SpaceX ha completato la prima copertura satellitare di Starlink con la missione L-28

SpaceX ha completato la prima copertura satellitare di Starlink con la missione L-28

SpaceX nella serata di ieri, ora italiana, ha completato un'altra missione Starlink lanciando in orbita bassa altri 60 satelliti per la connettività Internet. Tutto si è svolto correttamente e ora il primo ''guscio'' di satelliti è completo.

di pubblicata il , alle 08:31 nel canale Scienza e tecnologia
SpaceX
 

Nonostante le minacce di Viasat, nella serata di ieri (ora italiana) si è tenuta con successo la missione Starlink-28 di SpaceX. Si tratta di una missione importante non tanto per il carico utile, con i "soliti" 60 satelliti per la connettività Internet, ma piuttosto perché con questo lancio è stata completata la prima copertura (guscio) satellitare.

Certo, i piani della società di Elon Musk sono molto più ambiziosi. Saranno molti di più gli Starlink posizionati a quote diverse per cercare di coprire le zone considerate commercialmente più utili. Il tutto permettendo di avere velocità fino a 300 Mbps e latenze decisamente ridotte entro la fine del 2021. Il prezzo attualmente non è competitivo con le classiche connessioni domestiche, ma non è neanche nelle intenzioni della società fare concorrenza a queste ultime.

La missione SpaceX Starlink-28 e alcune informazioni

Come riportato da SpaceX sul suo sito ufficiale, questa missione prevedeva l'utilizzo del primo stadio del Falcon 9 (codice B1063) che era stato impiegato per il lancio del satellite Sentinel-6A. Rispetto ad altre missioni quindi, il primo stadio era "relativamente" nuovo. Solamente un paio di settimane fa in un'altra missione Starlink era stato impiegato un razzo che ha completato il decimo lancio.

Nonostante tutto c'è un altro record di riutilizzo. Una delle due metà dei fairing (copertura del carico utile) è arrivata al suo quinto lancio, con gli altri quattro che erano sempre per missioni Starlink, permettendo così di ridurre il costo di qualche milione di dollari per lancio. L'altra metà invece è stata impiegata in passato per un'altra missione con Starlink e Transporter-1.

Il primo stadio è atterrato correttamente sulla droneship Just Read the Instructions (JRTI), sorella dell'altra chiatta senza equipaggio Of Course I Still Love You (OCISLY), così da poter essere riutilizzato in futuro per altre missioni. Nella serata di ieri sarebbero dovuti essere visibili anche alcuni passaggi dei satelliti lanciati durante questa missione ma (almeno nella zona del Nord-Est) non c'è stato il solito spettacolo.

La traiettoria prevedeva un lancio dalla Florida (Space Launch Complex 40 a Cape Canaveral) verso l'Oceano Atlantico per poi compiere le prime orbite, prima della separazione dal secondo stadio. Il numero complessivo di satelliti funzionanti che servono per la prima copertura (guscio/shell) comprende 1584 unità a una quota di circa 550 km, quando tutti saranno in posizione.

starlink

Come descritto accuratamente da NASA Space Flight, ci saranno complessivamente ci saranno cinque gusci, due dei quali saranno con orbite polari. Il numero totale di satelliti per completare la prima fase (e i cinque gusci) è pari a 4408, come scritto anche nel documento redatto dall'FCC e datato 27 Aprile 2021.

Interessante sono anche le statistiche relative ai lanci complessivi con razzi Falcon 9 da parte di SpaceX. Per esempio questo è la centesima missione consecutiva portata a termine, il 16° lancio dall'inizio dell'anno con una cadenza media di uno ogni nove giorni. Sei lanci inoltre si sono tenuti negli ultimi 33 giorni, con una media di uno ogni cinque giorni. Elon Musk stesso ha inoltre aggiunto che il carico utile (in termini di massa) inviato in orbita dalla società è più del doppio rispetto al resto del Mondo combinato per negli ultimi dodici mesi. Statistiche decisamente incredibili fino a poco tempo fa.

Seguiteci anche su Instagram per foto e video in anteprima!
1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Notturnia27 Maggio 2021, 09:02 #1
il famoso scudo stellare di Regan ? :-D

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^