con intendo di guadagnare piccole somme di denaro) hanno avuto un periodo di espansione tra il 2003 e il 2005.

Dal 2004 invece il fenomeno più in espansione è quello del CyberCrime, che mira a mettere in moto un giro di guadagni con cifre a molti zeri. Dal 2004 sono cresciuti lo spam (che muove grossi capitali), il phishing e soprattutto gli attacchi mirati, alcuni con richiesta di riscatto. Un gruppo di hacker russi è arrivato a chiedere (e ottenere) una cifra compresa tra i 2 e i 3 milioni di euro. Salvo poi essere arrestati (anche se non tutti, un paio sono ancora ricercati).

Una delle minacce che ha preso piede in quel periodo sono stati i virus capaci di crittografare tutti i dati del pc dell'utente, chiedendo un riscatto per avere la password per recuperarli. Mentre le versioni più comuni adottavano password non eccessivamente complicate, Kaspersky ha riportato di versioni con crittografia a 330 e 660 bit.

Con l'espansione del gaming online, questo segmento è divenuto uno dei più colpiti, soprattutto da parte degli hacker cinesi, specializzati anche nel furto e nella rivendita di personaggi che hanno raggiunto alti livelli nel gioco. Gli hacker sudamericani sono invece specializzati negli attacchi al mondo dell'online banking, mentre dalla Russia arrivano minacce principalmente legate al furto di identità e database email da rivendere ai produttori di spam.

La nuova frontiera dal 2006 in poi sono i virus 'mobile'; alcuni di essi mirano a guadagnare somme di denaro seguendo la scia dei dialer, inviando ad esempio sms e mms ad elevati costi a insaputa dell'utente. Altri virus utilizzano i dispositivi mobili come cavalli di troia per l'accesso alle reti tradizionali.

Proprio questo ultimo aspetto sta alla base del nuovo concetto di protezione immaginato da Kaspersky e denominato 'Kaspersky Open Space Security'. Se prima era sufficiente fermare le minacce a livello del gateway per aver un livello di sicurezza accettabile, oggi ci sono diverse connessioni 'spontanee e non controllabili' attraverso le quali le minacce possono introdursi all'interno delle reti, aziendali e domestiche. Le tecnologie implementate nei nuovi prodotti prendono quindi in considerazione laptop e pc-desktop, file server, server proxy, firewall e terminali mobili.

Sebbene siano in aumento le minacce rilevate sono invece in diminuzione gli arresti, segno che la creazione e la diffusione di virus è sempre più un campo da 'professionisti' e che le forze dell'ordine faticano a stare al passo, anche a causa di legislazioni che spesso lasciano buchi normativi, nei quali gli hacker possono nascondersi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

33 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Portocala31 Maggio 2007, 11:07 #1
i vostri accounts di WoW sono in pericolo
W4rfoX31 Maggio 2007, 11:11 #2
Cracker.. non Hacker.. che proprio Hwupgrade mi caschi sull'asino...
mDsk31 Maggio 2007, 11:17 #3
Originariamente inviato da: W4rfoX
Cracker.. non Hacker.. che proprio Hwupgrade mi caschi sull'asino...


A me piacciono quelli salati
HANC31 Maggio 2007, 11:28 #4
Originariamente inviato da: W4rfoX
Cracker.. non Hacker.. che proprio Hwupgrade mi caschi sull'asino...


ma che noiosi che siete, ahò sempre lì a precisare "gnegnegne no hacker, cracker, hacker differente, cracker,attacker" e mettere in croce le persone che scrivono quando il senso che si voleva trasmettere è chiaro. Ma poi mi domando, ma cosa ve ne ritorna a voi? E che noia scusate, ma leggo sti commenti su ogni sito che fa l'enorme sbaglio di scrivere la parola "hacker", il cui redattore viene fucilato seduta stante per aver scritto hacker. Dai, ma è una situazione che sta veramente arrivando ai limiti del ridicolo, ma poi mi domando ancora: ma chi siete per fare certe affermazioni in tono così dispregiativo? Un conto è farlo per far notare una cosa in maniera amichevole, ma farlo in modo così dipregiativo...ma sei un cracker? sei un hacker? suppongo di no, anche perché intelligentemente non lo verresti a scrivere sul forum.
rozpo31 Maggio 2007, 11:31 #5
Originariamente inviato da: W4rfoX
Cracker.. non Hacker.. che proprio Hwupgrade mi caschi sull'asino...


già, è opportuno specificare, si dice CRACKER ovvero CRiminal hACKER.
la parola hacker di per sè può avere significati diversissimi, tra cui quello di "attivisti dei canali di informazione" persone che credo si sentano diffamate quando vengono assimilate a criminali
Sp4rr0W31 Maggio 2007, 11:33 #6
kaspersky vade retro... è un virus pure lui da quanto è pesante avast forever
NightStalker31 Maggio 2007, 11:36 #7
bhe è comunque molto efficiente Kaspersky, sicuramente più di Avast (guarda AVCOMPARATIVE)
rozpo31 Maggio 2007, 11:37 #8
Originariamente inviato da: HANC
ma che noiosi che siete, ahò sempre lì a precisare "gnegnegne no hacker, cracker, hacker differente, cracker,attacker" e mettere in croce le persone che scrivono quando il senso che si voleva trasmettere è chiaro. Ma poi mi domando, ma cosa ve ne ritorna a voi? E che noia scusate, ma leggo sti commenti su ogni sito che fa l'enorme sbaglio di scrivere la parola "hacker", il cui redattore viene fucilato seduta stante per aver scritto hacker. Dai, ma è una situazione che sta veramente arrivando ai limiti del ridicolo, ma poi mi domando ancora: ma chi siete per fare certe affermazioni in tono così dispregiativo? Un conto è farlo per far notare una cosa in maniera amichevole, ma farlo in modo così dipregiativo...ma sei un cracker? sei un hacker? suppongo di no, anche perché intelligentemente non lo verresti a scrivere sul forum.


mio caro ex lurker, c'è molto da dire su questa questione.
ad esempio che gli hacker sono sempre stati scomodi a chi comanda e questi stanno facendo in modo che vengano assimilati a criminali affinché perdano la credibilità. comunque non è questo il luogo, qui bisogna commentare la notizia, siamo fortemente OT ed è meglio finirla qui.
Mister2431 Maggio 2007, 11:38 #9
Originariamente inviato da: Sp4rr0W
kaspersky vade retro... è un virus pure lui da quanto è pesante avast forever


Per non parlare del norton.

http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1997811

Ha fatto più danni lui che un virus.
Sp4rr0W31 Maggio 2007, 11:50 #10
Originariamente inviato da: NightStalker
bhe è comunque molto efficiente Kaspersky, sicuramente più di Avast (guarda AVCOMPARATIVE)


non mi interessa... a me interessa che sia leggero.

e se devo sacrificare un po' di sicurezza per guadagnarne in prestazioni ben venga...

poi se uno apre qualsiasi cosa che gli mandano o scarica il mondo sono solo affari suoi

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^