Da Achab un webinar gratuito su ransomware e cryptovirus

Da Achab un webinar gratuito su ransomware e cryptovirus

Un'iniziativa gratuita di formazione online sul tema dei ransomware: Achab spiega cosa sono e come prevenirli il prossimo 15 dicembre

di Andrea Bai pubblicata il , alle 13:54 nel canale Sicurezza
 

Il prossimo martedì 15 dicembre Achab, distributore italiano di software e soluzioni per le PMI, ha organizzato un webinar gratuito sul tema "CryptoVirus: perché bucano gli antivirus e best practice per fermarli". Il webinar sarà trasmesso a partire dalle 11 e sarà tenuto da Claudio Panerai, CTO di Achab, e Alessio Urban, Tech Support Manager di Achab.

I cosiddetti ransomware come CryptoLocker e CryptoWall sono oggi tra le principali minacce informatiche: si tratta di malware che cifrano i dati e vengono usati per attaccare indistintamente privati e aziende impedendo di accedere ai propri contenuti digitali se non dietro pagamento di un riscatto.

Oltre ad un inquadramento generale del problema che illustrerà il funzionamento dei ransomware, il webinar tenuto da Achab si svilupperà con i seguenti temi:

-Perché i virus che cifrano i dati “bucano” gli antivirus;
-Quali configurazioni di sistema adottare per prevenire le infezioni;
-Come applicare policy e permessi per arginare la diffusione di virus sconosciuti;
-Quali sono le best practice di sicurezza da adottare.

Il webinar è un’iniziativa di formazione online gratuita e aperta a tutti, alla quale è possibile partecipare previa registrazione a questo link: http://www.achab.it/cryptovirus

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

24 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Bivvoz11 Dicembre 2015, 13:58 #1
Magari spiegare cavolo è un webinar, non è che abbiamo tutti installato il dizionario di webbese 2.0
Cappej11 Dicembre 2015, 14:08 #2
seminario WEB.. oramai si usa...
pingalep11 Dicembre 2015, 14:10 #3
sì però tutti abbiamo accesso a wikipedia. azi colgo l'occasione per dire: usatela e donate l'eurino annuo!
demon7711 Dicembre 2015, 14:14 #4
Tutti malware che nel 99% dei casi si attivano sfruttando "l'ingenuità" dell'utente (non in senso offensivo eh).
Purtroppo la formazione del personale da questo punto di vista è pressochè inesistente.
maxsy11 Dicembre 2015, 14:14 #5
questo è interessante anche perchè si prevede che il fenomeno aumenti nel 2016. purtroppo non so se avrò modo di seguirlo.
mi auguro che HWU riesca a fare un articolo dettagliato post-seminario
qandrav11 Dicembre 2015, 15:01 #6
Originariamente inviato da: maxsy
questo è interessante anche perchè si prevede che il fenomeno aumenti nel 2016. purtroppo non so se avrò modo di seguirlo.
mi auguro che HWU riesca a fare un articolo dettagliato post-seminario


scusa il disturbo, ma quindi è solo in diretta?
HaRiMau11 Dicembre 2015, 15:09 #7
Inserisco i dati, vado per confermare ma non succede nulla, non carica nessuna pagina di conferma. Succede solo a me?
skadex11 Dicembre 2015, 15:38 #8
Giusto da un paio di giorni ho avuto a che fare con cryptowall su un pc di un mio conoscente che mi aveva chiamato tutto allarmato e devo dire che è veramente tremendo per semplicità e pericolosità.
Il malaware è facilmente debellabile ma l'effetto generato una volta compiuto è semplicemente perfetto: non se ne esce.
Tramite software di recupero dati cancellati sono riuscito a riprendere parte dei file criptati (ed ora devo vedere se con una copia non criptata ed una criptata sia possibile recuperare la key di decodifica) ma gran parte dei dati era sovrascritto.
E' facile prevedere un aumento dei casi (benchè con opportune misure di sicurezze sarebbe facilmente contenibile) perchè solo pagando si riesce a recuperare tutto e sono in molti a capitarci perciò dove sono soldi c'è movimento.
Seminari e conferenze come questa sono ben accette visto che prima di questo caso ignoravo la loro esistenza e funzionamento. Ed ho già cambiato attegiamento con le policies di windows e backup.
nagnos11 Dicembre 2015, 16:13 #9

Per onore di cronaca

edit
v10_star11 Dicembre 2015, 16:35 #10
stanno parlando di webroot?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^