NASA e Roscosmos parleranno del futuro della ISS nelle prossime settimane

NASA e Roscosmos parleranno del futuro della ISS nelle prossime settimane

La NASA e Roscosmos potrebbero discutere nelle prossime settimane del futuro della ISS (Stazione Spaziale Internazionale). La Russia vorrebbe iniziare a disimpegnarsi già dal 2025 ma gli USA vorrebbero continuare fino al 2030.

di pubblicata il , alle 07:31 nel canale Scienza e tecnologia
NASARoscosmos
 

Sappiamo che ufficialmente la Russia sta cercando di capire quanto convenga supportare con finanziamenti e tecnologia la Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Secondo quanto riportato poco tempo fa, Roscosmos potrebbe sospendere la collaborazione già a partire dal 2025 ponendo a rischio la sopravvivenza del progetto. Ma qualcosa potrebbe cambiare nelle prossime settimane grazie alla NASA.

nasa

In una conferenza on-line il nuovo amministratore della NASA, Bill Nelson, ha dichiarato di voler parlare con la controparte per cercare di convincerla a desistere dal rinunciare al progetto della ISS, prolungando il periodo ancora per qualche anno, quando ci sarà una nuova stazione spaziale.

NASA, Roscosmos e Cina: il futuro dell'esplorazione spaziale

Secondo quanto riportato, Bill Nelson avrebbe dichiarato di voler incontrare Dmitry Rogozin (direttore generale di Roscosmos) proprio per parlare del futuro della ISS. Il piano dell'amministratore dell'agenzia spaziale statunitense sarebbe quella di convincere la Russia a espandere la vita operativa della stazione spaziale fino al 2030.

Questo permetterebbe di avere più tempo per la realizzazione di alcuni progetti paralleli come quello della stazione spaziale costruita dai privati e alla quale la NASA si potrebbe "appoggiare". Questo consentirebbe all'agenzia spaziale statunitense di ridurre i costi complessivi pur mantenendo un avamposto nell'orbita bassa terrestre.

nasa

Rogozin ha scritto su Twitter, in risposta a Nelson, che "il nuovo amministratore della NASA, il signor Nelson, è una persona e uno specialista rispettato e onorato. Sarò felice di incontrarlo. Lo abbiamo già invitato in Russia e siamo pronti a discutere in modo aperto e costruttivo tutte le questioni della nostra cooperazione nello Spazio".

C'è però da considerare anche che la Russia (e Roscosmos) si è già impegnata a partire dal 2026 a realizzare la stazione spaziale lunare con la Cina. E proprio con lo stato asiatico sta stringendo via via rapporti sempre più stretti quando si tratta di politiche spaziali.

Proprio con la Cina, gli Stati Uniti hanno rapporti politici molto tesi e questo si ripercuote anche sull'esplorazione spaziale. Nonostante le congratulazioni di Nelson per l'atterraggio del rover Zhurong, non c'è un'apertura formale al dialogo. Principalmente questo punto dovrà essere risolto a livello politico e la NASA a quel punto si potrà adeguare.

L'amministratore ha anche aggiunto "guardate i cinesi. Stanno iniziando a diventare molto aggressivi [ndr. nell'esplorazione spaziale e della Luna]. [...] Dobbiamo essere preoccupati … non c'è niente da sottovalutare o ignorare". L'impegno di Nelson sarà anche quello di continuare a realizzare il progetto da 2,5 miliardi di dollari per lo studio della Terra e del cambiamento climatico.

In futuro quindi potremmo assistere a un progressivo disimpegno della ISS (fino al 2030), alla presenza della stazione spaziale cinese e alla stazione spaziale russa in orbita terrestre bassa. Ci saranno poi le due basi lunari, una sarà il Lunar Gateway finanziato da NASA e altre agenzie e quella realizzata dalla collaborazione Russia-Cina. Il tutto sarà concentrato nel periodo che va da qui a nove anni.

Seguiteci anche su Instagram per foto e video in anteprima!
3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Gringo [ITF]26 Maggio 2021, 08:29 #1
- Be... basta calcolarne il rientro sul suolo cinese, e dire che c'è una probabilità bassa che cadi su un centro abitato, facile e pulito come fà la Cina ultimamente.
- Poi se cade su deserto, basta dire VISTO ve lo avevamo detto che non succedeva nulla.
Sandro kensan26 Maggio 2021, 19:25 #2
Ma la Russia con Roscosmos non ha nessun interesse a prolungare la vita alla ISS, mica ha l'obbligo di portale il moccolo agli stati uniti, che si arrangino. La Russia e la Cina hanno già un pezzo di stazione spaziale in orbita e nel gito di un paio d'anni avranno già una base.

Se gli USA sono in ritardo sono affari loro. Se vogliono possono attaccarsi al carro dei russi-cinesi.
AlPaBo26 Maggio 2021, 20:39 #3
Quindi la NASA chiederà ai russi di spendere soldi a perdere in modo che possa poi dare quanto risparmiato ad alcune sue aziende private.
Interessante richiesta.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^