Viasat vuole bloccare i nuovi lanci dei satelliti SpaceX Starlink

Viasat vuole bloccare i nuovi lanci dei satelliti SpaceX Starlink

Viasat, società per la connettività Internet satellitare, vorrebbe bloccare i lanci dei satelliti SpaceX Starlink fino a quando l'FCC non avrà fatto una revisione completa di tutte le possibili problematiche legate alla megacostellazione.

di pubblicata il , alle 08:01 nel canale Scienza e tecnologia
SpaceX
 

Viasat, società che si occupa di connettività satellitare dal 1986, starebbe cercando di bloccare o arginare il progetto SpaceX Starlink affidandosi alla FCC (Federal Communications Commission). Lo scopo iniziale sarebbe quello di impedire che la società statunitense effettui nuovi lanci di satelliti nel prossimo periodo, bloccandone così l'espansione.

starlink

Attualmente in orbita terrestre bassa ci sono oltre 1300 satelliti (l'ultimo conteggio è di circa 1600 unità attive) che vanno a formare la prima parte della "cupola" del progetto di Elon Musk. In futuro però questi numeri potrebbero crescere fino a 12 mila unità, se non ci saranno ulteriori problemi o blocchi da parte delle autorità.

Viasat, SpaceX Starlink e l'FCC: una sfida complessa

La notizia della richiesta del blocco di nuovi lanci da parte di Viasat sarebbe stata inoltrata all'FCC negli ultimi giorni. A quanto risulta, la strategia per cercare di bloccare l'espansione della megacostellazione satellitare sarebbe legata alla necessità dell'ente regolatore di valutare l'impatto ambientale prima di approvarne l'ampliamento.

starlink

Ancora prima, alla fine di Aprile 2021, l'FCC aveva concesso alla società di Elon Musk la possibilità di mettere in orbita a circa 550 chilometri poco oltre 2800 di satelliti SpaceX Starlink (un numero doppio rispetto alla richiesta iniziale).

Tornando alla diatriba Viasat contro SpaceX, la situazione potrebbe sbloccarsi (in un verso o nell'altro) dopo una sentenza delle corti federali. La prima però avrebbe anche chiesto che fino a quel momento ulteriori lanci vengano fermati bloccando di fatto l'espansione della costellazione.

Troppi satelliti e troppo a bassa quota: le idee di Viasat

Nel documento del 27 Aprile, viene anche citata Viasat e le sue rimostranze per la costellazione di SpaceX. In generale, le varie affermazioni portate dalla società sono state "smontate" o ridotte nella gravità dalla stessa FCC prima dell'approvazione. Alcuni esempi si possono trovare a pagina 47 (e successive) nel documento linkato poco sopra.

Per esempio si cita la possibilità per i satelliti Space Starlink di creare problemi durante il rientro in atmosfera dei detriti satellitari. Secondo Viasat sopravvive al rientro "in generale" dal 10 al 40% della massa di un satellite. Questa affermazione per l'FCC non sarebbe accurata quando si parla di Starlink. Vista la costruzione di questi satelliti, questo genere di unità brucerebbe e si distruggerebbe prima di toccare terra.

starlink

Sempre Viasat parla anche dell'inquinamento luminoso, situazione già analizzata in passato. La società punta a far analizzare l'impatto delle grandi costellazioni in orbita bassa attraverso il National Environmental Policy Act (NEPA). L'American Astronomical Society ha però constatato che diminuendo la quota e apportando ulteriori modifiche al design, l'impatto potrebbe essere minore di quanto stimato inizialmente. Nonostante tutto l'FCC ha comunque incentivato il dialogo tra le parti per ridurre ulteriormente questo genere di problematiche.

Viasat non si è detta comunque soddisfatta. La società ha dichiarato che non sono state fatte analisi complete e che si aspetta invece una revisione e approfondita della questione. L'FCC avrà tempo fino all'1 Giugno per rispondere, scaduto questo termine Viasat passerà alla Corte d'Appello USA per cercare di ottenere lo stop all'espansione. In ultimo c'è da considerare che Viasat utilizza satelliti posti in orbita GEO (geostazionaria) e non LEO come SpaceX Starlink. Per questo le obiezioni mosse dalla società non la riguarderebbero, pur essendo nello stesso settore, anche se c'è ovviamente da considerare la voglia di creare problemi alla concorrenza.

Seguiteci anche su Instagram per foto e video in anteprima!
4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Jack.Mauro26 Maggio 2021, 10:09 #1
Non sono abbastanza competente per valutare la legittimità delle osservazioni tecniche fatte da Viasat, ma il fatto che Viasat sia un concorrente di Starlink le rende sicuramente meno autorevoli, soprattutto dal punto di vista ambientale.
frncr26 Maggio 2021, 10:44 #2
L'idea di avere il cielo "riempito" da decine e decine di migliaia di satelliti a bassa quota non è entusiasmante, per certi versi, ma è ovvio che le obiezioni di Viasat sono strumentali per tentare di rallentare la concorrenza.
E' facile prevedere che una volta operativa la rete Starlink, il business di Viasat sia destinato a sparire rapidamente assieme al suo capitale, perciò è comprensibile che tentino qualsiasi carta per sopravvivere. Del resto non puoi competere nei fatti con un concorrente che realizza in proprio i satelliti e i vettori per lanciarli e che offrirà un servizio incomparabilmente migliore.
Tra l'altro Viasat ha opzionato a SpaceX un lancio con Falcon Heavy per il prossimo anno, contratto che mi pare poco sontenibile a questo punto.
Sig. Stroboscopico26 Maggio 2021, 11:17 #3
Sono questioni che hanno anche un senso, ma vengono da un concorrente e altre nazioni vogliono fare costellazioni analoghe (Cina, UK altre?)

I telescopi lì si porterà nello spazio e funzioneranno anche meglio.

Facciamo qualche sa per inquinamento luminoso terrestre che inquina pesantemente e ci impedisce la visione del cielo
Gringo [ITF]26 Maggio 2021, 13:33 #4
Io ricordo SkyStar che stava su Satellite Astra, ad un certo punto hanno cambiato satellite, risultato commercialmente morti, perchè scomparsi dai due satelliti più usati (Astra ed Hotbird), o riposizionavi l'impianto o Adios...
Risultato.... ADIOS.
Stesso succederà con Starlink, la facilità di puntamento e tante altre cosucce faranno migrare tutto su quest'ultimo servizio, ma è progresso alla fine, un poco eccessivo ma pur sempre si guarda avanti.
Stanno progettando pure il GPS Lunare, e chissà su Marte Pure.

Mica EOLO si mette a denunciare il fatto se sia corretto posare così tanta fibra in Italia...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^